Dietrofront Virtus: Sasha Djordjevic resta a Bologna

La squadra bolognese cambia idea dopo nemmeno 24 ore e decide di confermare il tecnico serbo in panchina

Tanto rumore per nulla. A meno di 24 ore dal clamoroso esonero di ieri sera, la Virtus Bologna ha deciso di far rientrare il caso, dopo un colloquio con l’allenatore, e di confermare Sasha Djordjevic sulla panchina bianconera. Ed il tecnico serbo dirigerà già oggi l’allenamento di Teodosic e compagni.

Sasha Djordjevic | Il comunicato della Virtus Bologna

Questo il comunicato della società bianconera: “Virtus Pallacanestro Bologna s.p.a. comunica con soddisfazione che nella giornata odierna è avvenuto un incontro molto costruttivo tra la Società e Aleksandar Djordjevic nel quale si è concordato di proseguire insieme il percorso iniziato nel marzo del 2019 e che dovrà portare Virtus Segafredo Bologna a raggiungere gli obiettivi che l’azionista, i dirigenti, staff tecnico e i giocatori si sono posti all’inizio della corrente stagione sportiva.

Coach Djordjevic e il suo Staff dirigeranno regolarmente l’allenamento di oggi delle 17.30“.

11 thoughts on “Dietrofront Virtus: Sasha Djordjevic resta a Bologna

  1. Questo psicodramma non era facile chiuderlo peggio di come l’ hanno iniziato, ma ci sono riusciti. Complimenti.

  2. Quella panchina non la vuole nessuno. Hanno preso picche da tutti. Del resto a chi piacerebbe lavorare con Baraldino. Ridicoli.

  3. Certo, si sono resi conto che con Sasha se ne andava mezza squadra quindi rapido dietrofront.
    Che dirigenza……..

  4. Giusto Andy, si sono fatti la cacca nei pantaloni dopo le parole di Markovic.
    Si sa che gli slavi sono cosi, e Sasha non guarda in faccia a nessuno (vedi Micov in nazionale..), indipendentemente da chi sei (è questo per me è un punto a favore di Sasha).

  5. Aggiungo…ti chiamerai Bellinelli, arriverai da oltre Oceano, ma se io allenatore non ritengo tu possa giocare, io ti lascio in panca.

  6. Hanno messo una pezza con un bagno di umiltà misto a una figura di m. Avrebbero perso Teodosic e non potevano permetterselo. Quando un rapporto è compromesso comunque è questione di tempo. D’altronde Sale non poteva rifiutarsi avrebbe perso l’ingaggio (e credo che ci tenesse a quello dei suoi assistenti).

  7. Credevo che queste cose succedessero solo all’Inter (lo dico da interista) ma quanto mi diverto!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

L’Olimpia bombarda il canestro del Khimki ed è colpo a Mosca

I biancorossi sono sempre al comando in terra russa, tirando con percentuali straordinarie ed un clamoroso Shields

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Sandro Gamba
Sandro Gamba: Ora, però, l’Armani non si deve più liquefare in EuroLeague

Sandro Gamba firma su Repubblica-Milano il consueto editoriale «Tiro libero» dal titolo «Ho rivisto il Tarczewski che conosco»

Chiudi