Olimpia post Venezia #3 | I campioni e la finale attesa da tutti

Fabio Cavagnera 1

L’analisi del giorno dopo il 3-0 a Venezia e l’attesa per la sfida tricolore con la Virtus

Il giorno dopo il 3-0 su Venezia ed il raggiungimento della finale scudetto, la nostra classica analisi post partita. Di un’ennesima prova di forza della formazione di Ettore Messina, all’interno dei confini nazionali.

La difesa ed un altro ‘no contest’

Molti si chiedevano: “Quale effetto avevano avuto sull’Olimpia le Final Four, contro una Venezia riposata?” “Stanchezza, delusione per la sconfitta con il Barcellona, una Reyer più fresca: la quartap partita è più di un’ipotesi”. Nulla di tutto ciò, la terza partita è durata un tempo, quello in cui i padroni di casa sono riusciti a restare agganciati, aggrappati ad un Watt inarrestabile.

Quando Milano ha preso le misure al centro lagunare, non c’è più stata partita. I biancorossi hanno concesso 3 punti nei primi sei minuti del terzo periodo alla formazione di De Raffaele e da lì hanno preso il controllo del match, controllando fino alla sirena finale. Rendendo anche ininfluente lo show di Daye del quarto periodo.

Un’altra grande vittoria partita dalla difesa, per poi trovare le soluzioni offensive per spaccare la gara ben prima dei minuti finali. Come era accaduto in gara 2 e nella semifinale di Coppa Italia. Segno della netta superiorità dell’Olimpia sui campioni d’Italia uscenti. 

I campioni al momento giusto

Sergio Rodriguez e Kyle Hines erano stati tra i giocatori più in difficoltà nel primo tempo. Ma sono due campioni, due fuoriclasse e sanno quando è il momento di tirare fuori gli artigli. Il primo ha guidato la grande prova milanese in attacco della ripresa, il secondo ha piazzato un clinic vicino a canestro.

Watt non è più esistito nel secondo tempo e, dall’altra parte del campo, è arrivata la miglior prova offensiva stagionale. Aspettando di ritrovare il vero Gigi Datome. Il capitano azzurro è in difficoltà, ma (ne siamo certi) saprà tirare fuori una zampata in finale. Perché anche lui rientra nel giro dei grandi.

Ora la finale

Olimpia Milano vs Virtus Bologna. La finale che tutti aspettavano e volevano dall’inizio della stagione, ora è servita. Un grande spettacolo, per conquistare anche un po’ di prime pagine (sarebbe ora, dopo l’assenza nelle Final Four), o comunque spazio, sui quotidiani per il basket italiano. Le due squadre più titolate, chi ha speso di più sul mercato e chi si è lanciato anche qualche frecciatina nel corso dell’anno.

La stagione, sinora, ha detto 3-0 per i biancorossi tra Supercoppa e regular season. Una superiorità da confermare, per rendere trionfale l’annata e farla diventare la più vincente dell’era Armani.

Come dicevamo già nei giorni scorsi, questa Olimpia lo merita. 

One thought on “Olimpia post Venezia #3 | I campioni e la finale attesa da tutti

  1. Vincere contro Djo e Teo sarà bello a prescindere dal loro basket fatto di schiamazzi, botte, false cadute.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Tanti auguri a Sandro Gamba, 89 anni per una leggenda vivente del basket mondiale

Oggi è il compleanno di Sandro Gamba. Tanti auguri ad una leggenda del basket italiano. La sua storia su ROM
Sandro Gamba

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Highlights: Umana Reyer Venezia-AX Armani Exchange Milano 83-93

Le più belle immagini di Reyer Venezia-Olimpia Milano, gara-3 di semifinale scudetto che ha qualificato i biancorossi all'ultimo atto

Chiudi