Come cambia l’Olimpia Milano dopo l’addio di Andrea Cinciarini?

Come cambia l’Olimpia Milano dopo l’addio di Andrea Cinciarini? Arriveranno nuovi innesti di mercato o ci saranno altre uscite?

Come cambia l’Olimpia Milano dopo l’addio di Andrea Cinciarini? Arriveranno nuovi innesti di mercato o ci saranno altre uscite? Tante domande in queste ore per i tifosi biancorossi.

Roster Olimpia Milano, cosa cambia?

L’Olimpia Milano saluterà Andrea Cinciarini nelle prossime ore, e dunque il roster di Ettore Messina passerà a 16 uomini, con uno in uscita. Gli italiani scendono a 7, 6 quelli obbligatori in LBA.

Vi è dunque la posizione di Davide Moretti, accostato settimane fa a Napoli, ma un accordo dato in dirittura d’arrivo non è mai giunto alle ufficialità. E Stefano Tonut?

Roster Olimpia Milano nel dettaglio

Il roster di Olimpia Milano scende a 16 uomini dopo l’addio, cui manca solo l’ufficialità, di capitan Andrea Cinciarini. Ovviamente, ci sarà da scegliere anche un capitano, visto che Vlado Micov, il vice, ha firmato al Buducnost.

Questo l’attuale roster di Ettore Messina:

1 – Rodriguez, Delaney

1/2 – Grant, Moretti

1/2/3 – Moraschini

2 – Daniels

2/3 – Shields, Hall

3 – Alviti

3/4 – Datome

4 – Mitoglou, Ricci

4/5 – Melli

5 – Hines, Biligha, Tarczewski

In tutto gli italiani da 8 scendono a 7, con Davide Moretti in uscita troviamo Riccardo Moraschini, Gigi Datome, Davide Alviti, Giampaolo Ricci, Nicolò Melli e Paul Biligha. 

Non servono dunque nuovi innesti in tal senso, anche se certamente in ottica LBA Gigi Datome e Nicolò Melli, a tutti gli effetti nei 12 di EuroLeague, avranno anche loro necessità di essere inseriti in un turnover adatto.

E Stefano Tonut? Nelle ultime ore non si sono registrati aggiornamenti, anche se da casa Reyer Venezia mancano dichiarazioni ufficiali del giocatore sulla sua permanenza in oro-granata. Certamente, l’addio di Cinciarini non è legato all’arrivo dell’mvp dell’ultimo campionato. 

7 thoughts on “Come cambia l’Olimpia Milano dopo l’addio di Andrea Cinciarini?

    1. Si un altro capitano non giocatore oltretutto sfiduciato da Messina e confermato solo e unicamente per via del suo oneroso contratto.

  1. Come sembra prevedibile Moretti non lo cerca nessuno. Io non capisco cosa abbia visto in lui la nostra società per fargli un contratto pluriennale. A questo punto la soluzione migliore è pagargli la buonuscita che sarà tutto al più 100.000 euro per i suoi restanti anni di contratto ma almeno liberiamo un spot negli italiani.

    1. Mr Buonuscita ci starà già pensando. Anzi, ha già pronta la buonuscita per tutti.

    2. Ho gli stessi dubbi su Moretti. Forse pensavano di pianificare la sostituzione di Cinciarini che infatti è in uscita, solo che Moretti purtroppo non è Nico Mannion, l’altro giocatore italiano pari ruolo uscito dal college l’anno scorso e accasatosi in NBA. Moretti ha un tiro da tre decente, ma come costruzione di gioco non brilla e in difesa si copre di falli in pochi minuti di utilizzo. Gli serviva la gavetta in un club di provincia, l’esperienza in Olimpia si è rivelata un anno sprecato per lui (almeno ha finito l’università, complimenti), e un errore per l’Olimpia con quel contrattone quinquennale.

      1. @lupoellison fin dal momento in cui Moretti è stato ingaggiato dissi che non era un giocatore da Olimpia Milano e che aveva talmente limiti evidenti che difficilmente gli avrebbero consentito di giocare in LBA in una qualsiasi media piccola squadra figuriamoci nell’Olimpia Milano. E purtroppo i fatti ahimè mi hanno dato ragione fin da subito perché già in Supercoppa i suoi limiti erano parsi chiarissimi a tutti. Si sperava che sotto la cura di Messina potesse dare qualche segnale si crescita invece il buio pesto. Fa parte del gioco sbagliare l’acquisto di un giocatore che poi si è rivelato un non giocatore ma quello che non comprendo è perché non limitarsi ad un biennale invece di fargli firmare un pluriennale visto e considerato che non aveva 16 anni quando l’abbiamo preso? Ora ce lo troveremo sul groppone per altri 4 anni…

Comments are closed.

Next Post

Il Piccolo: Per Stefano Tonut Venezia ha detto no ad un'offerta da 500.000 euro

Il Piccolo analizza la situazione di Stefano Tonut. Ed emerge un buyout rifiutato di valore doppio rispetto ai rumors precedenti

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: