Annunci

Le pagelle di ROM – Pianigiani ha fatto una scelta. Punto. Ma Jerrells e Cinciarini possono essere i play dello scudetto?

Read Time:1 Minute, 48 Second

Goudelock 7 Con lui Milano produce in attacco, e non a caso in 27’ il suo plus/minus dice +5. 22 punti con 6/10 da 3 sono il segnale di chi si è confrontato con profitto con la società dopo le stupite esternazioni social. Sperando che sia segnale prima dei fatti.

Micov 7 Conferma uno stato di forma importante, che lo porta anche ad alzare, ad intermittenza, l’attenzione difensiva. 20 punti in 29’ con 6 falli subiti.

Pascolo 5.5 11’ sono meglio di nulla, 2 punti e 4 rimbalzi troppo poco.

Tarczewski 5 Avvio inquietante contro Watt che pregiudica tutta la sua prestazione.

Kuzminskas 4.5 Avvio incoraggiante, ma solo perchè Daye non difende per 8’. Se nel primo quarto sono 5 punti, in quel che resta è solo «occhi spauriti».

Cinciarini 5.5 Non prende mai in mano la partita, ma non sono questi i veri banchi di prova. Tuttavia, Cinciarini, può essere un capitano da scudetto, ma può anche essere il play titolare di una Milano da scudetto?

Abass 5.5 In 11’ non prende neanche un tiro. Spaesato.

Bertans 5.5 Doppia cifra, 5 rimbalzi, 2 recuperi e +1 di plus/minus in 22’. Eppure gli manca sempre quell’1 per fare 31, difficile da comprendere e da individuare. E la sensazione resta.

Jerrells 5.5 Quattro anni fa si ringraziò il cielo per aver rinunciato ad Haynes, e non a lui. Nell’attualità, si direbbe ancora la stessa cosa? 5 punti con 2/9 al tiro. Può essere un play da scudetto?

Gudaitis 6 Non è la sua gara, perchè preferisce rinunciare ad un po’ di energie in vista dei playoff. Comunque, alla fine sono 11 punti con 7 rimbalzi in 21’. Ah sì, l’mvp del campionato gioca ad Avellino. Ma per favore…

Coach Pianigiani 5 Dopo quattro anni in fila, Milano non chiude al primo posto la stagione regolare. La colpa, per fortuna ancora espiabile, sta nel percorso, non certo nell’ultima recita. Ma che Milano ci attende ai playoff? E soprattutto, Jordan Theodore è ancora un giocatore di Milano? Perchè quella di oggi, pare una scelta. Punto. Una scelta. Con delle conseguenze.

About Post Author

Alessandro Maggi

alekmaggi@gmail.com Giornalista Professionista, direttore responsabile presso Be.Pi Sport, collaboratore presso Sportando, cronista per Il Giorno
Annunci

4
Lascia una recensione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
palmasco
Ospite

Mah, guarda, rispondo d’istinto: Theodore non avrebbe dato nulla di più. E come al solito avrebbe tolto coesione alla squadra. Cincia e Jerrels vanno benissimo, e non abbiamo perso certo per il play. Abbiamo perso di fronte a una squadra molto ben organizzata, tosta, in serata di grazia, e con una capacità di servire il centro davvero impressionante – anche in spazi minimi. Avessimo anche noi un’idea di gioco che cerca i centri, beh… Non è comunque un problema di play, ma di sistema di gioco. E speriamo davvero che Kuzminskas si metta a giocare prima o poi perché questa… Leggi il resto »

trackback

[…] Come già detto ieri sera, la scelta di Pianigiani è al momento chiara: Jordan Theodore non è nelle rotazioni. Il tempo per reinserirlo c’è stato, la volontà è stata palese fin da subito e confermata ieri: si va con Cinciarini e Jerrells nel ruolo di play. Mantas Kalnietis è stato l’ultimo playmaker titolare vincitore di uno scudetto in maglia Olimpia, quello precedente fu Daniel Hackett: sarà sufficiente la coppia attualmente al comando delle operazioni per arrivare in fondo? La storia, al momento, dice no, ma la storia si adatta perfettamente ai ribaltoni ed esplosioni vincenti nella parte finale della… Leggi il resto »

U.FO.
Ospite
U.FO.

Io credo che il Cincia sia ancora il miglior play che abbiamo, dando per scontato che Theodore sia ormai fuori dai giochi. Non credo possa essere un play da scudetto, ma di meglio non c’è. Jerrels non è un play all’altezza perché spesso gioca da solo ma almeno può garantire un po’ di punti. Di certo c’è che il nostro gioco è praticamente solo perimetrale. E’ vero che i nostri lunghi non hanno tantissimi movimenti spalle a canestro (Gudaitis qualcuno in più) però bisogna necessariamente coinvolgerli di più, anche per invogliarli a dare il massimo in difesa. Kuzminskas sta diventando… Leggi il resto »

maurozz
Ospite

Sensazione del tipo “di questa nn c’importa poi granche'” m’e’ parsa vedersi in campo. CJ mai come play sempre come guardia, tutta la vita, in tutte le squadre. Questo mi piacerebbe vedere, forse qui era arrivato per quello, forse no. Bravo Goudelock, che su alcune difese al primo passo mi ha davvero entusiasmato. Non gufoma non vedo come si possa vincere lo scudetto.

Next Post

I Playoff 2.0 : Milano non è favorita. Ma è vero?

La Reyer vince lo scontro diretto del Taliercio e conquista il primo posto. La squadra di De Raffaele confeziona il 2-0 stagionale su Milano e, dopo la vittoria in FIBA Europe Cup, per quanto (poco) possa valere in termini assoluti, si appresta ad affrontare i Playoff da favorita, come potrebbe […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: