Melli e Grant incendiano il Forum: Virtus ko e 2-1 Olimpia

Fabio Cavagnera 20

I biancorossi fanno sempre corsa di testa, guidati dal reggiano e dall’americano, ottenendo il secondo punto, trascinati dai 12.000 del Forum

Un sontuoso Nicolò Melli ed un clamoroso Jerian Grant nella ripresa spaccano la terza sfida con la Virtus Bologna (94-82) e regalano all’Olimpia Milano il punto del 2-1 nella finale scudetto. Gli oltre 12.000 del Mediolanum Forum trascinano la squadra biancorossa, praticamente sempre avanti nel punteggio, escluso un passaggio nel secondo periodo, per poi appunto spaccare il match nel finale di terzo periodo con i punti della panchina e poi controllare nel quarto periodo. Gli uomini di Messina ‘tengono’ il servizio e tra due giorni proveranno ad allungare ancora a Milano.

Olimpia Milano vs Virtus #3 | La partita

Inizio di fuoco per l’Olimpia: 8 punti di Shields, 5 di Bentil e 4 di Datome, con percentuali mai viste in questa finale ed il Forum si infiamma subito per il precoce +9, per poi arrivare alla doppia cifra di vantaggio (25-14 al 7’) con il canestro di Melli. È Shengelia a ridare ‘vita’ agli ospiti, a cui si aggiungono Jaiteh e Belinelli per riportare i felsinei ad un possesso di ritardo. Ad inizio secondo quarto si scatena Hackett e la Virtus mette la testa davanti (31-32 al 12’), però l’Olimpia reagisce, in un clima sempre più caldo, e torna al comando con Bentil, nonostante i 3 falli di Melli.

I biancorossi continuano a fare corsa di testa anche nel terzo periodo, anche se la partita resta molto equilibrata, con il reggiano e l’ex grandi protagonisti per le due squadre, con giocate di grande classe. Il finale di tempo è tutto di marca milanese, con le giocate di Baldasso e, soprattutto, Grant, per il +10 (78-68) dell’ultimo intervallo. L’americano prosegue il suo personale show in avvio di quarto periodo, ma si scalda Belinelli e la Virtus prova a restare agganciata. Il Chacho si sblocca dall’arco, poi ci pensa ancora una volta un superlativo Melli a mettere la parola fine e dare il 2-1 all’Olimpia. Tra 48 ore si replica nuovamente al Forum, già tutto esaurito.

Olimpia Milano vs Virtus #3 | Il tabellino

AX ARMANI EXCHANGE MILANO-SEGAFREDO BOLOGNA 94-82 (31-27, 48-45, 78-68)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

Martedì si giocherà la quarta sfida (ore 20.30), sempre al Mediolanum Forum, mentre la quinta sfida è in programma giovedì (ore 20.45) alla Segafredo Arena.

20 thoughts on “Melli e Grant incendiano il Forum: Virtus ko e 2-1 Olimpia

  1. Grant grant Grant Grant Grant Grant Grant Grant Grant Grant Grant Grant

  2. Melli Melli Melli Melli Melli Melli Melli melli Melli melli melli

  3. Solo applausi, a tutti. Visti così, con questa energia e con questo tifo, con questa confidenza con i canestri di casa, il peso della prima partita vinta è doppio. Non nn so come questi possano vincere da noi: solo se Beli e Teo sparano il trentello. Ma non credo sia possibile. Se no, noi in casa siamo più fisici , più cattivi, più forti. Forza Olimpia ! Ps: Hackett non si puo toccare? 11 fammi subito. Noi 11 a favore li prendiamo in una gara intera……… saluti.

  4. Gran bella partita!!
    Così deve giocare Melli e l’Olimpia!
    Niente da dire, bravissimi!
    Forza Olimpia

  5. Se non era chiaro il perché Messina abbia optato per Grant invece di Daniels….ecco la risposta. Indubbiamente molto più utile!!!!

    1. Sono d’accordo, come già detto a questo livello fisico e di intensità Daniel credo sia inutile

  6. Grande risposta dalla panchina, 10 punti consecutivi tra Grant e Baldasso e si è aperto il break decisivo. Speriamo che continuino così , 7 non bastano

  7. Per la terza volta siamo andati nel primo tempo sopra di dieci, quindi mi sembra che la squadra entri in campo con buona attitudine, poi chiaro che loro non mollano e per vincerla bisogna fare altro, però, certo, è un bel segnale, un segnale che in prospettiva ci da fiducia.

    Oggi c’è stato un qualcosa di particolare: la squadra, in momenti diversi, ha trovato tre condottieri differenti: Shields-Melli-Grant e partendo da questo dato di fatto, ne è conseguita una prova offensiva di livello, all’altezza di una finale

  8. Niente da dire su Teodosic e gli arbitri?
    Come minimo ci stavano due tecnici e conseguente espulsione per atteggiamento intimidatorio continuato e ripetuto più e più volte.
    Baraldi ha nulla da dire?
    Olimpia deve farsi sentire, non è possibile vengano permessi simili atteggiamenti intimidatori ed antisportivi ad un giocatore, indipendentemente dal suo status

  9. Grande gara indubbiamente, con percentuali finalmente ottime da entrambe le parti. Ma la strada è ancora lunga e loro non molleranno. Ricci però deve dare di più, molto di più.

    1. Caro Di.Me, sicuramente Ricci deve dare di più (da questo punto di vista la lista in casa Virtus è lunga!).
      Ma piazzare questo commento dopo una partita dove molti e inaspettati hanno dato il doppio mi sembra ingeneroso verso un sistema squadra che evidentemente c’è ed è molto affiatato.

      Se domani Ricci si sblocca vedrai la panchina saltare in aria. E se non si sblocca qualcun altro farà il doppio.

      Menzione d’onore a Bentil, oscuro ma importantissimo giocatore in questa serie.

  10. Bellissima partita. Davvero godibile e goduriosa, anche se con questa Virtus capace di infilare filotti in ogni momento non ci si può davvero mai rilassare; a maggior ragione bello vincere! Grandissima Olimpia!
    Ottimi il primo ed il terzo quarto, molto bene non averli fatti riavvicinare nell’ultimo quarto.
    Ha ragione il coach, Bologna quanto a talento non è seconda a nessuno, in tanti giocatori di un roster infinito; tutti quelli che entrano sono temibili. Ancora per fortuna non ha una difesa soffocante per tutto il tempo della partita. Questo ci aiuta a giocare bene, perché oggi abbiamo giocato BENE, alla faccia dei sostenitori che il nostro gioco si basi solo sul tiro dalla distanza; niente di più falso. A parte che in generale tirare tanto da tre non significa basare il gioco solo sul tiro da tre, bisogna vedere come te lo costruisci il tiro da tre.
    A volte quando siamo sopra di qualche punto abbiamo la tendenza a far passare qualche secondo di troppo, prima di imbastire l’azione col risultato che a volte non abbiamo poi il tempo di trovare un tiro buono, forse dovremmo cominciare prima a far muovere la loro difesa, ma da fuori è facile…
    I protagonisti di stasera sono sotto gli occhi di tutti, tra l’altro decisamente inaspettati visto che il meglio oggi l’hanno dato in fase offensiva. Comunque tanti, tanti piccoli o grandi contributi, da quasi tutti; aspetto solo il tasso del miele, dai prenditi qualcuno dei tuoi rimbalzi, fammi qualche taglio in attacco, qualche tiro da tre su uno scarico.
    A dopodomani.

    1. Perdonami ma la gara di ieri fa pico testo in merito al nostro modo di giocare. Perché quest’anno Melli non è stato mai così performante in attacco. In qualche gara il gioco sotto era stato alimentato dal greco, prima dell’infortunio e della follia suicida. Resto dell’idea che il nosto gioco sia comunque perimetrale, di fondo, anche perché abbiamo comunque gli interpreti per farlo.

      1. Vero, ieri Melli e Grant in attacco sono stati un’anomalia, ma la mia osservazione prescindeva dall’ultima partita
        Volevo solo dire due cose:
        1) noi puntiamo parecchio sul tiro da tre, abbiamo buoni tiratori, ma secondo me si deve fare un distinguo sul come si arrivi a tirare da tre; qualche volta è un uno contro uno (vedi Chacho con lo step back ad esempio), ma più spesso si arriva a liberare un uomo sul perimetro dopo aver fatto muovere la difesa avversaria con penetrazioni e scarichi, con dentro-fuori e se si fa circolazione di palla per 15 secondi e poi si libera uno sul perimetro, questo è giocare bene
        2) prima di Natale con Mito e adesso che abbiamo recuperato anche Shields e Melli, il nostro gioco è molto più vario: pensa a quante penetrazioni fanno a partita Shields e Hall, con appoggio al tabellone o tiro dalla media, pensa a quanti p&r Chacho-Hines, a quante volte la palla va in post basso e poi fatta girare (si parla di Hines come super difensore, ma è anche un super passatore), ieri Melli ha anche finalizzato, pensa a quante volte cerchiamo di isolare Da Tome in mismatch spalle a canestro a 5-6 metri dal ferro, persino Grant ha acquisito sicurezza e penetra spesso. Se difendiamo in un certo modo, spingiamo anche di più la transizione offensiva veloce, anche se da quel punto di vista dobbiamo migliorare.
        Insomma secondo me spesso giochiamo bene. Forse, come diceva Messina, abbiamo semplificato un filo i giochi a favore però di una maggiore velocità di esecuzione e quel secondo in meno fa tutta la differenza del mondo.

        Detto ciò: come dice il mantra del Guaz, Milano non ha ancora fatto niente e (purtroppo) io penso che la serie sia ancora apertissima.

  11. Teodosic è protetto dagli arbitri italiani
    E indecente che non si pigli almeno un tecnico. Se si chiamasse Baldasso sarebbe spedito tutte le volte nello spogliatoio anzitempo.
    Non mi interessa che sia bravo e’ un cafone e va messo al suo posto e trattato come tutti gli altri giocatori.

  12. Comunque l’Olimpia ha lasciato UN punto a Bologna negli ultimi 4 minuti e mezzo, è un dato folle. La Virtus è una squadra che non è mai morta e che ti riprende 10 punti in un amen e ne ha messo uno in quasi 5 minuti quando contava. Impressionante intensità anche stasera.

  13. A proposito di arbitri, mentre tiravamo un libero nell’ultimo quarto, Hackett ha dato una gomitata nei reni a Melli. Visto nessuno?

  14. Complimenti per la vittoria di ieri sera.
    Un partitone davvero, livello molto alto.
    E anche un bel peso specifico questa W direi.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano-Virtus #3 | Il tabellino firmato da Jerian Grant

Il tabellino statistico di gara 3 della finale scudetto tra Olimpia Milano e Virtus Bologna, vinta dalla squadra milanese

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: