La Visione del Guazz | La zampata di Datome, il nuovo mistero su LeDay

guazzoni 4

Il capitano della Nazionale è impeccabile contro Valencia ma la forza di Milano è trovare sempre un protagonista diverso

Final Four, Final Four, Final Four… Scritto mille volte, senza aggiungere altro. Così voleva essere il mio editoriale dopo la roboante vittoria con Valencia. Poi la solita censura di un editore sbarcato dalla Corea del Nord… Ma sto trattando il rinnovo del contratto per la prossima stagione e ho dei VodkaRedBull da mantenere, zona gialla, arancione o rossa che sia.

Siamo persino arrivati al +24 su Valencia: vi ricordate quando negli scontri diretti perdevamo direttamente negli spogliatoi? Oppure quando contro il Kalinic di un Fener venuto in ciabatte venivamo sodomizzati con la sabbia da 8 azioni fotocopia senza opporre resistenza? Oppure quando eravamo dipendenti anima e corpo da Micov (io lo sono ancora nel mio cuore)? Oppure quando dovevamo aspettare Pasqua per arrivare a 11 vittorie? Nella mia agendina rossa (non quella delle donnine più eleganti, quella è di colore nero) ho annotato tre cose: la zampata di Datome, la nuova – adorabile – scaramanzia di LeDay, il controllo ritrovato di Delaney.

Olimpia Milano Valencia
Gigi Datome superbo contro Valencia

Datome. Gigi il Sardo magnifique. Career high eguagliato a 34 primavere suonate, senza forzare niente, rovistando anche nel pattume (il rimbalzo offensivo con tap in), semplicemente facendo Datome. Pulizia. Negli angoli. Lezione magistrale per chi si avvicina a questo sport. Poi per tirare 6/8 da tre servono i suoi polpastrelli (anche se il canestro più impressionante è quella storto per il 2+1). Ma anche avesse tirato 3/8 la sua posizione in attacco sarebbe risultata comunque la chiave tattica della gara. Ecco, non è che Valencia abbia consigliato di cambiare copione: è sempre collassata sulla palla, aprendo fisso al ribaltamento nel corner per Datome. Una sentenza. Ah, messaggio per il venerabile Casalini: il paragone con Danilovic non lo vedo proprio. Troppa più classe il serbo, troppo più uomo squadra il sardo.

Zack LeDay

LeDay. Partenza soft, si prende un paio di nomi – motivati – dal Mio Pastore e cresce alla distanza. Ho notato con colpevole ritardo un nuovo rito, presumo sempre scaramantico. Quando è in quintetto, entra in campo, ruba la palla dal piedistallo dell’Eurolega – e spesso gli arbitri lo guardano male – e inizia a palleggiarci forte ma forte. Perché? Un nuovo mistero, un nuovo quesito da risolvere dopo il sacro zainetto che ci porterà nella terra promessa.

Ettore Messina

Delaney. La vera nota lieta degli ultimi 60′ di pallacanestro. Recentemente mi era apparso in evidente difficoltà. Troppi falli spesi, troppo nervosismo, problemi nel legare il nostro attacco. Contro il Real Madrid per un tempo era stato nettamente il peggiore in campo prima di ritrovare se stesso nella ripresa.

Una crescita legittimata anche al Forum con una partita chirurgica, a mio avviso. Gestione da playmaker cinque stelle. Ha sistematicamente trovato il punto debole della difesa del Valencia. Guardando le statistiche (17 più 2 assist) si potrebbe pensare ad una prova da finalizzatore: ed invece è stato decisivo più nel cucire, nel ribaltare, anche se magari gli assist li hanno collezionati altri con un passaggio in più.

A Madrid Rodriguez, Moraschini, Tarczewski. Con Valencia Datome, LeDay, Delaney. La forza socialista del trovare sempre protagonisti diversi. Il segreto, nel basket europeo, di arrivare spesso in fondo. E farlo nella settimana in cui avremmo avuto solo alibi per perdere la testa con l’avventura da The Terminal vale doppio.

Ps. Secondo me Valencia non ci presta più il suo campo di allenamento…

4 thoughts on “La Visione del Guazz | La zampata di Datome, il nuovo mistero su LeDay

  1. Io andrei piano a parlare di Final Four perché poi si rischia, nel caso dovessimo fare solo i play-off, di parlare di fallimento.

  2. Mah, per quanto sia entusiasmante mettere via Real e Valencia in sequenza, la classifica è corta e prima di puntare alle F4 (cmq un pensiero legittimo, anzi un sogno legittimo), sarei contentissimo di consolidare la classifica attuale con un bel filotto.
    Le due tedesche in questo senso sono fondamentali: con l’Alba x non cadere nel brutto vizio dello specchiarsi con avversari meno nobili, con il Bayern perchè è una diretta concorrente. Efes e forse Maccabi rientreranno e qualucuno deve uscire. E il Bayern, insieme a Zalgiris, Oly e Valencia, è tra quelle verosimilmente destinate a combattere per il 7-8° posto.
    Di Kalinic che ci ammazza con 8 post-up in fotocopia ne parlavo ieri durante la partita, ricordo terribile. Ma non sono più quei tempi per fortuna.
    Zach secondo me, e qui azzardo un po’, ha bisogno di un pò di pugno duro dietro, ultimamente in difesa lo vedo un po’ più distratto: impressione solo mia?
    Delaney credo sia ancora al 80-85% per me può far cose ancora più grandi, è il nostro uomo, più di chiunque altro.
    Micov tornerà, ho fede. Sperando che il covid non abbia fatto danni, ma si tratti solo di un caso asintomatico con diversi tamponi positivi a fila. Con questa squadra ha comunque il tempo di ricercare la forma e arrivare pronto a marzo per i mesi decisivi.
    Fallimento in caso di mancate F4, non lo direi mai, non essendo mai stato obiettivo consolidato, parlerei piuttosto di sogno se mai arrivassero.

  3. Zach mi fa morire. Tutte le volte prende la palla dal piedistallo, palleggia e si fa cazziare dagli arbitri. Tutte le volte. Unstoppable.

  4. Sono assolutamente d’accordo con l’articolo. Non so se arriveremo alle F4 ma visto il nostro recente (e non troppo recente) già arrivare ai playoff e magari giocarsi i quarti sino alla fine sarebbe un risultato importante. Se solo ripenso alle due ultime stagioni c’è un abisso. Partite perse in partenza con le big, vittorie con le più deboli ed ogni tanto qualche exploit erano la normalità. Adesso la squadra è forte, convinta, composta da campioni che non tremano e soprattutto leader al sevizio della squadra. Non abbiamo vinto niente e la stagione è lunga ma non accorgersi di quanto siamo cambiati rispetto agli ultimi anni sarebbe da sciocchi (o in malafede)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Urania Milano Vs Verona | in campo alle 18:00 all'Allianz Cloud

All’Allianz Cloud si recupera la 3^ giornata del Girone Verde, i Wildcats ospitano una Verona in ripresa. Turno infrasettimanale per l’Urania Milano che ospita tra le mura amiche la Scaligera Verona per il recupero della 3^ giornata di campionato. Urania arriva alla sfida con i gialloblù forte del gran successo […]

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano Valencia
Olimpia Milano vs Valencia | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Le pagelle dopo il bel successo di Olimpia Milano su Valencia: LeDay e Punter in silenzio, Delaney palla in mano,...

Chiudi