Olimpia, una vittoria può non bastare. Ma con due si può volare

Fabio Cavagnera 2

Il punto sulla corsa playoff in Eurolega, quando mancano tre giornate alla fine della stagione regolare

La brutta sconfitta di ieri ha cancellato il primo match point dell’Olimpia Milano per conquistare il posto matematico nei playoff. Una prova negativa, in cui si è vista una squadra stanca ed in difficoltà fisica, come ammesso anche da coach Ettore Messina in conferenza stampa. Tuttavia, i biancorossi hanno ancora assolutamente il loro destino in mano e la prossima settimana, con doppio turno, sarà quella chiave per la stagione europea.

Olimpia Milano Eurolega | La corsa ai playoff

L’AX avrà le due gare esterne contro Stella Rossa e Panathinaikos, due squadre già fuori dalla corsa e, quindi, con poche motivazioni di classifica. Due partite, sulla carta, abbordabili (*), ma che non saranno certo regalate dalle avversarie. Milano dovrà ritrovare un po’ della brillantezza perduta per fare lo sforzo finale e conquistare quei playoff meritati per quanto fatto vedere in stagione.

Tra l’altro, non è detto basti una vittoria a Belgrado per avere la certezza matematica già martedì. Servirà anche la sconfitta del Baskonia (ad Oaka) o del Real (in casa con l’Efes). Il ko renderebbe tutto più complicato, mentre un doppio successo, invece, darebbe a Rodriguez e compagni non solo la qualificazione ai playoff, ma anche ottime probabilità di conquistare uno dei primi quattro posti ed il fattore campo.

Olimpia Milano Eurolega | Gli scontri diretti

A questo proposito, il 2-0 contro il Bayern e Real Madrid ed una differenza canestri generale molto favorevole rispetto al Fenerbahce (+77 contro +8 al momento), infatti, permetterebbero alla squadra di Messina di restare davanti a queste avversarie, anche chiudendo con lo stesso numero di vittorie. 

* Il termine ‘abbordabili’ non è un insulto o una mancanza di rispetto verso Stella Rossa e Panathinaikos, ma se una squadra è quarta e le altre sono rispettivamente penultima e terzultima ed hanno conquistato una decina di vittorie in meno in stagione, qualcosa vorrà pur dire…

2 thoughts on “Olimpia, una vittoria può non bastare. Ma con due si può volare

  1. A mio giudizio sarebbe meglio evitare il 4° e il 5° posto per non incrociare il Barcellona in una ipotetica Final Four, e nel caso non riuscissimo ad arrivare secondi o terzi meglio a quel punto 6° o 7° con buona possibilità di incrociare nei play-off una tra Efes e Cska che ritengo si possano battere anche con il fattore campo sfavorevole perché ormai visto la situazione globale della pandemia non è più così importante come negli anni passati e quest’anno lo abbiamo dimostrato vincendo su campi tabù come Real Madrid, Maccabi Tel Aviv, le stesse Cska Mosca ed Efes e infine con il Fenerbahce. L’unica squadra che ci è superiore al 100% è il Barcellona. Questo è il mio pensiero.

    1. Caro Daniele, io penso invece, che in una partita secca, nessuno è imbattibile. Battere per tre volte, in pochi giorni, due corazzate come il CSKA ed EFES è difficilissimo. Meglio evitarle.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Urania Wildcats vs. Treviglio | In campo alle 18:30 all’Allianz Cloud

Dopo 2 ko consecutivi Urania cerca di rialzarsi ospitando il Basket Treviglio in un match molto importante per entrambe le squadre

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano post Baskonia
Olimpia Milano post Baskonia | Tragedia? No. Emergenza? Sì. Ora serve l’elmetto

Olimpia Milano post Baskonia colmo di domande in una serata che ha certificato una difficoltà. Ma andiamo con ordine

Chiudi