Olimpia, più importante Baskonia o Virtus? Io dico Bologna…

Va lanciato un segnale contro la prima rivale in campionato ed in trasferta, come fanno le grandi squadre

Dopo la settimana magica, con il tris di successi tra Eurolega e campionato, l’Olimpia Milano si sta preparando per le ultime tre sfide del 2020. Il basket non si ferma (come sua consuetudine) nemmeno durante le festività natalizie e di inizio anno e per i biancorossi arriva una settimana con le partite contro Baskonia (domani al Mediolanum Forum) e Virtus Bologna (domenica in terra felsinea).

A patto che, ovviamente, è meglio vincere sempre, se ogni settimana mi chiedessero dove puntare per un successo biancorosso tra Serie A ed Eurolega, penderei sempre per l’impegno europeo. Ogni partita può essere quella chiave per riuscire a centrare l’obiettivo playoff o farlo con una migliore posizione di classifica, mentre in campionato c’è tempo di recuperare. E la superiorità italiana della squadra di Ettore Messina è tale da non mettere certo a rischio una qualificazione alla post-season.

Questa settimana, però, è diversa. C’è la sfida con la grande avversaria designata in campionato e, per di più, in trasferta. Non che la gara contro Polonara e compagni sia da sottovalutare, può dare ulteriore slancio alla corsa europea, ma andare a vincere a Bologna avrebbe un significato molto importante. Non tanto per la classifica, ma per la possibilità di mostrarsi superiori all’avversaria. Nuovamente.

Abbiamo spesso detto che, per diventare grandi in Europa, serve prima esserlo in Italia e con continuità, non un anno sì e l’altro no. Per farlo, serve lanciare dei segnali anche psicologici alle avversarie dirette, come fanno di consuetudine le grandi squadre. Magari qualche passo falso saltuario arriva, ma nello scontro diretto si manda un messaggio. Una prova di forza alla Segafredo Arena, dopo aver già vinto la Supercoppa, manderebbe in grossa difficoltà le ‘V Nere’, ma anche tutte le altre candidate rivali.

Certo, siamo a dicembre e da qui a giugno può cambiare tutto. Ma come si presenterebbe la squadra di Djordjevic in un eventuale scontro playoff, dopo uno 0-2 in casa? Come trascorrerebbe le prossime settimane, già in pesante ritardo in classifica, in un ambiente ansioso di vincere e dopo i (legittimi) proclami di inizio stagione?

Per questo, come eccezione alla regola, dico che la gara con la Virtus Bologna è più importante di quella con il Baskonia. Poi se arrivano due vittorie e continua la striscia vincente, ancora meglio per i biancorossi. E se dovesse andar male a Bologna non cambierebbero certo gli obiettivi italiani, ma diventerebbe più complicato raggiungerli.

75 thoughts on “Olimpia, più importante Baskonia o Virtus? Io dico Bologna…

  1. Buonanotte, mi spiace per tutti , ma ho voluto far vedere come è facile sputtanare un lavoro fatto bene.
    Lascio spazio agli altri
    Buonanotte

  2. Iellini , ma sei impazzito? Hai scritto 15 post senza parlare di basket e ti lamenti di quello che fanno gli altri andando a piangere dalla mamma?

  3. Iellini é un altro ipocrita degno compare dei suoi amici idioti perché non è mai e sottolineo mai intervenuto per riprendere i suoi amici quando questi insultano. Questi ormai sono arrivati alla frutta ahahahaha

  4. Andrea a proposito, non mi hai più detto se ti è piaciuto il libro di Orlando “a 500 metri da Harlem ” ?

  5. Enrico90 e a te piace leggere almeno la metà dei post di insulti?
    Ti trovi bene a tuo agio?
    Io no
    Ho fatto solo un esercizio paradossale per Maggi

  6. Ah scusami Momo, si mi è arrivato il libro e lo sto leggendo così il 7 gennaio possiamo integrarlo con la rubrica dedicata a Orlandoilfurioso ahahaha

  7. Bene ma leggilo in fretta perché Orlando è uscito con un secondo capolavoro dal titolo “A PIEDI FINO A COLONIA “

  8. Sono perfettamente d’accordo con la protesta di Iellini, il problema è che ha mancato completamente il bersaglio, dato che dovrebbe sollecitare la censura di quelli che insultano e sono intolleranti verso coloro che non la pensano allo stesso modo, e non verso quelli che scherzano e ironizzano.

  9. Bravissimo Roberto, hai fotografato perfettamente la protesta ipocrita di Iellini e la dimostrazione di ciò è il suo silenzio quando i suoi amici insultano chi non la pensa come loro..

  10. Essere o meno tolleranti implica che ci sia un pensiero da tollerare. Ma se leggendo non trovi la logica ed il nesso con l’argomento cosa devi tollerare cosa? Scrivo che il CSKA è umano quindi fallace e giu bordate è naturale di conseguenza dire che queste ultime sono frutto di rancore e quindi chiacchiere inutili. Ergo siete voi che fate le vittime ad essere intolleranti e fate le vergini dai candidi manti per rivoltare situazioni che esistono solo nella vostra testolina.

  11. Orlandoilrosso i tuoi pensieri sono sempre da decifrare ma l’importante é che ti capisci tu perché a noi certamente non interessa la tua opinione ahahahaha

  12. Come volevasi dimostrare. Egocentrico non scrivo per te e per i tuoi amichetti, per fortuna questo blog ha una platea di lettori decisamente più intelligenti

  13. Orlandoilrosso il tuo commento era riferito a noi, quindi è inutile che lanci la pietra e nascondi la mano anche se questo è il metodo che usate per denigrare gli altri. Forse credi di avere a che fare con degli idioti come i tuoi compari ed è qua che ti sbagli perché fortunatamente noi non siamo loro ahahahaha. Schiarisciti le idee prima di scrivere che mi sembra che tu abbia la mente più offuscata del solito ahahahaha

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Sandro Gamba: Milano serena, Virtus e Baskonia invece devono vincere

Sandro Gamba firma su la Repubblica-Milano il suo editoriale «Tiro libero». Ecco alcune sue visioni sul momento di Olimpia Milano
Sandro Gamba

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Andrea Trinchieri Olimpia
Andrea Trinchieri: Tifoso dell’Olimpia, ma non c’è mai stata una trattativa

Andrea Trinchieri, milanese di nascita e coach del Bayern Monaco, protagonista di «Uomini e Canestri», la rubrica di Luca Chiabotti

Chiudi