L’Olimpia Milano ai PO di Eurolega: le possibili avversarie

L’Olimpia Milano è ufficialmente ai playoff di Eurolega per il secondo anno consecutivo. Quali le possibili avversarie?

Come abbiamo già riportato, l’Olimpia Milano è ufficialmente qualificata ai playoff di Eurolega per il secondo anno consecutivo. Posizionata al momento in terza posizione, la squadra milanese detiene un record di 16 vittorie e 6 sconfitte. Nella corsa verso le Final Four di Belgrado, influirà ovviamente molto l’avversario che l’Armani Exchange affronterà nel primo round della post-season. Andiamo a dare un rapido sguardo quindi a coloro che potrebbero finire nel cammino milanese ai playoff di Euroleague.

L’Olimpia Milano ai playoff di Eurolega: chi affronterà l’Armani Exchange?

Olympiacos: La squadra greca, a dire il vero, difficilmente sarà l’avversario dell’Armani Exchange Milano. La squadra del Pireo si trova attualmente in quarta posizione, con un record di 15 vittorie e 7 sconfitte. Nel caso di un improbabile crollo in queste ultime giornate, sarebbe comunque un avversario ostico e difficile per i meneghini. Vantano infatti un 2-0 negli scontri diretti in stagione e, almeno nella struttura del roster, l’Olimpia si accoppia male con la squadra greca. Hanno il giusto mix di giovani e veterani, oltre a poter vantare un sistema difensivo di alto livello. Sarebbe una sfida difficilissima per l’Armani Exchange.

Efes: I campioni d’Europa in carica hanno un record di 12 vittorie ed 8 sconfitte ed occupano momentaneamente la quinta posizione. Anche loro, difficilmente saranno gli avversari dell’Olimpia Milano. Ad ogni modo, la squadra meneghina ha dimostrato di accoppiarsi bene per struttura con i turchi, vincendo anche la gara d’andata. C’è sempre da considerare l’aspetto mentale però: i turchi hanno dimostrato lo scorso anno di essere capaci di accendersi e diventare totalmente un’altra squadra nei playoff. Inoltre, Larkin è difficilmente contrastabile se dovesse entrare on fire. Sarebbe una sfida difficile, ma affascinante.

Bayern Monaco: il remake dello scorso quarto di finale di Eurolega è possibile. Se la stagione regolare finisse oggi, la squadra bavarese sarebbe la nostra avversaria, di nuovo, con un record di 12-10. La squadra di coach Trinchieri la conosciamo bene: ha un sistema difensivo ben collaudato, oltre ad essere organizzata in attacco. Nel proprio campo passare è difficile, ma fuori casa in questa stagione, ad oggi, ha faticato non poco. Da temere il talento di Lucic e l’esperienza di Hunter, Hilliard e Thomas. Sembrerebbe essere però un avversario alla portata.

Maccabi Tel Aviv: Una serie playoff in Eurolega tra Olimpia Milano e Maccabi Tel Aviv evoca sicuramente brutti ricordi. Quel tiro libero di Langford, preceduto da una clamorosa rimonta israeliana, grida ancora vendetta. Detto ciò, le due squadre non sono quelle di allora. La squadra gialloblu rappresenta forse l’avversaria più possibile per l’Armani Exchange Milano. Con un record che dice attualmente 11-10, non ha un calendario particolarmente difficile: tolti gli impegni con le prime tre della classe, ha tutte partite assolutamente alla loro portata. Lo Yad-Eliyahu è un vero e proprio fortino, ma fuori casa quest’anno hanno praticamente sempre perso. Hanno un talento nello scoring ampiamente diffuso nel loro roster, quindi servirebbe una grande serie difensiva. Avversario comunque assolutamente alla nostra portata.

Monaco: La squadra francese ha attualmente un record di 10-13, ed è forse la sorpresa di questa stagione. Risulta essere nel gruppo di squadre con più probabilità per finire nel ruolo di nostra sfidante in una serie playoff. Il roster ha abbastanza talento, su tutti l’ex Milano Mike James. Il loro sistema difensivo è tra i peggiori in assoluto, se non il peggiore, ma sono attualmente in un buon momento. Nonostante i vari James e Motiejunas, l’Olimpia Milano non dovrebbe avere problemi in un’eventuale serie playoff contro il Monaco.

Stella Rossa: Difficilmente la squadra di Belgrado sarà l’avversaria dell’Olimpia Milano in una serie playoff di Eurolega, ma le possibilità ci sono. Detengono un record di 9-12, con ancora 7 partite da giocare. Probabilmente lotteranno per l’ottavo posto fino alla fine, ma il calendario non è dalla loro, avendo ancora 3 big da affrontare ed un paio di trasferte non semplici. Poco talento nel loro roster, squadra solida ma facilmente battibile per l’Olimpia Milano.

Fenerbahce: La squadra di coach Djordjevic è senza dubbio una delle squadre più penalizzate dall’esclusione delle russe. Il loro record è di 9-13, con 6 partite da disputare. Il loro roster è di altissimo livello, quindi non è da escludere un possibile 5-1 o addirittura 6-0 per concludere la regular season. Rappresenta forse il pericolo maggiore per l’Olimpia Milano, considerando il rapporto tra forza della squadra e probabilità di prenderla nei playoff. Il sistema difensivo è di alto livello, mentre in attacco hanno giocatori in grado di fare la differenza. Probabilissimo il loro accesso ai playoff, nonostante il record ora sia assolutamente negativo. Barcellona e Real Madrid sono avvisate: una serie contro di loro non sarebbe per nulla facile. Per quanto riguarda Milano, come detto sopra, ci sono probabilità per assistere ad un nuovo capitolo della sfida tra Messina e Djordjevic, ma Monaco, Maccabi e Bayern Monaco hanno maggiori possibilità.

15 thoughts on “L’Olimpia Milano ai PO di Eurolega: le possibili avversarie

  1. Se così fosse, anche quest’anno ci va abbastanza di culo.

  2. Ottima notizia: la Stella Rossa ha battuto il Real, dovremmo essere secondi!

    1. No. Siamo pari con scontro diretto a sfavore.
      Comunque secondo o terzo cambia poco. Anzi stando alle previsioni qui sopra, forse meglio terzi che secondi

      1. Real abbastanza in crisi, si può sperare di fare il colpaccio.

      2. Il colpaccio sono d’accordo, ma allora dovremmo preservare Hines, Rodriguez, Melli, Hall, Datome e fare giocare gli altri. Se il colpaccio è possibile, perché stancare i nostri vecchi?
        Penso che Tarczewski, Alviti, Baldasso, Kell e Grant siano più che sufficienti. E se non li facciamo giocare le partite da colpaccio, che li ha presi a fare Messina?
        Solo perché è presidente e anche allenatore?
        E Daniels? Se l’hai preso dagli 35 minuti, tanto il Real di Llaso è notoriamente una preda!
        E, ma questa forse è una mia esagerazione dovuta al tifo cieco, io farei giocare anche Moraschini.
        Magari non ha il ritmo partita, ancora, ma 15 minuti secondo me li può reggere, al posto di Baldasso che non vorrei arrivasse spompato ai play off dello scudetto.

    2. Hines rodriguez e soci vanno preservati in lba,palmasco svegliati!

      1. Ma sai Robert, (Robert???, forse per questo il tuo italiano è improbabile, ahahah, scherzo) tu dici di preservarli in LBA: secondo me invece vanno preservati in EL, che tanto nelle F4 perdiamo di sicuro, e poi le F4 non contano nulla, zero titoli, ahahaha – certo anche in LBA e in allenamento dovrebbero riposare, secondo me – sono opinioni sai, io dico la mia, umilmente come te, o forse io non ho il diritto di avere la mia opinione: magari sei tu che sei talmente un seguace del riposo, che non ti riposi mai, chissà?
        Non vedi altro che riposo e sconfitte, magari sei un seguace ossessivo della sconfitta, ma io rispetto la tua opinione, ci mancherebbe!

        E poi diciamolo, che li facciamo riposare a fare i nostri giocatori, se gente molto più esperta di me ha già scritto che perdiamo la finale di sicuro?
        Non sarebbe meglio spendere i soldi di Armani per una catasta di materassi?
        E se Bologna si compra anche l’omino Permaflex, che facciamo?
        Non sarebbe meglio comprare il pullman della Juventus? Così nelle trasferte i giocatori riposano meglio?
        Robert, dimmi tu, che pendiamo tutti dalle tue labbra.
        Ti prego! Tu che vedi il futuro, come hai dimostrato da anni.
        Lo compriamo o no quel pullman, che dici? Interroga la tua sfera, ti prego.

      2. Il dono della sintesi non ti appartiene, ma probabilmente, essendo extra comunitario, non riesci a sintetizzare i concetti che vuoi esprimere in una lingua diversa dalla tua.

      3. Ahi, ahi, ahi, anche razzistello.
        Urka, forse chi ha bisogno di riposo sei tu!
        Se continui così magari prima delle finali ti scoppia il fegato, stella!
        Che dici, ci sarà qualcuno qui a cui dispiacerà?
        Tu che vedi il futuro, che dici, ci mancherai? Sapremo fare a meno della tua sapienza, della varietà dei tuoi argomenti?
        Ti prego, vaticina come sai fare tu.

      4. Scrivo una cosa alla Catalano: sono i perdenti che vedono solo le sconfitte.

      5. In questi ultimi anni tanti romanzi ma 0 titoli con fegato spappolato e travasi di bile ,palmasco cucù e lo scudetto non c’e più.

  3. A me invece sembra probabile un 4o posto e quindi un confronto con la 5a che sarà l’Efes

  4. Milano se non si suicida arriva nelle prime quattro. Il peggio sarebbero le turche. L Olympiakos per me arriva nelle prime quattro anche lui.

    1. Concordo. Per evitare l’efes occorre arrivare tra le prime tre, per il fener invece andrà a culo

      1. Io vorrei Bayern o maccabi… Squadre ideali per Milano. Soprattutto il maccabi. Tanti scorer, zero difesa. Perfetti per Milano. Delaney e hall su wilbekin e non riescono più a giocare in attacco. Li attacchi sui cambi difensivi e sono morti.

Comments are closed.

Next Post

Il Real perde anche a Belgrado. Pablo Laso attacca gli arbitri: Era fallo su Llull

Quarta sconfitta in fila, settima nelle ultime dieci tra EuroLeague e ACB per il Real, prossimo avversario di Olimpia Milano giovedì sera
Real Belgrado Pablo Laso

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: