Massimo Zanetti: Siamo 5-0 con Milano, ma il vero obiettivo è l’EuroLeague

Massimo Zanetti, proprietario della Virtus Bologna, in giubilo dopo il successo nelle Final Eight 2021 della Unipol Arena

Massimo Zanetti, proprietario della Virtus Bologna, in giubilo dopo il successo nelle Final Eight 2021 della Unipol Arena, commenta così dal sito ufficiale del club:

«E’ un successo importante perché era da tanto tempo che non vincevamo questo trofeo. Milano è una nostra competitor, adesso siamo 5-0 per noi ed è una grossa soddisfazione. Oggi ci mancavano Udoh e Mannion, quindi posso affermare con certezza che siamo una grande squadra e, tra l’altro, lo stiamo dimostrando. Dove possiamo arrivare? Intanto godiamoci la Supercoppa, ma il nostro vero obiettivo rimane l’accesso all’Eurolega».

10 thoughts on “Massimo Zanetti: Siamo 5-0 con Milano, ma il vero obiettivo è l’EuroLeague

  1. 5-0 per la Virtus in che senso? Come parziale forse? Lo scudetto apparteneva alla stagione scorsa, nella quale lo scudetto vinto è controbilanciato dalla Supercoppa persa e le sfide di campionato perse. Per cui facendo i conti della nuova stagione siamo 1-0 Virtus e con merito perché abbiamo fatto schifo. Ho stima di Zanetti patron, ma nel momento in cui si è circondato di gentaglia discutibile come Luca Baraldi, tale stima si è affievolita, quindi non mi torna tanto strano che in quel di Bologna stiano manipolando i numeri per passare da fenomeni.

  2. @Zanetti, mi stai sullo stomaco ma hai ragione e hai altrettanto ragione a vantartene. Con meno soldi e meno tempo hai fatto un’ottimo lavoro e probabilmente porterai la Virtus in EL per meriti sportivi (noi entrammo per altri motivi). In poche parole hai distrutto gente che in molti chiamavano (e forse chiamano ancora) “IL GURU” o ” IL MIO PASTORE 😁.

  3. Anche a me Zanetti e ancora di più Baraldi mi stanno sulle palle ma da sportivo devo ammettere che stanno ottenendo grandi risultati e hanno composto un roster competitivo che a mio parere non sfigurerebbe neanche in Eurolega.

  4. @DANIELE Vuoi vedere che la vincerà prima di noi partendo dal basso? La Virtus ha programmazione e cultura non parte da giocatori di 35 anni per vincere subito.

    1. @Julius potrebbe anche accadere e non mi stupirei neanche e se dovessero rivincire lo scudetto avranno già fatto meglio di noi che nell’era Armani non abbiamo mai vinto lo scudetto per 2 anni consecutivi.

  5. Alla V hanno seguito una regola fondamentale nella costruzione di un gruppo vincente, prima viene la struttura societaria, poi l’allenatore, poi un’idea di gioco e alla fine i giocatori. Qui si è partiti dall’allenatore che vuol fare la società, poi porta i suoi giocatori e su questi crea un gioco e se non funziona paga una buonuscita e prova con altri. Il terzo posto in EL non deve illudere che siamo sulla strada giusta, è stato meritatissimo ma frutto di circostanze uniche come i palazzetti vuoti, il Real decimato, CSKA in crisi con James, Maccabi che sbaglia tutto e Kimki in bancarotta, con PO contro la sorpresa Bayern risolta all’ultimo secondo.
    La Supercoppa mi interessa poco, non avrei festeggiato la vittoria e non mi dispero per la sconfitta ma ha messo a nudo le lacune della squadra e le assurdità di mercato che ora anche i Messina boys più accaniti iniziano seppur timidamente a riconoscere.
    Non mi fa felice ma almeno siamo tutti o quasi concordi sul problema , che è già una bella cosa

  6. @Biancorossodasempre ottima disamina. Tra le CIRCOSTANZE favorevoli dimenticavi l’aver pescato per 2 euro un giocatore (Punter) che, insieme ad altre 2 scommesse (Shields e Leday) è stato il cardine della nostra scalata all’EL.

    Parlando di oggi, Punter forse chiedeva troppo e abbiamo dovuto rinunciare ma Leday ? Lo avevamo firmato 2 anni con un contratto per noi vantaggiosissimo. Facciamo un super affare, lo valorizziamo e l’anno dopo a stipendio blindato lo lasciamo andare. Bohh.

  7. “ora anche i Messina boys più accaniti iniziano seppur timidamente a riconoscere.”

    Quante angherie abbiamo dovuto subire da quelli del carro 😛.

  8. Mamma mia, che malumori! Bologna ha vinto meritatamente lo scudetto e questa supercoppa. Da qui non si scappa.
    Sicuramente ha costruito qualcosa di importante in poco tempo. E gli va dato atto. Che mi si parli di programmazione, però, mi sembra un po’ troppo. Lo scorso anno han preso Belinelli. Teodosic non è più un giovanotto e a questi livelli reggerà (purtroppo per tutti) ancora poco. Mannion l’anno prossimo andrà negli states. Ricci non era un ragazzino (infatti l’abbiamo preso noi).
    Certo: Pajola è già forte adesso e migliorerà. Abass è un buon giocatore se inserito in un sistema che funzione. Alibegovich anche, ma non è certo un fenomeno. Arriverà in EL? Glielo auguro. Poi vedremo il discorso budget, programmazione, doppio impegno. Sicuramente sin qui han fatto bene.

    Milano è indietr, in questo momento. Ha cambiato tanto, non solo gli uomini, anche le prospettive di gioco, per cercare di non dipendere solo dal tiro da tre. È in costruzione, ancora.
    Sputare su ina stagione come quella dello scorso anno mi sembra esagerato. Sembra proprio il capriccio fi un tifoso che vuole vincere TUTTO, cosa che non è riuscita a nessuno dei cosch che si sono alternati nell’era Armani.
    Messina non sarà il migliore, avrà delle responsabilità, ma non è certo l’ultimo dei pirla. Lo stesso Scarioli a Milano non ha stravinto, come volete voi.
    Godetevi il basket, senza acredine. È solo il mio punto di vista.

Comments are closed.

Next Post

Kevin Punter: Quest'estate sono successe tante cose

Kevin Punter ha parlato con Eurohoops durante il Pavlos Giannakopoulos Tournament. Tornando anche sull'ultima estate

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: