Buongiorno Olimpia | Cara Fortitudo, il problema non sono i contagi, ma le tue scelte

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio

Buongiorno Olimpia, la rubrica semi-quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà quasi ogni mattina al risveglio.

«Nella logica delle cose è giusto che il campionato di Serie A si fermi qui. I numeri dei contagi sono quelli dell’anno scorso, se non peggiori. A giugno-luglio eravamo convinti che nella nuova stagione si sarebbero potute aprire le porte dei palazzetti al 25%-30%, poi le cose sono cambiate. Ogni settimana va peggio».

Parole di Christian Pavani. Non entriamo nel merito del “blocco degli stipendi” emerso ieri, per stare su questa sostanza.

Non è nella logica delle cose che oggi il campionato di Serie A venga fermato. La situazione non è la stessa di un anno fa, perchè un anno fa l’Italia era in lockdown e cercava di fronteggiare un’emergenza sconosciuta. 

Senza un protocollo, senza comprendere come rivelare i contagi e senza ovviamente un vaccino con cui iniziare la risalita. Si spera.

Oggi il dramma è ancora in corso, è vero, ma un campionato come la Serie A di basket, un mondo composto da 16 società, poteva lecitamente illudersi che il mondo ripartisse in breve tempo, ma al tempo stesso doveva avere un piano “B” un piano “C”.

La colpa non risiede mai negli altri, o negli eventi: non quando abbiamo la possibilità di scegliere.

3 thoughts on “Buongiorno Olimpia | Cara Fortitudo, il problema non sono i contagi, ma le tue scelte

  1. Aggiungerei un punto che non è stato sottolineato abbastanza: senza lo sforzo ammirabile di tutti, giocatori, società, arbitri, se si fosse continuato a non giocare per niente dall’anno scorso, il basket professionistico in Italia sarebbe probabilmente sparito. I tifosi e gli appassionati tenuti a galla invece dallo spettacolo televisivo del campionato in corso, che in mancanza degli spalti è il meglio possibile per ancorarsi a qualcosa.

  2. Poi leggi che vorrebbero fare il prossimo campionato a 18 squadre e decidi di ridere per non piangere…

  3. Premesso che non terminare il campionato per il secondo anno consecutivo sarebbe davvero catastrofico per il movimento, mi sembra che torniamo sempre al punto di partenza, ovvero proprietà e dirigenti che scaricano sempre il problema sullo Stato (ovvero noi) e trattengono per se’ il dividendo. Se alcune società hanno sbagliato a fare i conti, sono i loro proprietari a doverci rimettere, non i dipendenti o i contribuenti. Fermiamoci al basket.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Olimpia Milano vs Barcellona | Il colosso blaugrana in attesa di Gasol. Ma al Forum zoppica

Palla a due domani alle ore 20.45 per Olimpia Milano vs Barcellona. E’ il 31° round di EuroLeague, arbitrano Belosevic, Javor, Hordov
Barcellona Olimpia Milano Dossier

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Sergio Rodriguez Olimpia Milano vs Barcellona
Entriamo in clima Barcellona? Il Chacho, Brooks e «Tutti a casa»

Ci pare il caso di entrare in clima Barcellona. E allora, ricordiamo quello che ha combinato il Chacho nell'ultimo confronto...

Chiudi