Un 27 luglio che sposta gli equilibri: Kevin Pangos, l’uomo dei sogni di Itoudis e Vatutin

Alessandro Maggi 7

Si chiude un 27 luglio che sposta gli equilibri in casa Olimpia Milano, e non solo. La società biancorossa ha annunciato Pangos e firmato Thomas

Si chiude un 27 luglio che sposta non poco gli equilibri in casa Olimpia Milano, e nel basket europeo. La società biancorossa ha annunciato Kevin Pangos e firmato Deshaun Thomas. E ora attende solo il via libera per Johannes Voigtmann.

Il mercato sino ad oggi

Un mercato assolutamente offensivo quello di Olimpia Milano, che ha salutato un “pezzo grosso” come Sergio Rodriguez, ma creato una squadra di infinita esperienza per la prossima EuroLeague.

Tornare alle Final Four è la parola d’ordine dopo la conquista dello Scudetto, e allora sono arrivati in primo luogo i rinnovi annuali di Kyle Hines, Gigi Datome e Paul Biligha. Sempre in ottica continuità è stato poi esteso il contratto di Devon Hall sino al 30 giugno 2024.

Salutato Sergio Rodriguez, anche i contratti di Ben Bentil, Trey Kell e Troy Daniels sono andati in scadenza, mentre la società ha esercitato la “team option” per risolvere i gli accordi sino al 30 giugno 2023 con Jerian Grant e Kaleb Tarczewski.

Il contratto di Dinos Mitoglou verrà chiuso per giusta causa credibilmente in settembre, all’arrivo della sentenza Wada per la positività all’antidoping. E se Giordano Bortolani, che ha contratto sino al 30 giugno 2025, va in prestito a Manresa, il contratto di Davide Moretti è stato risolto con un anno di anticipo.

Quindi il mercato in entrate, rispetto ad un anno fa fatto di tre giocatori con esperienza EuroLeague: Brandon Davies dal Barcellona, Billy Baron dallo Zenit, Kevin Pangos dal Cska (ma era ai Cavs), e Deshaun Thomas dal Bayern in attesa di Johannes Voigtmann dal Cska.

Per concludere, gli esordienti saranno Stefano Tonut da Venezia e Naz Mitrou-Long da Brescia.

La giornata appena conclusa

Che di fatto ha certificato il blitz di martedì sera con cui Christos Stavropoulos ha strappato il “sì” di Deshaun Thomas. Ne parleremo in mattinata.

E nel tardo pomeriggio è arrivato il sì di Kevin Pangos. E’ indubbiamente uno dei colpi più pesanti del mercato europeo, che parlando di play ha registrato sì il maxi-trasferimento di Scottie Wilbekin  dal Maccabi al Fenerbahce (ma l’americano naturalizzato turco viene da “stagioni magre” a livello di risultati), ha visto sì Satoransky firmare a Barcellona, ma per il resto è girato intorno soprattutto al ritorno del Chacho a Madrid.

E Kevin Pangos, numeri alla mano, è il miglior giocatore possibile nel ruolo sul mercato europeo di oggi. L’Olimpia Milano ha bruciato tutta la concorrenza, agendo per tempo e chiudendo l’accordo in primavera. 

D’altronde il canadese un anno fa “paralizzò” letteralmente il mercato del Cska, disposto ad attenderlo per tutta l’estate per poi firmarlo in extremis a febbraio. In quel momento lo scoppio del conflitto in Ucraina stoppò tutto. Ma per Kevin Pangos parla la stima, incondizionata, del duo Vatutin-Itoudis. E, per il momento, a Milano può bastare.

7 thoughts on “Un 27 luglio che sposta gli equilibri: Kevin Pangos, l’uomo dei sogni di Itoudis e Vatutin

  1. Ma non solo la stima di Itoudis Vatutin: credo che abbiamo tutti negli occhi la sua fantastica guida dello Zenit di due anni fa, che davvero fece tremare tutti proprio grazie a lui.
    L’ammirazione quindi di ogni vero appassionato, gli occhi pieni della sua luce – senza stavolta doverla solo soffrire.

    Poi non so, magari sbaglio, ma in quella squadra io me lo ricordo in campo per 33/34 minuti a partita, infaticabile balzare come una molla, fino agli ultimi secondi – grande tenuta e resistenza quindi – con una capacità di palleggio, e stile di palleggio che a me ricorda molto Nash, suo connazionale, l’immenso Steve Nash.

    Sono felicissimo e mi aspetto grandi cose, da lui e dalla “sua” Olimpia.
    E spazi più ampi e più adeguati per un altro piccolo fenomeno che abbiamo in casa e che sta crescendo, che potrebbe davvero sbocciare in pieno e fare la differenza quando conterà: Devon Hall!

    1. Grande acquisto grande esperienza .. con punti e assist nelle mani. Eravamo tutti in trepidazione ma è arrivato .. meno male. Il Chacho rimane e rimarrà il Chacho, ma a parte qualche americano per noi una inarrivabile, ritengo sia la miglior scelta possibile. Una cosa deve però migliorarla.: la gestione di alcuni palloni specie quando la squadra avversaria pressa a tutto campo. L’ho visto perdere in palleggio qualche pallone di troppo, ma nulla di che. Thomas altra buona novella .. gran lavoro della società .. ora se arriva Voigtmann dovremmo essere a posto. Io non vedrei male un altro 5 ma .. mi accontento.😂 altra cosa da considerare che i visti sono Baron Thomas Davies Hines e Hall xke poi gli altri hanno passaporto europeo (Pangos, Lunga Mitraglia, Shields). Profondo rammarico per Mitoglu ma se uno è così superficiale …. Buon basket a tutti

  2. Pangos è attualmente il meglio del ruolo in EL, no-contest con Welbekin; abbiamo, anzi ha, il magnifico duo, assicurato all’Olimpia un sereno futuro a breve, anche con la partnership, per me feconda, di Long

    Un mercato, con l’arrivo di Voigtmann, che ci consegna una squadra che potrà darci buone emozioni e che, per ora, ci lascia buone sensazioni e sono particolarmente moderato nel dire ciò; per ora stiamo skishi, fiduciosi del bene e del bello che la nuova stagione ci può portare

  3. In un contesto del genere secondo me diventerà più facile per Tonut ambientarsi, perché non sarà lui l’uomo da cui ci aspettiamo la luna. Avrà dunque tempo e tranquillità per fare hene anche lui. Ora spetta al coach trovare la chimica giusta, i quintetti equilibrati. Certo è che abbiamo parecchi punti nelle mani in più dello scorso anno

  4. Un immenso grazie a GIORGIO ARMANI e a tutto lo staff Olimpia.

  5. Questo Mercato è forse il migliore dell’era Messina. La prova che ora giocatori tra i migliori di Eurolega vengono a Milano volentieri. C’era da sostituire l’insostituibile e indimenticabile Chacho Rodriguez ed è arrivato il miglior sostituto possibile. Per il resto sono stati salutati tutti gli elementi di rendimento dubbio (in primis Tarcewski, che con le sue controprestazioni regalava un giocatore agli avversari ad ogni partita di EL) e sono arrivati giocatori di livello per puntare alle FF di Eurolega, grazie al budget importante che anche quest’anno il patron Armani con la sua passione ha messo a disposione dello staff.

    Da sottolineare l’ottimo lavoro del coach Messina e Christos Stavropoulos, partiti subito con le idee chiare già la settimana successiva allo scudetto. Pangos ha tardato solo per le problematiche col CSKA Mosca.

Comments are closed.

Next Post

Deshaun Thomas, in una notte il sorpasso sulla Virtus per un roster profondissimo

Deshaun Thomas è un giocatore di Olimpia Milano. L’ex Bayern Monaco firma un contratto 1+1 e diventa l’ottavo straniero del roster di Messina
Olimpia Thomas Virtus

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: