Olimpia Milano: il ruolo degli italiani nella nuova AX di Ettore Messina

Cosa dovranno portare i giocatori azzurri alla squadra di Ettore Messina nella stagione 2020-21

Aspettando il 3 agosto, giorno in cui l’Olimpia Milano si ritroverà in palestra per iniziare la preparazione verso la stagione 2020/21, proseguiamo le nostre analisi sul roster biancorosso ed oggi ci concentriamo sugli italiani e sul loro ruolo nella nuova AX Armani Exchange. I confermati Cinciarini, Brooks, Moraschini e Biligha ed i nuovi acquisti Datome e Moretti.

La leadership di Datome e Cinciarini

Il giocatore più atteso è sicuramente Gigi Datome. Il capitano azzurro, chiusa la sua esperienza al Fenerbahce, dovrà portare tutta la sua esperienza da vincente maturata in Turchia, riproponendo un italiano da alti livelli di Eurolega in biancorosso dai tempi di Hackett, Gentile e Melli. Non solo per quanto darà sul campo, ma anche nello spogliatoio, dove sarà uno dei leader.

Sarà il nucleo dell’anima italiana della nuova Olimpia, assieme ad Andrea Cinciarini. Il capitano è ormai un veterano dell’AX, visto che disputerà la sesta stagione a Milano. Il suo attaccamento alla maglia e la capacità di aiutare i compagni fuori dal campo saranno ancora importanti per formare un ottimo gruppo, in campo avrà un ruolo di rilievo soprattutto in campionato.

La crescita di Moraschini e Biligha

Tra le conferme, un ruolo interessante è destinato ad occupare Riccardo Moraschini. L’ex Brindisi ha dimostrato, in più di un’occasione, di essere un giocatore ‘spendibile’ anche in Eurolega ed ora si attende la conferma. Un anno di esperienza all’Olimpia, con Messina ed in Eurolega potrà consentirgli di fare un ulteriore step, restando elemento chiave in campionato.

Una crescita simile è attesa anche da Paul Biligha, al secondo anno con la maglia biancorossa. Con una batteria di lunghi folta e, toccando ferro, senza gli infortuni e i problemi dell’anno scorso (Gudaitis e White), probabile non ci sarà grandissimo spazio in Eurolega. Ma in Serie A dovrà dare la solidità per non costringere gli stranieri a minutaggi elevati.

Il salto di Brooks, la gioventù di Moretti

Sembrava in procinto di lasciare l’Olimpia, poi è arrivata la conferma per Jeff Brooks. Un giocatore chiamato a tornare quello visto con le maglie di Sassari e Malaga, con qualche alto e basso di troppo a Milano. Ora conosce cosa gli chiede Messina ed è atteso al salto di qualità in biancorosso, come le sue capacità tecniche, atletiche e di conoscenza del gioco gli consentono.

C’è tanta curiosità per capire il ruolo di Davide Moretti nella squadra di Ettore Messina. Un giocatore alla sua prima esperienza da professionista, dopo gli anni al college americano. Non gli mancano il carattere e la voglia di mettersi in gioco: il coach lo ritiene già pronto per minuti importanti in Serie A, mentre per l’Eurolega servirà vedere come si adatterà nel corso dell’anno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
GAE
GAE
3 mesi fa

Il ruolo dei giocatori italiani è sopratutto fondamentale nel campionato italiano per dare riposo ai giocatori che verranno impiegati in Eurolega per far si che non vengano spremuti sempre i soliti come invece è successo quest’anno..speriamo che il Messia abbia imparato dai suoi errori e dia più fiducia agli italiani e non che ai primi errori li sbatte in panchina senza farli più rientrare..anche perché ora non ha più ne scuse ne giustificazioni perché il roster lo ha scelto completamente lui..sono finiti per lui gli alibi

Next Post

EuroLeague e Covid-19: ELPA rinvia ogni discorso a settembre

Sportando ha ottenuto un messaggio inviato dall’Elpa agli iscritti che di fatto rimanda a settembre ogni discussione sul basket nell’era Covid-19
Luigi Datome

Subscribe US Now

1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: