Olimpia, che bel finale: Efes travolto, 4° posto e fattore campo

Fabio Cavagnera 34

I biancorossi dominano l’ultima sfida della stagione regolare e chiudono a quota 21 vittorie

Un finale d’autore per l’Olimpia Milano nella stagione regolare di Eurolega. I biancorossi dominano l’ultimo turno contro l’Anadolu Efes (98-75), conquistano la vittoria numero 21 stagionale e conquistano il quarto posto, che vuol dire fattore campo nei playoff. La squadra di Messina gioca una gran partita, favorita anche da una squadra turca con il freno a mano tirato e con poche motivazioni, ma sono comunque tanti i meriti milanesi, con notizie molto confortanti dai rientranti Delaney ed Evans. Oltre ad un ritorno al rendimento ’normale’ da parte di Shields e Punter. 

Olimpia Milano vs Efes | La partita

Non c’è Hines, ma tornano Delaney (in quintetto) e Evans, dall’altra parte è fuori l’ex Simon. Gli attacchi conducono sulle difese nel primo quarto, con Punter e Micov caldi in avvio e dall’altra parte risponde Beaubois. L’AX è davanti nel punteggio e, quando Shields inizia a martellare il canestro, scappa a +10 al primo intervallo e poi sale anche a +15 (36-21 al 13’). Ci sono anche buone giocate atletiche di Evans per la squadra di Messina, mentre i turchi non hanno la classica intensità, anche se tornano a -10 con due triple in serie di Singleton e Pleiss nel finale di primo tempo.

I biancorossi mantengono la doppia cifra di vantaggio nel terzo periodo, con un paio di penetrazioni vincenti di Delaney e sei punti in fila di KP, mentre la difesa riesce a mettere in difficoltà l’attacco avversario. Solo Beaubois trova il canestro con continuità, soprattutto da fuori, mentre Milano piazza la fuga decisiva nel finale di terzo periodo ed arriva a +22 sulla sirena del terzo periodo, con le giocate del Chacho e la tripla di Brooks. Il 4-0 per iniziare l’ultimo quarto mette in ghiaccio in match e l’Olimpia chiude con le marce alte. Ora l’appuntamento con la storia.

Olimpia Milano vs Efes | Il tabellino

AX ARMANI EXCHANGE MILANO-ANADOLU EFES ISTANBUL 98-75 (29-19, 49-39, 78-56)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

Prima dei playoff di Eurolega, i biancorossi giocheranno tre partite in una settimana di campionato: domenica (ore 20.45) lo scontro al vertice sul campo dell’Happy Casa Brindisi, mercoledì (ore 20.45) in Sardegna contro Sassari e sabato 17 (ore 20.15) al Forum contro la Virtus Bologna.

Le ultime da casa Olimpia Milano

Olimpia Milano vs Efes | Le armi di Ettore Messina

Olimpia Milano che scende in campo consapevole di chiudere tra le prime cinque di EuroLeague, e con l’opportunità di prendersi il fattore campo playoff contro uno avversario già certo del terzo posto.

Differenza di stimoli, che tuttavia sta soprattutto nella volontà del gruppo biancorosso di offrire, e ricevere, segnali nel momento di flessione più lungo di questa straordinaria stagione. 

Non ci sarà credibilmente Kyle Hines, e allora spazio a Kaleb Tarczewski, a riposo con Varese e protagonista di alcune giocate confortanti nelle ultime due uscite. 

Le parole di Ettore Messina

L’assenza del centro ex Cska priva Messina della “punta” di un sistema difensivo che deve essere la principale arma contro il miglior attacco di questa EuroLeague.

Perchè nella difesa Milano deve ritrovare le sue certezze, e con la difesa Andrea Trinchieri ha messo i bastoni tra le ruote al meccanismo perfetto di Ergin Ataman, sempre sopra gli 85 punti di squadra nelle ultime 12 gare, ad eccezione di Olympiacos e, appunto, Bayern (con ko annesso).

Le parole di Gigi Datome

In tal senso saranno preziosi i primi minuti di Malcolm Delaney, che certamente cercherà di ritrovare dimestichezza al tiro ma anche nell’ottimo lavoro difensivo delle sue ultime uscite, e la “prestanza” di Kevin Punter e Shavon Shields in abbinata su Vasilije Micic e Shane Larkin, il cuore del gioco Efes.

D’altronde, Milano e Efes nascono nel segno di un reparto esterni dai grandi numeri, per un abbinamento negli uno contro uno non impossibile.

Olimpia Milano vs Efes | Le armi di Ergin Ataman

Poco da dire, oggi l’Efes è la squadra più in forma di EuroLeague, e lo è da inizio 2021, dove ha ripreso il ritmo di marcia della scorsa stagione.

Un avversario difficile da battere per chiunque, probabilmente oggi superiore anche allo stesso Barcellona nei rankings per il titolo, pur tenendo conto delle tante variabili di una stagione che si dipana in otto mesi, chiudendosi poi con due gare in tre giorni.

Il Dossier Efes

Il dubbio sulla presenza dell’ex Kruno Simon, elemento essenziale pur nello scacchiere di Ataman come play aggiunto e giocatore all-around, non cambia sostanzialmente ad oggi le carte in tavola per un team di talento infinito sugli esterni, con i “mamma santissima” Larkin e Micic in grado di colpire da qualsiasi posizione, e aprire il campo per tiratori come Beaubois, Singleton, Moerman e Anderson, senza dimenticare il centro Sertac.

E proprio il centro turco, classe 1991, è oggi il completamento di un reparto lunghi di talento ma anche grande durezza, con i muscoli e la saggezza di Singleton e Moerman da abbinarsi al miglior difensore di EuroLeague con Kyle Hines, Bryant Dunston, oltre ai centimetri di Tibor Pleiss. E Milano, centimetri e durezza, li ha sempre sofferti quest’anno. Figuriamoci senza Hines.

Vi è poi il tanto ventilato discorso sugli stimoli: il basket non è il calcio, per tante ragioni, e oggi come oggi l’Efes vola, a prescindere dagli impegni. E con un roster dai numeri non eccessivi, da sempre, quanto potranno incidere, in negativo, rotazioni più ragionate?

34 thoughts on “Olimpia, che bel finale: Efes travolto, 4° posto e fattore campo

  1. Non penso proprio che Ataman da vecchio volpone quale è voglia rischiare che qualche sui giocatore si possa infortunare in una partita ininfluente per loro e a 10 giorni dall’inizio dei play-off.

    1. Larkin 20.23 MINUTI
      Beaubois 20.16 minuti
      Singleton 20.35 minuti
      Moerman 19.25 minuti
      Pleiss 22.42 minuti
      Micic 22.01 minuti

      Tutti i giocatori più importanti hanno giocato i 20 minuti che anche Messina dedica ai suoi.
      Come volevasi dimostrare hai scritto una cazzata.

      Non che avessimo dubbi di queste tue “profezie”, perché ormai è noto che non capisci niente di basket – arrivi al punto da copiare da altre persone di altri forum senza dirlo, pur di scrivere qualcosa di decente, che squallore che sei – e sappiamo che ti vergogni delle cazzate che scrivi infatti cambi nome ogni poche settimane, e anche questo pare ovvio – io al tuo posto mi taglierei le dita pur di non fare queste figure di merda – però mai che vieni qui come un vero essere umano, a scrivere: scusate, ho scritto una cazzata.
      Beh, sono lieto di dirtelo io. Non devi neanche ringraziarmi, è un servizio gratuito al blog.

      Ma stavolta volevi anche, nel tuo modo subdolo e viscido, approfittare per insultare di nuovo Messina, come al tuto solito, perché non credere che noi non sappiamo leggere: le tue intenzioni erano chiarissime, e come al solito, misere.
      E hai sbagliato, di nuovo. Povera stella. Ma che ci fai qui, dove raccogli solo meritato disprezzo?

      Adesso vai e cambia nome di nuovo, viscido, squallido, ignorante, schifoso.
      E beccati sta grande vittoria dell’Olimpia AX Milano di Ettore Messina!
      Rosica!

      1. Perché credi veramente che i giocatori dell’Efes hanno dato il 100% per vincere la partita? Povero illuso!!! L’unica cosa che ti riesce bene é offendere ma a me proprio non mi tocchi, anzi mi fa piacere che mi rispondi perché vuol dire che mi leggi e rosichi…

      2. Ma basta aggredire gli altri, porcaccia!
        Anche se scrivono cose che non condividi non è che sempre li devi cazziare, perdii!

      3. Ma purtroppo lui non sa neanche cosa è l’educazione e insulta non solo me ma chiunque non condivide il suo pensiero. Evidentemente nessuno gli ha insegnato l’educazione.

      1. E che dire di te? Invece di festeggiare e godere il tuo primo pensiero sono io e questo significa che io per te sono più importante dell’Olimpia Milano

      2. Ma perché pensi che mi interessi il tuo giudizio. Io rido quando ti leggo percbe si percepisce che sei nervosetto

  2. SOLO complimenti a squadra e Messina che stasera dosa bene le forze, ruota tutti e mancava Hines. Molto bene Evans e la difesa di Tarczwesky. Ovviamente loro hanko mollato ma i primi 2 quarti sono significativi. Bene Delaney, il ritorno e Micov

    Ps: Per quello che mi incazzo quando in LBA vedo scelte e minutaggi assurdi

    1. Bravo, continua a incazzarti!
      Quando poi vedrai abbastanza partite, e comincerai a capire qualcosa di questo gioco, vedrai che non t’incazzi più.
      Ma ci vorranno decenni, ti avverto.
      Decenni in cui starai incazzato e col fegato marcio.
      Non dire che è colpa nostra, perché e solo colpa tua!
      Ciao, rosica ancora un po’.

      1. Scusa, ma basta provocare gli altri! Scrivi di basket, che ti leggiamo volentieri

      2. Permettimi, Palmasco.
        Seguo la tua diatriba con Gae dall’inizio. Leggo molto e scrivo poco (qui).
        Secondo me hai due qualità contrapposte:
        Una è parlare benissimo di basket, con grande competenza e passione.
        L’altra è di passare dalla ragione al torto in un battibaleno, giusto per il gusto di esagerare.
        Hai ragione, e si “vede” (io stesso avevo scritto che Gae e i suoi amici e i suoi fake account inquinano il sito), passi dalla parte del torto quando infierisci, vuoi bastonarlo fino a farlo stramazzare a terra, esagerando.
        Riflettici, se ti va…

  3. Io sono contento del 4 posto e del percorso fatto in Eurolega. Solo le partite con il Pana non mi sono piaciute per il resto complimenti alla squadra.
    Sono contento di aver rivisto Delenay e Evans che credo ci possa aiutare sotto i tabelloni.

    Terzo risultato raggiunto ora manca il campionato e vediamo in eurolega dove arriviamo.

  4. Buon per noi. Quarto posto meritato. Ora: sotto a chi tocca!
    Complimenti alla squadra, allo staff e alla società.

  5. Grande è confortante primi 2 quarti con risposte importantissime. Dopo è stato allenamento.
    A ranghi pieni e con la testa a posto (che le gambe non contano niente da ora in poi) saranno cazzi amari per tutti.
    Continuo a preferire il Real, vedremo.

    PS
    Ma come si fa a fare un commento come quello di Daniele in una sera così dopo una RS così?
    E ti meravigli di essere insultato e preso per il culo?

    1. Già in precedenza svevo scritto che sia Efes sia Barcellona stasera non avrebbero dato il 100% delle loro forze e così è stato. O veramente pensi che il Bayern Monaco ha vinto perché è più forte del Barcellona? Ogni tanto non seguire il capogregge e sii obiettivo.

      1. Gae, te lo dico per la centesima volta, io non seguo nessun gregge, esprimo le mie idee molto diverse dalle tue, non mi nascondo dietro nomi falsi, non sto dove sto sulle palle a tutti dopo che sono stato espulso svariate volte.

        Che poi tu mi chieda di essere obiettivo sfiora il grottesco, tu che vai avanti a bias cognitivi senza mai esprimere una opinione originale che sia una.

        Quindi i tuoi commenti mi fanno un baffo.

      2. Se i miei commenti ti fanno un baffo perché mi nomini? Ti è troppo difficile ignorarmi come faccio io con te eh vero?

  6. Partita ovviamente non “vera”. Gli ultimi 5 minuti anche un po’ grotteschi (il vecchio Pizzul avrebbe parlato in telecronaca di giocate alla “arriva il parroco”). Ci tocchera’ il Bayern che oggi ha trovato il Barca “B”.
    Bene che nessno si sia fatto male e che non ci siamo stressati.

    Gloria un po’ per tutti ma soprattutto bello vedere che Delaney e Evans hanno tolto tutte le bende dopo la riparazione.

    A me dispiace giocarsela con il Bayern. La squadra mi e’ simpatica ed ha dei validi talenti.. il loro psicologo – mi pare si chiami Trinchieri – ‘ molto bravo nel suo mestiere…

    Buon playoff a tutti

  7. Sono arrivato alla convinzione che se anche vincessimo l’Eurolega ci sarebbe qualcuno a caso che troverebbe il difetto, il pelo nell’uovo per non riconoscere.
    Quindi Palmasco è inutile prendersela non è una questione di competenza cestistica è un problema di frustrazione e di incapacità di riconoscere meriti.
    Quindi lascia perdere e godiamoci il fantastico risultato

  8. Io vorrei solo una riposta da Daniele: dopo le cazzate che hai scritto su Messina questo inverno, di fronte al 4 posto, una parolina tipo “scusa mi ero sbagliato” la vogliamo dire?
    Perché altrimenti come fai a scrivere senza vergogna???

  9. Seguo da pochi anni l’Olimpia, non ho mai giocato a basket se non alle medie all’Oratorio (dove me la cavavo molto meglio a calcio). Mi piace questa squadra e mi piace chi allena anche se ha un caratteraccio.
    Suvvia siamo tutti contenti di essere ai playoff e di poter arrivare alle final 4. Cerchiamo di mantenere i nervi saldi e di non trascendere. In fondo dobbiamo sempre ricordarci che e’ un gioco che diventa uno spettacolo quando i protagonisti sono di livello.
    Mi ripeto: buon playoff a tutti!

  10. Ottima stagione tre sole partite non all altezza: stella rossa a Milano Elena due con il Pana. Per il resto anche considerando i vari infortuni tutte partite eccezzionali un pensiero riverente allo staff sia per le scelte che per la conduzione. Ora sotto a chi tocca siamo a 3 w da Colonia. Bayer mi pare, osso duro e probabilmente aiutato in quanto tedesco con F4 in Germania e con un ottimo Trinca al timone. Mi disturba leggere lo sminuire sistematico delle nostre imprese ma mi astengo di augurare all’autore viaggi a sfondo vagamente sessuale. Mi consola che non possa trovare argomenti per condannare impieghi e conduzione di una stagione che pochi avevano visto eccezionale sin dall’inizio. Ma il basket è sport per molti ma non per tutti.

    1. Orlando butta la pasta.
      Iellini revisiona la 127.
      Io la cassa di Morellino l’ho già presa.
      Ci manca solo di trovare il modo di entrare ma il Guaz sono sicuro che 3 pass in cambio di un passaggio ce li procura….

  11. Che roba deprimente vedere che c’è gente che decide di commentare il quarto posto in una RS incredibile per Milano con “eeeeeh il minutaggio però” o “sono venuti in gita”. Se oggi è il giorno in cui avete dei “ma”, il basket non vi darà mai piacere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Olimpia Milano vs Bayern Monaco: ecco la sfida per andare a Colonia

La serie playoff europea, al meglio delle 5 partite, inizierà al Mediolanum Forum il 20 o il 21 aprile
Olimpia Milano vs Bayern

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Andrea Trinchieri
Playoff: i tifosi Olimpia dicono Bayern, ma quanti dubbi sul Real dopo l’addio di Deck

Abbiamo chiesto ai nostri lettori, su Twitter e Instagram, chi vorrebbero opposta alla squadra di Ettore Messina nella post-season europea

Chiudi