I 18 mesi di Ettore Messina in Olimpia Milano: giudizi e sfide di un condottiero

Alessandro Maggi 4

Era l’11 giugno quando Ettore Messina veniva annunciato alla guida di Olimpia Milano. Lo chiamammo «Ciclone». Vediamo com’è andata

Era l’11 giugno quando Ettore Messina veniva annunciato alla guida di Olimpia Milano. Lo chiamammo «Ciclone», perché cambiò tutto dopo due anni difficili, soprattutto a livello di immagine per i biancorossi.

In pochi giorni, dopo il pesante ko nei playoff scudetto con Sassari, cambiò tutto. Via Livio Proli, il presidente dell’era Armani. Via Simone Pianigiani, il coach che pagava un rapporto mai nato con la piazza ben oltre i suoi demeriti presenti.

E dentro una leggenda del basket europeo. Con pieni poteri. Ripercorriamo questi 18 mesi in maniera differente, con giudizi, storie, parole e tanto altro. Buona lettura.

Indice:

1 – Il saggio per comprendere Ettore Messina e il contributo di Flavio Tranquillo

2 – L’azione sul club

3 – La costruzione delle squadre

4 – La risposta del campo

5 – Conclusioni

Scorri in basso per cambiare pagina

4 thoughts on “I 18 mesi di Ettore Messina in Olimpia Milano: giudizi e sfide di un condottiero

  1. Grazie Maggi i salti in avanti culturale e gestionale saranno fondamentali per costruire una squadra che si possa strutturare per tendere ad una egemonia generazionale in Europa ed essere attrattiva di riferimento oltreoceano. Spero tanto che Baiesi possa essere dei nostri molto presto

  2. Grazie Alessandro molto interessante ed approfondito. Ci da modo di capire ed apprezzare il lavoro fatto dietro le quinte, quello che di solito il tifoso non vede.
    Ho trovato interessante anche la ricostruzione del ruolo di Proli che ha fatto molto ma chre rispetto alle sue competenze era arrivato al capolinea

  3. Articolo interessante , però un po’ troppo entusiasta verso un progetto che fino ad ora non ha spostato in alto l’asticella dei risultati e non da respiro di medio lungo termine vista l’età dei principali giocatori

  4. Concordo come sempre con Biancorossodasempre perché, come in ogni sport di squadra, saranno i risultati sul campo a determinare il successo o il fallimento di un progetto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Shavon Shields tra gli oscar di EuroLeague. Mike James domina, ma nessuno lo vuole

Tempo di riconoscimenti per i GM di EuroLeague alla fine del girone d’andata. E per Olimpia Milano trova posto Shavon Shields

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Bogdanovic Gallinari
Danilo Gallinari: Giocare in un’Olimpia come quella di adesso resta un sogno

Danilo Gallinari ospite d’onore della rubrica «Uomini e Canestri» di Luca Chiabotti su Repubblica-Milano. Ecco alcune sue dicharazioni

Chiudi