Real vs Olimpia Milano | Per il secondo posto. Emergenza vera, ma l’occasione ci renda ladri

Palla a due alle ore 20.45 per Real vs Olimpia Milano, è il ventinovesimo round di EuroLeague. Arbitrano Latisevs, Vilius e Bissang

Palla a due alle ore 20.45 per Real vs Olimpia Milano, è il ventinovesimo round di EuroLeague. Arbitrano Latisevs, Vilius e Bissang. Diretta in streaming su Eleven Sports e su Sky Sport Arena con il commento di Flavio Tranquillo e Andrea Meneghin.

Real vs Olimpia Milano | I roster in campo

StatusOLIMPIA MILANOStatusREAL MADRID
MelliWilliams-Goss
BilighaHeurtel
RodriguezNunez
GrantKlavzar
BentilAlocen
DelaneyLlull
HinesCauseur
HallRandolph
AlvitiRudy
TarczewskiAbalde
RicciHanga
DanielsDeck
MitoglouPoirier
Datome  ✅Yabusele
ShieldsNdiaye
MoraschiniThompkins
BaldassoTaylor
KellTavares
✅ disponibile, ❌ assente, ❓ in dubbio

Questi invece i roster credibilmente in campo, divisi ruolo per ruolo.

Le parole di Ettore Messina

OLIMPIA MILANOvsREAL MADRID
Delaney, Grant, BaldassoPGHeurtel, Llull, Nunez
Hall, DanielsGAbalde, Williams-Goss (?)
Alviti, RicciSFRudy, Hanga
Melli, Bentil, MitoglouPFRandolph, Yabusele, Thompkins
Hines, TarczewskiCTavares, Poirier
MessinaCOACHLaso
(?) – giocatore in dubbio

Due dubbi dunque in casa Real: Taylor, assente a Belgrado, è in dubbio per questa sera, mentre si attendono evoluzioni su Williams-Goss, uscito nel corso del match con la Stella Rossa. Olimpia Milano che, come noto, non recupera Datome e perde Sergio Rodriguez.

La partita

L’Olimpia vede un clamoroso secondo posto, in una trasferta molto complicata pur con un avversario che viene da 4 ko in fila, con Fenerbahce, Barcellona, Zalgiris e Stella Rossa.

Una squadra che era prima in classifica, e d’altronde è lo scontro tra il settimo e il quindicesimo attacco della competizione, la prima contro la decima a rimbalzo, la quarta con la dodicesima in quanto a assist.

Milano ovviamente è difesa, ma il Real è comunque secondo nella speciale graduatoria. Tornando all’attacco, occhio al dato: 51 punti con il Fener, 68 con il Barcellona (incassandone 86), 47 a Kaunas e 62 a Belgrado.

Involuzione evidente, mentre l’Olimpia è solidità e continuità. Le chiavi? Circolazione di palla, certamente più fluida con Delaney che con Rodriguez, che tuttavia avrebbe potuto fare la differenza tenendo alte le percentuali, e colpendo in transizione.

Perché in fondo Tavares e Porier vanno tenuti lontani dal ferro, e Milano ancora una volta dovrà passare per quintettoni più “stanziali” non potendo contare su ali piccole di ruolo.

Senza giocatori in grado di fare la differenza in uno contro uno se non Delaney (e il Real è un vulnerabile in difesa sugli esterni, Hanga a parte), sarà utile usare la testa, controllare il ritmo abbassando il numero dei possessi (quel che Laso oggi non vuole), andare tanto con quintetti con Hines o Mitoglou da “5”, costringendo Tavares ad inseguire. E servendo Troy Daniels.

L’Olimpia Milano è in emergenza, ma ha un’occasione. E con un finale di stagione regolare a dir poco complesso, ogni occasione deve fare l’uomo ladro.

Real vs Olimpia Milano | I precedenti (da olimpiamilano.com)

In competizioni europee Olimpia Milano e Real Madrid si sono incontrate 35 volte, con un bilancio di 24-11 per il Real Madrid che aveva una striscia di 14 successi consecutivi prima di cadere a Milano nel girone di andata della scorsa stagione, 78-70 con 25 punti di Sergio Rodriguez e 17 di Shavon Shields. Real Madrid-Olimpia ha assegnato la Coppa dei Campioni nel 1967 a Madrid e la Coppa delle Coppe nel 1984 a Ostenda: in ambedue le circostanze ha vinto il Real.

17 volte questa gara si è giocata a Madrid e il bilancio è 15-2 per gli spagnoli. La prima vittoria milanese a Madrid risale all’Uleb Cup 2003/04. Finì 62-61 (11 Lonnie Cooper e Claudio Coldebella; Antonis Fotsis ne fece 19 per il Real). La seconda risale alla scorsa stagione 80-76 con 17 punti di Sergio Rodriguez e 14 di Malcolm Delaney. 17 volte si è giocato a Milano (9-8 Olimpia). Una volta in campo neutro (Ostenda, appunto, 0-1).

Il Real Madrid ha vinto la sua prima Coppa dei Campioni nel 1964 battendo in finale lo Spartak Brno dopo aver perso la finale in due anni consecutivi. In quegli anni vinse il titolo quattro volte in cinque anni, unica eccezione il 1966 quando ad affermarsi fu proprio l’Olimpia (che il Real aveva eliminato in semifinale proprio nel 1964).

Il Real venne eliminato nell’equivalente dei quarti di finale dall’Olimpia: a Madrid Emiliano Rodriguez segnò 20 punti e il Real s’impose 71-66, ma nel retour-match del Palalido il Simmenthal giocò una partita prodigiosa, vinse 93-76 con 40 punti di Gabriele Vianello e 27 di Bill Bradley. Così si qualificò per le Final Four dove sconfisse il CSKA Mosca e poi nella storica finale di Bologna del 1° aprile 1966 lo Slavia Praga.

La stagione successiva Real Madrid e Olimpia Milano si affrontarono di nuovo in finale, ma in gara unica a Madrid, il Real si riprese lo scettro 91-83 (29 Emiliano; Red Robbins segnò 32 punti in finale). Nel girone di andata, il Real Madrid ha vinto a Milano 75-73.

La connection

Ettore Messina ha allenato il Real Madrid per quasi due anni con un record di 23-13 in EuroLeague. Sergio Rodriguez, purtroppo assente, ha giocato nel Real Madrid sei stagioni, di rientro dalla NBA e prima di passare a Philadelphia. In queste sei stagioni ha vinto l’EuroLeague nel 2015, è stato MVP della competizione nel 2014, ha vinto tre volte il titolo spagnolo, quattro volte la Coppa del Re, tre volte la Supercoppa spagnola. Due volte ha vinto la classifica degli assist nel campionato spagnolo. Nel 2018/19, con il CSKA Mosca, ha battuto il Real Madrid in semifinale sulla strada del suo secondo titolo europeo.

10 thoughts on “Real vs Olimpia Milano | Per il secondo posto. Emergenza vera, ma l’occasione ci renda ladri

  1. Purtroppo bisogna prendere atto che il fisico di Gigione, alla soglia dei 35 anni, non riesce più a reggere un tot di partite consecutive.

    1. Facciamo di necessità virtù e preserviamo( non avrei mai onesto di scriverlo) sarà fondamentale nei P O sia di LBA che di El

  2. Mi vien da pensare che stasera sarà fondamentale Daniels: se in attacco sarà produttivo,avremo qualche possibilità.
    Sarebbe utile anche una gara buona al tiro dalla media/lunga di Melli che, mettendo qualche tripla, potrebbe davvero stanare i lunghi (issimi) avversari, liberando un po’ vdi spazio per le penetrazioni di Hall e Delaney. Idem per Bentil e Mitiglou. Certo che loro restano una squadra profonda e forte e batterli ci darebbe due punti fondamentali per consacrarci nelle prime quattro. Buon divertimento

  3. Solitamente quando vi sono delle assenze importanti gli altri giocatori danno il 110% per sopperire appunto a tali assenze, quindi sono sicuro che i ragazzi disputeranno una grande partita. Presumo che ad Alviti spetti quasi sicuramente qualche minuto di gioco e non è detto che l’evoluzione della partita non costringa anche a schierare Baldasso, e a questo punto non mi stupirei affatto di una prestazione positiva di entrambi, autori di punti importanti.

    1. Ricordiamoci che il Real è in particolare difficoltà offensiva e non credo che le pur nostre tante assenze ci limitino nella difesa, che è la specialità di casa Olimpia, con Hall e in parte Grant (rimpannucciato dalla buona prova a Casale) che supporteranno Delaney in play…….ce la giochiamo

  4. Se vogliamo fare l’ uomo ladro, facciamolo fino in fondo e, vinciamo, con tre punti di scarto.

  5. E’ la partita di Mitoglou e di Delany. Se loro vogliono vincerla, saranno decisi in campo con punti e alte % di tiri da 3

  6. realolimpiamilano.com
    di Alessandro Luigi Maggi
    Via Villoresi 38
    20142 Milano (MI)
    alekmaggi@gmail.com
    Autori

    Change privacy settings
    WordPress
    Iscriviti
    We use cookies on our website to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept All”, you consent to the use of ALL the cookies. However, you may visit “Cookie Settings” to provide a controlled consent.
    Cookie Settings
    Accept All

    CARO MAGGI, MA CI VUOI DARE LA POSSIBILITA’ DI TOGLIERE STA CAGGATA!!!

  7. Secondo o terzo vale solo per il prestigio . In concreto non cambia nulla

Comments are closed.

Next Post

Malcolm Delaney: Gara importante nella volata per la griglia playoff

Malcolm Delaney, ancor più responsabilizzato a Madrid vista l’assenza di Sergio Rodriguez, presenta così il match di questa sera con il Real
Malcolm Delaney Rientro

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: