Olimpia Milano-Asvel | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Fabio Cavagnera 18

Il solito Davies non basta ad un’Olimpia sempre più a fondo in Eurolega. Ancora una serata difficile per Mitrou-Long

Davies 7 – È l’attacco di Milano per buona parte della partita, in cui fa di tutto e fa canestro in tanti modi. Catturando anche rimbalzi e subendo falli. Meriterebbe di più, però nel finale ci sono quei pesanti errori ai liberi.

Thomas 5 – Due minuti e mezzo di nulla, con tabellino a zero in ogni voce.

Luwawu-Cabarrot 6 – Unico, assieme a Davies, a fare canestro nel primo tempo ed a lavorare bene a rimbalzo, tenendo in piedi l’Olimpia. Poi nel secondo tempo, l’ormai ‘solito’ crollo, almeno in campo europeo.

Mitrou-Long 4 – Prosegue la sua serie di gare ampiamente negative in Eurolega, chiude con 0/4 dal campo e 2 perse.

Tonut 5.5 – Discreto impatto difensivo, in attacco non si fa sentire.

Melli 5 – Giornata no. È in un momento di scarsa condizione ed, escluso qualche buon rimbalzo, non incide sulla partita.

Baron 5 – Una giornata ampiamente negativa anche per Billy oggi: non riesce a trovare i suoi tiri, sbagliandone un paio anche aperti. Ma ormai le difese si concentrano soprattutto su di lui.

Ricci 6 – Messo in campo solo nel finale, risponde presente con un paio di buone giocate.

Hall 6 – Primo tempo abulico, si sveglia nel secondo tempo, quando si rivedono alcuni lampi del giocatore della passata stagione. Però c’è quel pesante 1/4 ai liberi nel momento clou.

Hines 6 – Battaglia sotto i tabelloni e si fa sentire anche in attacco, finché ha le energie.

Datome sv – Deve ritrovare la condizione post infortunio ed il tasso di fisicità è troppo alto. In campo solo due minuti.

Voigtmann 4 – Messina prova a metterlo in quintetto, lui sbaglia praticamente tutto. Viene tolto e non vede più il campo.

Coach Messina 4 – Ormai l’Eurolega sta diventando un calvario. Dopo il -20 di Berlino, un’altra sfida (stavolta casalinga) contro una squadra sul fondo della classifica persa, in cui gli avversari sono praticamente sempre stati al comando del match. Approccio terribile, la squadra poi rimonta, anche per avversari non certo irresistibili, ma non trova continuità di rendimento.

18 thoughts on “Olimpia Milano-Asvel | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Spero che qualche appassionato si sia accorto che con Davies tlc e Naz le perdiamo tutte . Non importa quanti punti fanno . Sono giocatori perdenti per atteggiamento egoisti e montati

  2. Messina ha proposto quintetti sballati senza ne capo né coda , è totalmente nel pallone

    1. cosa dici ? siamo in corsa per tutti gli obiettivi stagionali…..

  3. voto ingeneroso al supercoach, se analizziamo bene la partita, nei primi 3 minuti e 20 secondi del 4o quarto li abbiamo fatti neri!!! ripartiamo da qui e continuiamo cosi.

  4. Non capire che senza un play rischi di scazzare giocatori e pubblico è satanico , certo che con facendo disponibile si poteva pensarci prima …

  5. la cosa veramente tragica è che nelle restanti partite di eurolega , i soliti noti, ovvero hall,baron ,melli ,davies continueranno a essere spremuti coi soliti 30 minuti a partita , quando dovrebbero essere tenuti a riposo per il campionato in modo da evitare almeno l’eliminazione ai quarti ….

  6. Non è Messina che tira i liberi e li sbaglia. Attaccare Messina è non volere bene all Olimpia. Stagione europea andata ma abbiamo ancora campionato e coppa Italia. Ripartite dal buono che c è e sono sicuro Messina il prossimo anno saprà fare tesoro degli errori

    1. speriamo proprio di no….
      P.S. CICCIO non essere così pessimista, secondo me possiamo ancora vincere l’eurolega.

  7. Oh ma Messina quest’anno oltre il 4 non riesce proprio ad andare. Per lui ci dovrebbe essere sempre il 6 politico perché è il miglior coach d’Europa, ha fatto l’assistente di Popovich un po’ di rispetto per favore. Non è colpa sua se la squadra fa pena non è lui in campo. Sono i giocatori che ha scelto Stavrapulous che hanno deluso. Non la fa lui la costruzione della squadra. Povero Ettore tutti sti 4 in pagella.

  8. Quando si tocca il fondo,la difesa ad oltranza è stucchevole.Mai una ammissione di colpa,e quando un mese fa ha provato a parlare di dimissioni in caso di prosecuzione di qs agonia,il giorno dopo ci ha ripensato e se l’e’ presa con la stampa e i tifosi cattivi.
    La stagione europea è la peggiore di sempre finora,in rapporto a budget/aspettative.Ci aspettiamo tanto dal campionato,dove c’è una sola contender seria,ma che nella prima coppa stagionale ci ha battuti.Ora aspettiamo la Coppa Italia.Forza Olimpia sempre.

  9. Ormai pensare solo al campionato e coppa Italia, l’anno prossimo nuova rifondazione… fino a quando al Dott.Armani gli andrà di buttare soldi…Ok via Messina ma chi al posto suo?

    1. Concordo, Trinchieri è di gran lunga il miglior allenatore italiano.

  10. Giudicando Messina oggi è non il suo palmares non si può non dire che le colpe di questa stagione nefasta, per ora in Eurolega, non siamo di chi guida la barca.
    Scelte di mercato sbagliate: all’inizio smobilitando una squadra che aveva vinto il titolo in Italia e fatto bene in EL, con innesti inadeguati e ruoli scoperto e poi in corsa a stagione in corso.
    Ieri siamo stati sotto con la peggior squadra vista al Forum dopo di noi per quasi tutta la partita. Riferirsi ad un fischio, magari sbagliato, vuol dire guardare il dito e non la luna. Se la squadra sbaglia i tiri la colpa è dei giocatori se per diversi minuti non costruisce nessun tiro allora il problema è dello staff. Metti poi dei quintetti sbagliati e scelte delle rotazioni da promozione. Così anche l’entusiasmo del più grande tifoso va in cantina. E non lo merita il pubblico del Forum.
    Prendere con orgoglio coscienza della situazione è fare qualcosa !!!

  11. Incredibile come TLC sbarelli regolarmente nel secondo tempo, forse spreca troppe energie all’inizio per mettersi in partita…..cmq un copione (tristemente) sempre uguale a se stesso

Comments are closed.

Next Post

La Visione del Guazz - Strazio Eurolega e Kemba Walker

Il Giorno della Marmotta. Altro giro, altra sconfitta. Ormai prassi. Concedetemi una battuta: Tu quoque, Boris. Ci hai fatto vincere lo scudetto – solo grazie agli arbitri, cit. – e stasera ce l’hai tolta! Per il resto boh, non davvero così dire a questi giocatori che veleggiano sul filo della […]
La Visione Del Guazz

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: