Eurodevotion: Il profilo di Anthony Gill, il giocatore giusto

Alberto Marzagalia, su Eurodevotion, firma un bel profilo di Anthony Gill, uno degli obiettivi dell’Olimpia Milano Mercato. E’ il giocatore giusto?

Alberto Marzagalia, su Eurodevotion, firma un bel profilo di Anthony Gill, uno degli obiettivi dell’Olimpia Milano Mercato.

Ecco alcuni passaggi:

Ma nonostante una buona carriera universitaria, nel 2016 non è stato scelto, in uno dei tanti draft particolari, almeno a posteriori. Basti pensare che la 4 è stato Dragan Bender e la 27 Pascal Siakam, preceduto anche da Georgios Papagiannis (13) e Guerschon Yabusele (15) oggi all’Asvel. Altri nomi  in orbita europea? Ben Bentil (51) visto al Pana quest’anno, e Joel Bolomboy (52), pupillo di Coach Itoudis a Mosca. Misteri del draft…

Accordo con Ludwigsburg nel 2016, ma c’è un problema coi test medici, non superati ed arriva il comunicato del 23 agosto  in cui il club annuncia di non confermare l’accordo. In Turchia però ci credono ed allora ecco il contratto con Yesilgiresun dove gioca il suo primo anno da pro. La Summer League con Charlotte non porta ad una chance NBA ed infine eccoci al Khimki, dove ha completato la terza stagione consecutiva.

I vari “scouting report” lo hanno sempre decritto come un eccellente rimbalzista, nonché atleta di livello intorno al ferro. I suoi numeri sono stati un po’ limitati dal sistema di Virginai, uno dei più lenti di tutta la nazione.

Ottimo in post sia per numero di possessi che per punti derivati, è considerato notevolmente efficace quando riceve da pick and roll.

Dove si sosteneva dovesse crescere? “Stretch the defense”, allargare il campo, ovvero costruirsi un’alternativa credibile in allontanamento dal ferro. Ebbene, il ragazzo ci ha lavorato ed i risultati si sono visti in EL. 33/69 da tre il primo anno, ricaduta da 8/36 il secondo (ma solo su 13 gare) ed una conferma da 22/50 nella stagione appena conclusa.

7 thoughts on “Eurodevotion: Il profilo di Anthony Gill, il giocatore giusto

  1. Figuriamoci, con il nuovo metro recentemente letto qui, se non è stato scelto da alcuna franchigia NBA vuol dire che è un giocatore modesto ehehe

  2. ….dimenticavo…non hanno scelto Malcom Delaney, Tarcisio, Mike James (almeno non ai draft)….forse a volte sbagliano anche loro…..

  3. Sarebbe ottimo ma l’olympiakos pare abbia fatto un’offerta importante e noi dobbiamo risparmiare per quel giovane dalle doti fisiche importanti che risponde al nome di Datome…

  4. Anche per me il preferito in assortimento con i nostri giocatori, se le alternative sono Williams che a me non convince e LeDay che è davvero una scommessa grossa.
    Di Gill mi piace molto l‘essenzialità del gioco in post basso, con uso del perno molto efficace. E ha un buon tiro da 3 in miglioramento.

    Se invece si parla di Shenghelia il discorso cambia ma credo che questo sia un capitolo chiuso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Kyle Hines e gli anni a Veroli: Quando ammirazione per quel paese di montagna

Ecco un’intervista concessa tre anni e mezzo fa da Kyle Hines a La Gazzetta dello Sport, in cui ricorda i suoi anni in Italia con Veroli
Kyle Hines

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: