Maccabi vs Olimpia Milano | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Delaney si prende il palcoscenico, ma che serate per Punter e Hines: i voti del trionfo a Tel Aviv

Punter 7.5 – Il gioco da 4 punti fondamentale per tenere in vita i biancorossi alla fine dei regolamentari, altre giocate importanti anche nel supplementare. Sta diventando sempre più un uomo chiave.

LeDay 5.5 – Prende il terzo fallo di Wilbekin nel secondo periodo ed è quello l’highlight di una serata  difficile, senza punti e con tre palle perse. 

Micov 6 – Tiene lì l’Olimpia nel momento più difficile, nella prima parte del secondo quarto, poi sono altri a fare la partita.

Roll 5 – Giornata con poca mira ed in cui viene utilizzato meno di 9 minuti.

Rodriguez 7 – Quella tripla nel finale del supplementare fa scaldare i cuori biancorossi, così come un altro paio di grandi giocate. Chiude con 10 punti, 5 assist e 3 recuperi.

Tarczewski 5 – Inizia con due stoppate e pare essere una serata positiva, invece si spegne ben presto e fa costante fatica contro i lunghi israeliani, quando rientra.

Biligha ne

Cinciarini ne

Delaney 8 – Il canestro di una vittoria attesa oltre 30 anni. Già quello potrebbe bastare per un voto altissimo, ma aggiunge anche altre ottime giocate, difendendo anche spesso su Wilbekin, pur senza grandi percentuali.

Shields 6.5 – Chiude in doppia doppia (14 punti e 11 rimbalzi) e fa giocate anche in momenti importanti. Però la palla persa a fine regolamentari e due errori banalissimi da vicino nel supplementare rischiano di compromettere la vittoria biancorossa.

Brooks 6.5 – Alterna ottime giocate a qualche errore banale, ma i cinque punti nel supplementare, trovati con decisione, fanno rivedere sprazzi di vero Brooks.

Hines 7.5 – Quando entra in campo, cambia la partita. Poi fa sempre la giocata giusta, su entrambi i lati del campo, anche lottando contro avversari ben più alti di lui. I 12 punti e 8 rimbalzi non fanno giustizia ad una prova straordinaria del lungo.

Coach Messina 7 – Quanto erano mancati Delaney e Punter? Tanto, perché in Eurolega giocatori di questo livello non si possono regalare a nessuno. Ora che ci sono, la sua Olimpia sta riprendendo a macinare, anche in Europa. Tornando a mordere anche in difesa. 

13 thoughts on “Maccabi vs Olimpia Milano | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Bella vittoria, ma devo dire che secondo me non è stata gestita bene, ne dai giocatori ne dall’allenatore, ed è andata bene la vittoria.

    In particolare nel 4o quarto c’è stato un’ossessiva ricerca del tiro da 3 punti, senza mai tentare una penetrazione o qualcosa di diverso.

    Secondo me Messina a metà 4o quarto poteva rischiare e costruire giocate per post basso da cui attaccare. Le due volte che è stato fatto, l’azione si è trasformata in tiri liberi.

    Infine devo dire che certi errori dei giocatori di quel livello, non sono accettabili. Shields contro wilbekin con 3 falli, invece di giocare 1 vs 1 spalle a canestro, indietreggia e tira. Micov uguale.

    Secondo me siamo stati fortunati a vincerla questa volta.

  2. Gerarchie ormai chiare. Micov cambio di Shields. Tarczewski ancora partita negativa. A questo punto proverei a dar fiducia a Biligha. Peggio non può fare. Molto molto bene gli esterni e contento per Brooks.
    I voti si danno negativi se la performance è negativa. I tempi del 6 politico sono di un’altra era.
    Dobbiamo essere contenti ma consapevoli. Bastava far tirare Punter senza far fallo e ci sarebbero altri commenti.
    Da migliorare la gestione dei vantaggi.

  3. Mac, errori ce ne sono stati tanti da entrambe le parti così come giocate straordinarie.
    Il basket è questa roba maravigliosa qua e quando vinci punto a punto è quasi sempre questione (anche) di fortuna!
    Ma non solo.

  4. Doc63 hai ragione, Biligha potrebbe essere il vero centro di cui abbiamo bisogno, non avendone altri!
    È incredibile che Messina non lo faccia giocare, dopo che siamo riusciti a strapparlo all’NBA!
    E se Delaney gioca così, francamente, perché non provare Cinciarini?
    Non capisco neanche perché Messina non metta dentro Moretti, è perfino in nazionale!
    Mah… speriamo che arrivi Obradovic, ma vedrai che Messina, essendo anche presidente, non lo farà arrivare.
    Speriamo di salvarci dall’A2, che ti devo dire.
    Grazie per la tua opinione, comunque, mi ha aiutato molto.

  5. Alle volte succede che si vede la luna che fa una gran luce e spariscono le stelle vicine cosi si vede poco e si danno alcuni giudizi inadeguati.
    Prendo ad esempio il voto a Leday assolutamente immeritato. Certo lo abbiamo visto giocare meglio ma andate a vedere alcune difese e recuperi nell’OT e poi pensate che abbiamo vinto di 1 . capisco che le pagelle vengono fattr a caldo ma se rivedete i 5 minuti finali il 5.5 a Leday grida vendetta.
    Vi ricordo che abbiamo giocato contro una squadra che ne a perse tante di uno o due punti.
    La tesi che ci manca un centro credo che sia solo parzialmente vera e ieri contro tre bestie enormi non abbiamo sofferto cosi tanto. Quindi per ora teniamoci Tarcisio anche perche non si puo cambiare giocatori tutti i mesi.
    Stesso discorso per Micov, basta che non faccia una partita super e gia sento le prime lamentele…che ingrati ed incompetenti.

  6. Si puo’ sempre trovare qualcosa che non va, su cui migliorare. Per me la verita’ e’ che ieri si e’ vinti su quel campo stregato nonostante un Leday nullo in attacco. Si e’ vinto nonostante avessimo di fronte una squadra che difende tosto e che e’ piu’ fisicata della nostra. Si e’ vinto nonostante la serata non felice di Micov in attacco. Si e’ vinto nonostante le assenze di Moraschini e soprattutto Datome, uno che regala sempre minuti di qualita’. Io ho visto Rodriguez e Delaney che stanno in campo assieme senza rubarsi il pallone me prendendosi anzi un turo a testa nel finale. Ho visto una squadra che soffre a rimbalzo ma che lotta con tutti, anche con i piccoli. Ho visto una squadra che ha affrontato l’overtime senza paura e senza remore.
    Insomma: possiamo migliorare ancora, abbiamo poco gioco vicino al ferro ma siamo consapevoli dei nostri punti di forza: la difesa solida, Punter a volte immarcabile, Shields versatile e utilissimo, Hines da manuale e due play che sanno metterla quando serve. Godiamoci questo e ripartiamo da qui.
    PS Delaney ha messo il canestro decisivo nonostante si fosse sfiancato in difesa su Wilbekin. Circostanza importantissima, per me.

  7. Tom, si non dico che non si possano fare errori, e se andiamo a vedere si sono mangiato più canestri da sotto loro che noi…quello che dico è che in determinate situazioni (tipo quando maccabei sbaglia 2/3 da sotto) bisogna fare canestro e quindi in quei casi bisogna andare a cercare il tiro a più alta percentuale possibile…questo è quello che fanno ed hanno sempre fatto le grandi squadre, nel momento di prendersi la partita (e ieri c’è stata l’occasione nel 4 quarto), non si sparacchia da 3 ma si costruisce il gioco per fare sempre canestro

  8. A parte il fatto che Hines parte da 7 come voto base, stasera il suo clinic difensivo sugli esterni è da 9, il suo costante cambio sul blocco, flottando per quel mezzo secondo da impedire il tiro in uscita dal blocco o lo scarico al lungo e permettere al Delaney di turno di ritrovare il suo avversario ancora indeciso sul da farsi sono stati una chiave difensiva fondamentale. Mi sbilancio, è dai tempi di Meneghin che Milano non ha un centro così dominante da fare reparto da solo! Lunga vita a Sir Kyle Hines!
    Inoltre Brooks da 7, i suoi 5 punti nel OT sono la gioia più grande della serata, perchè simbolo della ritrovata fiducia in primis sua e poi del gruppo che non ha esitato ad affidargli tiri decisivi.

  9. Mac, sono d’accordo, il killer instinct non è ancora a posto ma non si costruisce in pochi mesi, servono anni di “vissuto” [cit].
    Alla fine entrambe le squadre erano stanche e ci sta anche di vedere errori così, altrimenti il basket non sarebbe il nostro sport preferito…

  10. Ho visto più determinazione che culo, certo a freddo, fuori dai giochi, l’arretramento di Shields e di Micov nel 4 quarto sono blasfemia tant’ è che anche il coach ha disapprovato ma li dentro a caldo è tutta un altra cosa. Pensa se i loro tiri fossero entrati. Per me comunque bella partita e ben condotta dalla panca senza se e senza ma e 8 per tutti Tarczewski e Leday compresi.

  11. scusate,ma chi critica dopo una partita così lo sa che esiste anche un avversario???
    grande partita e lo sarebbe stata anche se avessimo perso,poi , ovvio, con la vittoria diventa una goduria infinita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Kyle Hines: E’ stata una vittoria di carattere, più di ogni altra cosa

Gara pazzesca, come sempre, per Kyle Hines a Tel Aviv: Non si vinceva qui da 30 anni, questo spiega quanto sia difficile farlo
Kyle Hines

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Kevin Punter: Una partita incredibile, bravi nei momenti decisivi

Le parole del n° 0 dell'Olimpia e di Kyle Hines, dopo la vittoria biancorossa a Tel Aviv

Chiudi