Virtus vs Olimpia Milano | Come arrivano alla finale i giocatori biancorossi

Si avvicina la finale scudetto 2022: diamo uno sguardo, giocatore per giocatore, alla condizione ed a cosa potranno dare contro la Virtus

Olimpia Milano 2022
Olimpia Milano 2022

Si avvicina sempre più l’avvio della finale scudetto, con il remake della sfida tra Virtus Bologna e Olimpia Milano, il derby d’Italia che vale il tricolore 2022. Aspettando la prima palla a a due, programmata per mercoledì alla Segafredo Arena, diamo uno sguardo alle condizioni dei giocatori biancorossi ed alle loro possibilità di essere protagonisti.

CLICCA SUI NUMERI IN FONDO PER CAMBIARE I GIOCATORI

19 thoughts on “Virtus vs Olimpia Milano | Come arrivano alla finale i giocatori biancorossi

  1. Saranno 4/7 partite di fuoco 🔥. Noi siamo in credito con la fortuna e la condizione non ci deve abbandonare, Tutti devono stare bene ed essere coscienti che la possiamo/dobbiamo portare a casa. Solo così potremo cancellare i fantasmi del passato.

    1. Dimenticavo, la questione Pozzecco non può non turbare l ambiente. Petrucci avrebbe dovuto attendere per lo meno la fine della serie finale prima di agire contro l Olimpia.

      1. …e Pozzecco avrebbe potuto convocare conferenza stampa e dire “Per rispetto a un professionista di lusso come Sacchetti e per rispetto al mio attuale datore di lavoro non ho alcuna intenzione di prendere una decisione prima della fine della stagione e prima che sia passata qualche settimana dal licenziamento di Sacchetti”. Non tutte le ciambelle…

  2. Rispetto alla serie, contro Sassari, sarebbe utile uno step up, di Grant e Bentil. Mi sarebbe piaciuto giocarmela, con Delaney e Mitoglou, ma questa, è un’ altra storia.

    1. Concordo in pieno con il tuo parere, con Delaney e Mitoglou sarebbe stata un’altra serie e probabilmenta avremmo già gioito qualche settimana fa per un trofeo senza dubbio molto più importante rispetto ad una competizione locale, ma purtroppo non è così, mi preoccupa soprattutto il lato regia. Su Bentil ho il mio pensiero, è un’ala pura, non può sostituire Mitoglou che nella nazionale greca gioca anche centro all’occorenza: Bentil pur in possesso di un ottima stazza fisica non è stato impostato per giocare vicino al canestro e quando lo deve fare si trova spesso in difficoltà, i suoi punti forti infatti sono il tiro perimetrale e il lay-up ricevendo la palla sul taglio. Grant è questo, buon difensore, diligente nei compiti ma con poca fantasia e duttilità, poi come tutti i pro statunitensi “sente poco” il valore della disputa. Non so, il mio vecchio cuore dice Milano, ma la razionalità m’induce a pensare che sarà molto difficile, certo non impossibile. .

      1. A ranghi completi avremmo vinto probabilmente il trofeo più prestigioso? Dirlo mi sembra un azzardo che lascia il tempo che trova…..Su Bentil tutto giusto, il reale valore del ragazzo lo abbiamo scoperto da tempo, un giocatore che pur avendo buone attitudini lascia pensare che il non saper sfruttare a dovere (nel pitturato) quel fisicaccio, lascia un po l’amaro in bocca e bisogna andare indietro(alla sua formazione) nel tempo per cercarne i motivi: quello che poteva essere ( anche NBA) e non è stato; per fare un esempio Al Horford (stessa taglia) reduce da una meravigliosa Gara 1 con Boston ed in possesso di un contratto da più di 20 milioni a stagione

  3. Io non farei troppi paragoni con l’anno scorso, allora Milano veniva dalla Final 4 ed era consumata da un punto di vista sia fisco che mentale, quest’anno mi pare stia molto bene fisicamente, ha un Delaney in meno ma un Melli in più, Gigi l’anno scorso non si reggeva in piedi mentre quest’anno c’è, poi ovvio che sarà una serie equilibrata, per me 4-2 o 4-3 Milano.

    1. Speremm, comunque lo scorso anno alle finali Gigione è stato l’ultimo ad arrendersi.

  4. Arriviamo in finale contro una squadra che ha barato alterando la legalità della LBA col benestare di Petrucci, acquistando 2/5 del CSKA Mosca in un mercato vietato all’unico competitor per lo scudetto. Il Karma avverso colpirà chi perdeva spesso in Eurocup, salvo poi casualmente vincerla dopo l’arrivo dei “russi”. In finale sarà 4-0 Olimpia. La difesa sarà un muro e i tuffi della verginella Teodosic saranno filmati come esempio per le squadra nazionale femminile di nuoto sincronizzato.

    1. Evidentemente brucia ancora 4-0 dell’anno scorso …..Olimpia squadra costruita x vincere sia in Italia che in Europa, primo obiettivo andato vediamo in Italia se riuscirete a conquistare questo benedetto scudetto, occhio a non fare errori se no, povero Messina, il prossimo alla crocifissione …..
      E pubblicatemi per una volta!!!!!

      1. Vedi, non so se ti conviene essere pubblicato, perchè poi finisce che prendi del pirla

    2. La Virtus avrebbe barato se avessero messo una regola doc nel momento dell’ingaggio dei due ex CSKA, invece non è così, perché, per regolamento, loro lo potevano fare e hanno colto l’occasione al volo. Certamente non è colpa di Bologna, se noi, al contrario, avevamo finito i tesseramenti anche in LBA con il “colpo” Kell. Ok essere tifosi, ma bisogna anche saper essere sportivi.

  5. Anch’io ho pensato ad una mossa premeditata di Petrucci, giusto per rompere le palle all’odiata Olimpia e per mettere in chiaro da che parte stia la Federazione. Poi, riflettendo sull’infinita eleganza della sua loquela, colta e mai offensiva, sulla specchiata carriera, sempre avulsa da giochi di potere e rancore ed alla sua incredibile competenza, grazie alla quale ha portato il movimento cestistico ad essere centrale non solo allo sport italiano, ma a tutte le espressioni culturali ed economiche del paese, ne ho avuto la certezza. Poi certo, per fortuna il responso lo darà il campo. Dovremo essere più forti anche delle loro sceneggiate, mentalmente concentrati dal primo all’ultimo istante. Forza Olimpia.

  6. Da sempre la federazione sta con la Virus, niente di nuovo sotto il sole. Mai capito il perché ma è così.

  7. Al netto dei soliti piagnistei (Mitoglou il pirla è lui non il commentatore qui sopra che esprime un’opinione legittima, Delaney un infortunato ci sta, CSKA se abbiamo bruciato i visti mica colpa della Virtus che ha seguito le regole e colto le opportunità,Pozzecco in nazionale dovrebbe solo motivate i nostri italiani) la corretta analisi sulla stato di forma fa concludere per una facile vittoria nostra con buona pace di Baraldi e c.

    1. Sottolineo che la Virtus ha fatto le cose regolarmente e in modo intelligente. Non capisco questa voglia di criticare la società per due colpi di mercati straordinari.

    2. @doc63 una semplice domanda, tu sei mai andato a sfottere i tifosi Virtus su un sito a loro dedicato?

  8. Leggendo questi commenti,colti,puntuali,e competenti,capisco perché Milano non vince.Quando parlate di grandi difese,quando parlate di squadra completa,quando parlate di basket in generale si capisce che ne sapete poco.Pensate solo a come è messa Milano nel ruolo di Play,e come è messa la Virtus e poi capirete di cosa si parla.

Comments are closed.

Next Post

Andrea Tosi: La Virtus vuole confermarsi, l'Olimpia cancellare un'onta

Andrea Tosi firma su La Gazzetta dello Sport l’editoriale dal titolo «Virtus-Olimpia, un duopolio come ai tempi di Milano-Varese»
Andrea Tosi Virtus

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: