Il Carlino | Alla Virtus Bologna sono convinti: alla fine Giampaolo Ricci rimarrà

Il Resto del Carlino, in un articolo a firma Massimo Selleri, tratta in maniera estesa il dialogo tra Olimpia, Virtus e Giampaolo Ricci

Il Resto del Carlino, in un articolo a firma Massimo Selleri, tratta in maniera estesa il dialogo tra Olimpia Milano, Virtus Bologna e Giampaolo Ricci. Ecco alcuni passaggi.

«Il capitano della Virtus Giampaolo Ricci è combattuto tra accettare la proposta di rinnovo della V nera oppure salutare la compagnia e andare a Milano. Il club bianconero si è mosso e ha alzato la proposta iniziale presentata al giocatore, ma la distanza tra quanto il lungo teatino chiede e quanto offerto è ancora notevole, mentre quella messa sul piatto dall’Olimpia addirittura supera quanto viene chiesto alla società bolognese».

«All’Arcoveggio sono convinti che alla fine Ricci rimarrà perchè cambiando di casacca c’è sempre lo spauracchio di quanto accaduto a Davide Moretti, che non ha trovato nelle rotazioni di Ettore Messina nè in Eurolega nè in campionato, ma resta il fatto che dopo due stagioni alla Virtus il giocatore si aspettava un trattamento diverso e siccome gli anni da compiere a settembre sono 31 e certi treni passano una volta sola nella vita, bisogna riflettere bene prima di lasciarli passare senza salirci su». 

«In questo momento il capitano bianconero sta partecipando al raduno della nazionale, ma già oggi il nodo dovrebbe essere sciolto».

24 thoughts on “Il Carlino | Alla Virtus Bologna sono convinti: alla fine Giampaolo Ricci rimarrà

  1. Mi auguro che resti alla Virtus e non perché non mi piaccia, ma è la loro bandiera e sarebbe giusto così. A noi farebbe comodo e le storie che non entrerebbe nelle rotazioni sono solo legate alla qualità del giocatore. In Italia c’è un’ala grande migliore di Ricci? Si ma non è al momento accessibile e forse non lo sarà ancora per qualche anno. Tonut (altra bandiera) è meglio se resta a Venezia valido ma tutto da valutare al livello Olimpia. Cinciarini resta e con lui Moraschini e Biligha, con Alviti e probabilmente Bortolani più Datome completano la rosa degli italiani. Mi pare che basti certo serve un pivot di fascia alta. e spero ancora che Punter ci ripensi, ma con l’innesto di Mito e Hall la squadra dovrebbe essere fatta e con buone prospettive di ripetere una stagione esaltante come quella appena trascorsa, con lo scudetto magari. Vediamo cosa farà Bologna ma per loro ripetere l’exploit di questa finale sarà difficile.

    1. Ricci giocatore sopravvalutato, sa solo tirare sugli scarichi e in difesa non muove i piedi. Quindi niente cambi sistematici con lui. L’eurolega non è il suo livello. Ha fatto fatica in Eurocup, ma una gran fatica… Tonut magari venisse, giocatore nel pieno della sua maturità. Cinciarini, Moraschini, Biligha, Alviti, Bortolami e Datome è un parco italiani perfetto per perdere lo scudetto per un’altro anno. Se vuoi vincere devi avere degli italiani che giocano e producono. Con Messina i nostri italiani hanno fatto una fatica enorme. Visto che il coach resta lo stesso servono italiani molto più pronti o con la fiducia del coach.

      1. @Michele se il parco italiani dovesse corrispondere ai 6 nomi che hai citato (con Datome un anno in più e perdipiu acciaccato) vorrà dire che la lezione subita in finale di LBA contro la Virtus Bologna non è servita a nulla..

  2. Non so chi sia l’ala forte italiana in lba migliore di Ricci, orlandoilrosso, ora me lo devi dire perché son curioso😉 poi su l parco italiani bisogna migliorare, a parte biligha e Moraschini altro da confermare non vedo ( Datome lo metto in quota Eurolega, in lba lo terrei per fare massimo 15 minuti in metà delle partite, oltre non regge).Se oltre ad alviti si conferma la voce Ricci, serve almeno un play-off guardia di livello, basta con gli adattamenti tipo morasca, facciamogli fare quello che sa fare. Poi Ricci in Eurolega non serve, che si faccia i suoi 25 minuti con intensità in lba, che in Eurolega mi basta la coppia le day mitoglou non spompata. Una panda- unit del tipo : spissu moraschini alviti Ricci biligha, con gigione sesto, sarebbe potabile senza svenarsi. Poi se gli arriva il passaporto italiano a Thompson, fiondarsi subito. Tonut: a me non dispiace, ma se con i soldi del buyout e stipendio si pareggia l’offerta per punter, a me pare onestamente troppo.

    1. Parlavo di Melli, ho scritto in Italia, sottintendendo italiana. D’accordo per Spissu o al limite Ruzzier e proverei a lanciare Bortolani, fermo restando che in Europa una guardia tiratrice ci serve.

      1. Il Thompson di cui parli è Darius, la guardia di Brindisi?

  3. Ciao orlandoilrosso, io Melli lo considero in quota Eurolega, non gli faccio fare 25 minuti per 90 partite, altrimenti siamo alle solite😁E si, parlavo di Darius, come play da 25 minuti in lba per me sarebbe lusso sfrenato.

    1. Se Datome ed eventualmente Melli li consideri in quota Eurolega vuol dire che per te a parte loro due ce ne vogliono altri 6 perché altrimenti non ha senso e si ripeterebbe la stessa situazione di quest’anno in LBA…

  4. Ciao Daniele, se consideriamo la panda- unit, per me ci vogliono 5 italiani che primariamente garantiscano tra i 15 e i 25 minuti veri in lba ( che non vuol dire vincerle tutte) : abbiamo moraschini e biligha, alviti, se arriva Ricci bene altrimenti gaspardo ( altro non c’è, prenderei al volo Procida ma per darlo in prestito), manca un play vero. Melli lo metto in quota Eurolega ( che non vuol dire che in campionato non gioca, ma gli faccio fare 15 minuti per metà delle partite, e solo quelle che contano. Datome per me è un discorso a parte, l’ho definito il sesto il lba ma il discorso è più complesso, dei ” grandi vecchi” mi pare quello che da meno garanzie fisiche, ma per distacco. Poi certo Daniele, vuol dire allargare il roster con grossi punti interrogativi sulla sostenibilità economica ( perché Armani i soldi ce li ha, ma ha anche manager che fanno piani aziendali, e questi piani dicono che in Italia si spende di più in tassazione e si guadagna di meno con il giro tifosi- tv- sponsor), oppure si abbassano le pretese, perché i 6 italiani bisogna metterli a referto, e devono pure sapere stare su un campo di serie A per 20 minuti almeno, e starci bene.

    1. Condivido molto di quanto hai scritto. Preciso solo alcune cose che non hanno nulla a che fare con il tuo commento. Nessuno pretende che i 6 italiani siano il top anche perché è difficile trovarli e quelli buoni costano per cui la società saprà scegliere quelli che andranno bene sia economicamente sua tatticamente. Quello che deve assolutamente cambiare è il concetto di base del nostro coach ossia che deve farli giocare sempre e sottolineo sempre in LBA anche perché non dimentichiamoci che è lui che li sceglie poiché riveste due ruoli cruciali per la costruzione di un roster. Se non li fa giocare con continuità come è successo quest’anno significa che rinnega se stesso.

      1. E ci risiamo, sono i giocatori che devono dimostrare di poterci stare in campo se non esegui, se non ascolti, se prendi iniziative non concordate fuori questi fa un coach, si vinca o si perda.

      2. Si si bravo così neanche l’anno prossimo vinceremo lo scudetto 😉😉😉

  5. Non sarà un fenomeno ma credo che sia ingeneroso paragonare Ricci al nulla (Moretti).

    1. scusa Daniele ma se i 6 italiani non sono il top o per lo meno presentabili che tengano il campo come fai a vincere in Italia? puoi avere 6 fenomeni stranieri a referto ma se gli italiani non girano c’è poco da fare. Credi che se Moretti o Cinciarini avessero giocato di più nel campionato italiano avremmo battuto Bologna?
      Io credo che sia meglio puntare su una competizione e mettere tutte le energie lì. Secondo me con l’obbligo di avere sei italiani a referto rischiamo seriamente di ripetere la stessa stagione.
      Se ci pensi gli anni che abbiamo vinto lo scudetto, a parte l’anno di Banchi, in Europa abbiamo fatto spesso ridere

      1. 08smmsx ci sono squadre che riescono ad arrivare alle Final Four di Eurolega e cmq vincono il loro campionato nazionale. A quanto pare per te è una questione di preferenza e da quello che scrivi è l’Eurolega la competizione su cui punteresti tutto però non mi trovi d’accordo su nulla perché ciò vorrebbe dire che se non vinci l’Eurolega come dice il grande Mourinho sarebbe “0 tituli”. Anche se raggiungessimo 10 Final Four di fila senza mai vincere l’Eurolega nessuno si ricorderà di noi perché conta solo chi vince. Se poi per te conta solo partecipare allora non vedo perché non prendere 6 giocatori italiani validi per provare a vincere il campionato. Io al contrario di te preferisco di gran lunga vincere lo scudetto senza rinunciare a competere in Eurolega.

      2. E non lo dico solo ora che abbiamo perso in finale di LBA perché a settembre scrissi chiaramente che era lo scudetto l’obiettivo n. 1 e a quanto mi risulta anche dalla società stessa….

  6. guarda i giocatori di nazionalità spagnola che hanno real e barca o stessa cosa per efes e CSKA e poi paragonali con i giocatori italiani che abbiamo noi o la Virtus Bologna.

    Aggiungerei anche che non mi pare che in spagna (correggimi se sbaglio) tu abbia l’obbligo di mettere a referto 6 spagnoli ma anche se li dovessi mettere vogliamo paragonare giocare con Gasol, Oriola, Abrines o Claver con i nostri Biligha, Pajola, Abass o Cinciarini?

    Secondo me non ci sono così tanti giocatori italiani che possano aiutarti sia in Eurolega e che riescano al contempo a farti vincere in Italia a parte i pochi noti che sono uno al CSKA e 2 in NBA…

    Sarei contento di riuscire a vincere entrambi i titoli o almeno avere come base le 3 vittorie in Italia ma non credo sia fattibile a meno che non prendiamo dei fenomeni italiani che possano dare il cambio agli stranieri. Magari Coppa Italia e Supercoppa riesci a vincerle visto che sei ad inizio e metà stagione ma hai visto come siamo arrivati alle finali con Bologna.

    1. Io credo che sul mercato italiano si possono trovare giocatori migliori rispetto a Moretti, Biligha e a Kuba ma il punto non è tanto questo perché a mio parere gli italiani di Milano non erano tanto inferiori a quelli di Bologna. La differenza l’ha fatta la continuità e la fiducia che Sasha ha dimostrato di avere nei suoi giocatori italiani per tutta la stagione e non solo e unicamente ai play-off al contrario del nostro coach che non ha mai avuto fiducia nei suoi giocatori italiani (oltretutto scelti da lui come aggravante) durante la stagione regolare e non è che poi durante i play-off puoi aspettarti mitacoli. Prima della scelta degli italiani speriamo che cambi la mentalità del nostro coach su questo aspetto se si vuole vincere in Italia e competere in Eurolega altrimenti tantovale prendere 17 giocatori stranieri che si alternino tra Eurolega e campionato italiano e mettere 6 juniores a referto in LBA.

  7. Messina impara da Gaetano che ha grande esperienza in gestione di team, ha studiato preparazione atletica e psicomotricità e psicologia applicata allo sport e soprattutto non perde occasione per darti gli stessi consigli. Se non ti vuoi adeguare, per favore smentiscilo, altrimenti ci fracassa i cabasisi per tutta la prossima stagione

    1. Beh lo stesso si può dire di te perché in due anni non hai mai mosso una critica all’allenatore eppure do errori ne ha fatto altrimenti avremmo vinto lo scudetto che era anche l’obiettivo principale del tuo amato coach…..

  8. Ci ha riportato in Europa , sta costruendo una mentalità Olimpia ma il tuo odio per lui ti impedisce di.vedere ciò che è sotto gli occhi di tutti. Non preoccuparti non voglio farti cambiare idea, mi sono rivolto a lui e a tutti quelli non “cecati” che tormenti con i tuoi interventi monotematici. Magari ti dà retta chissà

    1. Semmai ci ha riportati alle Final Four perché prima che arrivasse eravamo già in Eurolega. Capisco che tu gli vorresti dare qualsiasi merito anche l’aria che respiriamo ma diamo a Cesare quel che è di Cesare…anche le tue continue lodi e beatificazioni verso il nostro coach sono discorsi monotematici che disturbano perché il troppo storpia..

    2. E cmq io non tormento nessuno perché gli altri si pongono educatamente e con rispetto e io altrettanto con loro. Solo con te e qualche tuo amico non si può purtroppo dialogare.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia, cosa resta della stagione 2020/21: Michael Roll

La stagione 2020/21 dell'americano tra statistiche e giudizio, con uno sguardo al contratto e al mercato

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: