Le pagelle di ROM – Olimpia Milano – Zalgiris Kaunas

Della Valle sv – Si fa apprezzare per un tuffo in tentativo di recupero. Nel secondo tempo non si vede.

James 7.5 – Nel momento chiave firma un recupero su Brandon Davies, un canestro in ingresso e una tripla senza ritmo. Morde.

Micov 7.5 – Otto punti in fila nel momento più delicato, a cavallo tra terzo e quarto quarto. Chiude la gara con la tripla del 76-67 a poco più di un minuto dalla sirena.

Gudaitis 7 – Prestazione ai limiti dell’eroismo. In campo dopo un attacco influenzale certificato anche dalla stampa lituana capisce che non è aria in attacco, e allora spende ogni forza in difesa. Annulla nel quarto quarto Brandon Davies nonostante giochi con quattro falli.

Bertans 7.5 – Parte con tre triple, chiude con 17 punti e tanta aggressivtà.

Kuzminskas 8 – Stanco evidentemente delle tante domande della stampa lituana sul suo anno no risponde con 11 punti nel quarto quarto: tre triple e un appoggio. Si prende la partita, da perfetto ex. In difesa, rivedibile. Molto.

Brooks 5.5 – Come al solito ai margini in attacco, non riesce a seguire Jankunas in allontanamento da canestro e non è un fattore a rimbalzo.

Jerrells 5 – Ucciso dalla difesa dello Zalgiris sul portatore di palla, chiude con una virgola.

Omic 5 – Fa quel che può, ed è troppo poco.

Coach Pianigiani 6.5 – Gara senza domani, risponde con massima fiducia nelle scelte di questa stagione, trovando nel quarto quarto lo stacco decisivo contro la difesa di Jasikevicius. Differenza canestri ribaltata, e  fianco al tunnel Livio Proli sorride.

6 thoughts on “Le pagelle di ROM – Olimpia Milano – Zalgiris Kaunas

  1. Lo sport per fortuna offre ancora serate dolcissime come questo 24 gennaio contro Zalgiris.

    Prima della palla a due eravamo tutti terrorizzati, pronti a reagire male all’ennesima delusione, che sembrava essere inevitabile.
    Poi abbiamo visto queste persone, che sono venute a giocare a Milano nella nostra squadra, con la maglia dell’Olimpia, tirare fuori qualcosa di molto bello, in faccia alle assenze, agli infortuni che sembrano non avere mai fine.

    E Pianigiani ha ragione, secondo me, i suoi ragazzi hanno davvero meritato questa vittoria, l’hanno voluta, e l’hanno presa, perché in fondo è per questo che sono venuti a Milano a giocare.

    E tutti noi che in questa serata li abbiamo visti mentre lo facevano, beh, abbiamo trovato qualcosa di molto dolce nella nostra passione.
    E non sempre succede.

  2. Vero, squadra tosta, chiaramente non in forma ma molto motivata. Impressiona vedere Bertans e Kuz esulatare con tanta grinta, inusuale. Segno che ieri avevano voglia davvero di spaccare. Lo stesso entusiasmo non si respirava lato pubblico milanese, meno male che c’erano i ragazzini in curva nord a bilanciare i molto più focosi e appassionati tifose lituani. Prima o poi dovremo parlare della psicologia del tifoso Olimpia invece che delle mancate rotazioni di Pianegiani… Comunque concordo: partita bella e appassionante, molto europea, con difese agguerrite e tantissimo agonismo. Come piace a me. James all’altezza, Gud eroico, Micov scientifico, Bertans mvp all’altezza della fama come non mai. Omic deve cambiare passo, gli darei un po’ di tempo ancora…

  3. Vittoria bellissima e importantissima che cancella per un po’ le ultime critiche (giustificate). Vittoria che arriva grazie a una splendida difesa che coinvolge tutti, quasi anche Kuz e Jerrels, con rotazioni puntuali e “on time”. Con gli uomini contati e’ uscito il carattere. Bertans ha fatto il Bertans, difendendo anche alla morte. Gudaitis ammalato ha fatto un ultimo quarto in difesa di livello(a parte qualche p&r). Micov ha “dominato” e Kuzminskas ha rotto la gara. James ha fatto il “resto”, come spesso capita. Insomma: non mi aspettavo una gara cosi’. Mi domando perche’ Brooks ogni tanto esca dai giochi in attacco. Resta sempre un po’ di sofferenza a rimbalzo.
    Onore alla squadra ed anche al coach. Mi permetto una critica agli arbitri: a mio avviso non erano in gran serata.

  4. La psicologia del pubblico milanese è molto semplice: vuole vedere una squadra che “sputa sangue” e concentrata. Per questo non serve il talento ma un coach si.
    Poi se si tira come Kuz nel quarto quarto meglio

  5. @U.Fo sono molto d’accordo.
    Spesso penso che gli arbitri EL sono peggio dei nostri.
    Adottano molto spesso, troppo spesso secondo me, una tattica di compensazioni che è terribile da vedere.
    Anche ieri sera arbitraggio pieno di errori, poi di compensazioni.
    James che segava braccia sotto il nostro canestro e niente fischi, Kuzminskas sodomizzato mentre va a schiacciare, niente fischi, poi antisportivi a pioggia, ma sempre dopo ipocritissima visione del video.
    Veramente pessimo.
    Per entrambe le squadre.

    (palmasco)

  6. Prima o poi l’EL dovrà fare qualcosa per gli arbitri e soprattutto, come peraltro ricordato da Hugo, per il replay in campo.. Sembra un videogioco al quale gli arbitri giocano finché vincono

Comments are closed.

Next Post

Tutta la verità su James Nunnally

RealOlimpiaMilano analizza la notizia del giorno
James Nunnally nel mirino di AX Armani Exchange Milano?

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: