Della Valle 6 – Avvio raccapricciante soprattutto in difesa, come se il campo di basket fosse stata una fresca conoscenza. Nel finale prende coraggio e la squadra lo serve. 10 punti, 3 rimbalzi e 1 recupero, non perfetto il 5/7 dalla lunetta nel finale per i suoi standard.

Mack 4 – Ad ogni buona cosa seguono due magagne, e anche in difesa è tutt’altro che perfetto (non che gli altri…) rispetto ad altre uscite. 6 punti, 4 rimbalzi, 3 assist e 4 palle perse in 21’.

La cronaca della partita

Biligha 6 – 13’ di puro coraggio, come sempre, e anche 4 punti, 2 rimbalzi offensivi, una palla rubata e una stoppata.

Moraschini 5 – L’impegno c’è in difesa, +8 di plus/minus, ma in attacco sbaglia ogni scelta e si prende troppe libertà in un tiro da tre punti che non entra (0 punti e 0/4).

Roll 4 – Se deve reggere così l’attesa di Nedovic i primi segnali non sono positivi. In 20’ 2 soli punti, una tripla tentata e -16 di plus/minus.

Le parole di Ettore Messina

Rodriguez 7 – Ispiratissimo come in preseason e a Treviso, suona la carica nel primo e nel quarto quarto trascinando i suoi alla rimonta. 14 punti, 3 rimbalzi, 6 assist e 2 palle rubate. Anche lui litiga dal ferro però (1/6).

Tarczewski 5.5 – Solita altalenanza con pessima gestione dei falli e imposizione a Messina di quintetti differenti. Chiude con 6 punti, 8 rimbalzi e +1 di plus/minus in 18’.

Cinciarini sv

Burns ne

White sv – 2 punti in 4’ e la sua gara termina subito nonostante 2 rimbalzi. Non risultano problemi a livello fisico. Forse è un caso?

Brooks 4.5 – 2 punti e 4 rimbalzi giocando a lungo da ala piccola, come ai tempi di Malaga, nei 25’ a disposizione. Giocatore irriconoscibile dal finale della scorsa stagione.

Scola 6 – Esordio da 17 punti e 6 rimbalzi. Non male in EuroLeague, ma il -29 di plus/minus racconta anche altro. 

Coach Messina 5 – Prova quintetti differenti, anche con Brooks, White e Scola insieme, e ottiene due risposte dai suoi giocatori, nel primo e nel quarto quarto (dove in fin dei conti Milano ha tre tiri per il pareggio). Tuttavia il lavoro è molto lungo: in attacco manca qualità, e anche in difesa si vede qualche passaggio a vuoto.

Annunci

10 Comments »

  1. Voti condivisibili, qualche considerazione “a tiepido”:

    – Con Scola in campo sono arrivate parecchie palle perse che hanno portato i punti facili in contropiede del Bayern, comprensibile vista la mancanza di affiatamento con la squadra e difficoltà di trovare le spaziature giuste in attacco.

    – Al momento la campagna acquisti sembra totalmente negativa, Mack impalpabile se non dannoso, Roll avulso dal gioco, White oggetto misterioso.

    – La % da 3 preoccupa, spero sia dovuta al fatto che abbiano caricato come preparazione fisica.

    – Da Tarczewski mi aspetto una crescita, dopo un’intera stagione di Eurolega giocata a buoni livelli non deve più commettere sempre gli stessi errori di falli in difesa e aggiungere qualcosa come movimenti in attacco.

    – Con il Chacho in panchina in campo è notte fonda.

    – Volendo vedere il bicchiere mezzo pieno, un buon Bayern contro una pessima Milano, la stessa partita limando qualche dettaglio con qualche palla persa in meno e un paio di tiri liberi e tiri da 3 segnati in più era comunque vincibile.

    Sono comunque fiducioso, sicuramente per creare un sistema difensivo di squadra serve più tempo rispetto a basarsi sul talento individuale per cercare di segnare un canestro in più dell’avversario.

  2. Prima cosa: nervi a posto, in Eurolega ci sono state squadre che hanno iniziato male e poi sono arrivate ai play-off, quindi prima di emettere “GIUDIZI DEFINITIVI” aspettiamo.

    Mi verrebbe da fare qualche domanda più che emettere giudizi anche provvisori.

    Ma Roll e White (soprattutto il primo) sono ancora loro? perché l’anno scorso li avevo visti belli pimpanti.
    Quanto tempo ci vorrà perché Mack ci capisca qualcosa? perché mi rifiuto di pensare che sia un brocco. Ne abbiamo bisogno in fretta perché solo con il Chaco non possiamo farcela.

    Certo l’anno scorso avevamo iniziato con i fuochi di artificio, mentre a vederli quest’anno qualche dubbio viene, ma io mi chiedo

    Preferite il trio Pianegiani, James, Nunnaly oppure Messina, Rodriguez, Mack ? Scelte intermedie non ci sono quindi la scelta è questa. Lo scrivo tanto per anticipare i nostalgici.

    PS: Ieri l’unica cosa che ho apprezzato è che nella difficoltà Messina ha coinvolto e cercato di responsabilizzare tutti i giocatori. Mi sembra che cerchi soluzioni e supporto da tutti, mentre l’anno scorso le scelte e le esclusioni erano precise e definitivi e se non ricordo male tutti si lamentavano

      • Caro leopard anche a me sarebbe piaciuto “sulla carta”, ma questa combinazione non esisteva e non esiste. E’ stata una scelta tecnica, che credo sia stata presa con attenzione dal nuovo coach. Volevi che rimanesse Pianegiani ? Allora bisogna scegliere e quando si fanno delle scelte sempre nella vita di rinuncia a qualcosa o qualcuno. Quindi mille volte meglio Messina/Rodriguez

  3. Aspettiamo fine ottobre per trarre giudizi. Ovvio che in LBA si possono perdere anche le prossime 3 partite, ma non in Eurolega perché i due punti contano, visto ci sarà la solita ammucchiata per l’accesso a play-off.
    Mi rifiuto di credere che White e Roll siano questi. Mack non so non l’avevo mai visto prima. Detto questo questa squadra non è da play-off ma lo è quella con Micov, Guda e Nedovic.
    Per il confronto con il vecchio corso avrei tenuto Nunnally (al posto di Roll) e forse Kuzminskas.

  4. Tempo al tempo, sperando di non pagare troppo la partenza lenta. E proprio la partenza lenta (approccio al match) si sta palesando come problema non previsto. Inserire Scola direttamente in campo era un rischio: non ha pagato molto. Credo anche io che le percentuali da fuori siani figlie di carico di lavoro atletico. Bello vedere un coach che le ha provate tutte, coinvolgendo tutti. Ripartiamo da quj.

  5. Direi di no. Ma e’ differenziato secondo differenti programmi. Qualcuno “carica” prima, altri dopo. Ma non sono sicuro che per Milano la spiegazione pissa essere questa….

  6. A me quella del carico di lavoro pare una stupidata. Lo fai x un obiettivo importante che hai fra un mese. Farlo ora che senso ha?

  7. Al momento non sono preoccupato ma qualche campanello d’allarme mi suona in testa.
    Coach Messina ha sempre impostato un sistema di gioco “da squadra” sia in attacco che in difesa (e sotto Popovich lavorava con uno dei pochi allenatori nba che non propone 48 minuti di isolamenti e pick & roll). Ci vuole tempo, ci vuole pazienza.
    Ieri in una partita difficile ha ruotato molto ed i giocatori a lunga andare ripagano la fiducia di essere coinvolti in un progetto.

    I campanelli d’allarme sono i seguenti:
    – in questo momento se togli la palla dalle mani di Rodríguez nessuno batte l’uomo dal palleggio (potenzialmente solo Della Valle può dargli una mano). E’ dura fare 80 punti di sistema (soprattutto ad inizio campionato); qualche giocata individuale a questi livelli è necessaria
    – la scelta di brescia e bayern è stata di intasare l’area sul pick & roll e lasciare qualche tiro piedi per terra; scelta vincente perchè i nostri avevano le mani gelide. Le percentuali miglioreranno ma anche qui non vedo giocatori destinati a diventare sentenze dall’arco (Roll escluso)
    – Roll non può giocare da 3 contro tante squadre di Eurolega. Quindi in posto 3 manca decisamente il cambio di Micov
    – White al momento mi sembra punito nelle rotazioni oltre i suoi demeriti. Forse decisivi errori difensivi notevoli a questo livello ma vorrei vederlo qualche minuto in più
    – su Mack confermo la mia prima impressione nelle amichevoli. Non è un attaccante “naturale” in quanto non ha né un grande primo passo né un grande tiro da fuori; necessariamente in campo va abbinato ad un 2 con doti offensive importanti (Nedovic)

    ps.. per Scola ottime statistiche individuali ieri sera … il plus/minus dice però che doveva giocare qualche minuto meno in virtù di condizione fisica ed inserimento in squadra

Rispondi