Gianni Petrucci, attacco a Trinchieri? Dice “Voi in Italia” e poi arriva dietro di noi

Gianni Petrucci, presidente FIP, a tutto campo sul Corriere dello Sport in edicola questa mattina. Ecco alcune sue dichiarazioni

Gianni Petrucci, presidente FIP, a tutto campo sul Corriere dello Sport in edicola questa mattina. Ecco alcune sue dichiarazioni.

SUI GIOCATORI ITALIANI

«Per me è il tecnico che deve scegliere i giocatori, ed ora in tema di nostri ragazzi qualcuno di loro si sta ricredendo. Ma se c’è una cosa che detesto è quando un coach italiano che va a lavorare all’estero parla male di noi, e dice “Voi in Italia…”. Però, stranamente, noi italiani siamo arrivati prima delle squadre allenate da lui…» 

Questo il commento di Andrea Barocci che firma l’articolo: “Petrucci non fa nomi, ma si riferisce chiaramente ad Andrea Trinchieri, tecnico del Bayern Monaco, ndr”.

SU MELLI

«Hanno fatto amare il basket anche a chi non lo segue. Il riscontro che ha avuto è stato straordinario, basta guardare l’audience tv. E questo grazie alle facce nuove degli atleti, a uno staff tecnico straordinario e a un capitano, Melli, all’altezza di Gigi Datome».

SUL CTS

«Agli Europei mi aspetto un grande pubblico, lì dobbiamo avere una capienza al 100%. Perché se noi organizziamo a Milano un girone e poi dimostriamo alla Fiba che non c’è sicurezza, allora è una sconfitta non solo del basket, ma anche del Paese. Devo essere sincero, se c’è una antipatia che ho, è per il comitato tecnico-scientifico: non mi dà mai una spiegazione logica sul perché negli sport al chiuso, con le dovute garanzie, si permette la capienza solo al 35%. Il Comitato sta strozzando lo sport, le federazioni e le società: molto di più quelle professionistiche perché pagano più tasse. Per questo continuiamo a chiedere almeno il 50%. Come base di partenza».

3 thoughts on “Gianni Petrucci, attacco a Trinchieri? Dice “Voi in Italia” e poi arriva dietro di noi

  1. Per me il governo sbaglia. Con vaccini e green pass sia all’aperto che nei palazzetti dovrebbe esserci l’apertura al 100% altrimenti vuol dire che l’efficacia dei vaccini è minima, nel qual caso siamo alla truffa delle case farmaceutiche nei confronti dei governi.
    All’estero, tipo Inghilterra e Germania aprono al 100% del pubblico, da noi sembra ancora di essere in lockdown con gli ingressi parzializzati.

    Quanto a Trinchieri, prima col Bamberg ed ora col Bayern Monaco ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro, tanto da rendere durissima la vita all’Olimpia nei playoff di Eurolega, ma Petrucci ha sempre da criticare. Lui era il primo a tentare di estromettere l’Olimpia dall’Eurolega e le altre italiane dall’Eurocup alla nascita della Champions League FIBA del cui allora capo era amico, non facendo certo, in quel frangente, l’interesse dell’Italia e della FIP.

  2. Petrucci è un impresentabile, 1000 poltrone 1000 disastri. Occorre davvero un limite ai mandato, non si può stare a vita sulla sedi. Se uno è bravo in 10 anni ha tempo di fare tante ottime cose.

  3. Ti quoto Biancorossodasempre. Tra l’altro a mia volta sottoscrivo il tuo nickname non per replicarlo ma per condividerlo. Petrucci è l’araba fenice che risorge inspiegabilmente e abilmente si ricicla da cariche ricoperte con esiti fallimentari. L’unica costante è il Bostik con cui cosparge la poltrona, quale che sia, lui autererenziale a prescindere degli interessi che dovrebbe tutelare/proteggere.

Comments are closed.

Next Post

Un semplice giudizio sul roster Olimpia Milano: Nicolò Melli

Nel giorno del raduno, chiudiamo le nostre preview sul roster con l'acquisto più importante dell'estate biancorossa

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: