Le pagelle di ROM – Tutto bello, poi vedremo. Intanto, la poesia di Micov, il risveglio di Kuzminskas, il Cincia che era scarso solo per voi milanesi

Goudelock 7 La faccia giusta. Presenza offensiva senza egoismi, gestione difensiva senza bandiere bianche frettolosamente esposte. Alla fine sono 17 punti con 11 tiri e 0 palle perse.

Micov 7.5 Il passaggio nel terzo quarto per Dada Pascolo è poesia. Ci sono poi quei 12 punti con 5/6 al tiro che rasentano l’arte.

Pascolo 6 Avvio sfortunato con qualche fiammata finale. 19’ di campo da sfruttare con maggiore volontà, ma 7 punti, 2 rimbalzi e 3 assist non sono da buttare. Anzi.

Tarczewski 7 In 19’ sfiora la doppia doppia «picchiando» senza remore qualsiasi lungo canturino passi dalle sue parti. Di un altro mondo.

Kuzminskas 7 12 punti nel primo tempo, 12 punti a fine gara. Non è un calo, semplicemente picchia duro quando serve, aggiungendo 5 punti e 2 assist. Rieccolo.

Cinciarini 9 Una volta bisognava cercare oltre i numeri per raccontare all’unico mondo che lo ritiene scarso, la città di Milano, il valore del capitano. Questa volta cerca di farsi capire con 15 punti, 6/8 da 2, 3 rimbalzi, 6 assist, 23 di valutazione e +22 di plus/minus. Ma abbiamo perso ogni speranza, continuate pure a ritenerlo scarso.

Abass sv 9’ di poco o nulla, ma d’altronde la gara è già andata.

Bertans 6 Avvio individuale disastroso (nei primi 5’ del secondo quarto) dopo l’impatto portentoso di squadra. Lontano dai riflettori, produce 11 punti con 3/5 dall’arco. Quel che serve.

Jerrells 6 Ai margini di una gara che altri mordono, e in cui lui passa su quel che resta delle carcasse. 14 punti.

Gudaitis 6 Pianigiani capisce che non c’è bisogno di lui, e allora centellina le forze di chi tira la carretta da mesi. Comunque 4 punti e 8 rimbalzi, anche se senza canestri dal campo.

Coach Pianigiani 7 Ha il merito di continuare a «bastonare» Cantù a risultato acquisito, al fine di influenzare emozionalmente anche le prossime gare della serie. Questa Milano non può ancora essere giudicata, ma cambia non di poco le sensazioni rispetto a poche ore fa.

Annunci

2 pensieri su “Le pagelle di ROM – Tutto bello, poi vedremo. Intanto, la poesia di Micov, il risveglio di Kuzminskas, il Cincia che era scarso solo per voi milanesi

  1. Era da tempo che non tornavo a casa dal Forum con la voce roca e completamente andata, perché finalmente stavolta la squadra ha emozionato, trascinato, e quindi estratto la voce da tutti i tifosi.
    Sull’assist di Micov per Pascolo avremmo dovuto gridare tutti Maestro Maestro Maestro! – roba di una bellezza che da sola vale l’abbonamento.

    Pianigiani aveva detto che erano pronti, e mi pare che l’hanno dimostrato alla grande. Senza esitazioni, senza mollare, hanno veleggiato sul +15 per quasi tutta la partita, con personalità, da grande squadra. Finalmente!

    Bentornato a Kuzminskas: speriamo resti con noi nei po perché è uno che sposta.
    Su Cinciarini sono stra-d’accordo con te, ha preso sicurezza e autorità e sta giocando una grandissima stagione, aggiungendo anche la cattiveria di segnare e non poco, oltre alle sue doti di lucidità e chiarezza, e alle sue letture che senza forzature portano scompiglio in area. Grande Cincia! Grandissimo (del resto quando è uscito, s’è preso un applauso di quelli che contano, e mi fa piacere.

    Quando la palla arriva anche ai lunghi, il gioco si apre, tutto riesce meglio perché c’è più roba da coprire per la difesa avversaria.
    Certo, le percentuali al tiro di oggi sono magiche, e non saranno sempre queste – finquando c’era partita eravano 10/19 da tre – però guarda caso Tarczewski li ha fatti impazzire, e gli altri hanno tirato spesso liberi e coi piedi per terra.
    (su Micov e il suo tiro non dico più niente… Dico però che dicono che sia lento, però guarda caso riesce sempre a giocare nell’unico spicchio di campo dove non c’è nessuno, e muoversi veloce non gli serve…)

    Abass diobono, concentrati! Non puoi fare passi! NON puoi.

    Abbiamo vinto anche perché Culpepper era molto nervoso, troppo. S’è preso richiamo e tecnico, e ha sbagliato troppo, già dall’inizio. Non sarà sempre così. Certo ha forzato troppo, anche perché è stato tenuto benissimo (molti dei punti li ha fatti a partita finita).
    Cinciarini era sfinito e ha chiesto lui il cambio con un gesto chiarissimo. Mi è parso di vedere che anche Micov fosse in debito.
    Siamo riusciti a far sembrare Cantù una squadretta, ed è stato molto bello, ma non sarà sempre così. Speriamo di trovare sempre soluzioni. I segnali di oggi sono molto positivi.

    Burns? Mah. È un giocatore da praterie aperte. Se davvero viene a Milano, non credo che ne troverà molte sulle quali esprimersi.
    In spazi confinati uhm…

    Mi piace

  2. Per chi ha qualche anno in piu’ Micov sembra il Gattone Mecir del tennis di (appunto) anni fa, lentissimo solo in apparenza. Mecir ammazzava con angoli assurdi (per il tempo), Micov con tempi e modi totalmente disallineati al basket “moderno”, e quindi spesso vincenti. Quel passaggio e’ senza voto, ma proprio senza.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...