Jeff Brooks: Con Ettore Messina imparo ogni giorno qualcosa

Jeff Brooks e il parallelo tra i due coach che ha incontrato a Milano: Rispetto a Simone Pianigiani lo preferisco di gran lunga. Ha sempre grande fiducia

Lo scorso 15 aprile Jeff Brooks è stato ospite di «Ciels Milano Talks», evento organizzato presso CIELS Milano. Ecco alcune sue dichiarazioni che riprendiamo da sperchenmittag.blogspot.com:

SUL SUO PRESENTE

Per fortuna sto bene, anche se non sto giocando, sto cercando di godere dei bei momenti il più possibile… ovviamente non è per nulla piacevole non vedere i miei compagni di squadra, ma bisogna solamente pazientare. La quarantena per me è come una benedizione: oh, si, sembra strano, ma posso finalmente godermi i momenti con mio figlio e mia moglie, cosa non possibile durante la normale stagione anche a causa dei vari viaggi che siamo abituati a fare. La vita è corta, godetevela al meglio

SULLE DIFFERENZE TRA NBA ED EUROLEAGUE

In Europa, a differenza degli Stati Uniti ogni partita non conta come tutte le altre, ma è decisiva. C’è una mentalità completamente differente. Inoltre, in Europa non si guarda troppo cosa fanno i propri compagni di squadra, emerge difatti molto di più l’individualismo, elemento che in NBA è molto meno presente

SUL SUO ARRIVO IN ITALIA

Beh, devo dire che nonostante Jesi sia il mio luogo preferito, non è stato poi così semplice come sembra. La situazione è di quelle più difficili nella vita: sai, ho dovuto lasciare la mia zona di comfort, dove mi sento “al sicuro”, per approdare in una nuova realtà dove non conoscevo né la lingua, né il cibo, né la cultura. Chiaramente mi ha reso un uomo migliore e più maturo, probabilmente tutto questo non sarebbe mai accaduto se non fossi approdato a Jesi e non avessi conosciuto Benedetta (la donna che poi sarebbe diventata la sua attuale moglie, ndr): questa è stata una componente fondamentale.

Poi mi sono trasferito in Russia e in Spagna – in questo Paese giocavo ugualmente per me stesso, tuttavia le persone erano tanto gentili che in Sardegna e persino mia moglie era confusa quando li salutavo con un semplice “ciao”; in Russia invece, nonostante mi sia comunque goduto l’esperienza, faceva davvero freddo, proprio come la popolazione (è risaputo che i russi sono freddi e ruvidi al contrario degli italiani ad esempio, ndr)… inoltre faticavamo a comunicare l’uno con l’altro e tutto ciò mi ha dato la sensazione di voler tornare a casa

SUL MOMENTO PIU’ IMPORTANTE DELLA SUA CARRIERA

Oh, sicuramente a Sassari quando ho vinto la coppa e lo scudetto. È una sensazione favolosa e quello che mi è rimato più impresso è stato come abbiamo dominato il gioco: c’eravamo solo noi e demolivamo ogni avversario. Ecco come sono fatti i sogni

SULLE DIFFERENZE TRA ETTORE MESSINA E SIMONE PIANIGIANI

Guarda, sono due allenatori completamente differenti tra di loro, l’approccio di Pianigiani era molto più calmo e la preparazione più fisica mentre, al contrario, per Messina la preparazione mentale è assolutamente più importante di quella fisica. Preferisco di gran lunga Ettore in quanto si impara sempre mentre si gioca ed è molto più affermato. Ve lo ripeto di nuovo, secondo me la realtà NBA è completamente differente da quella europea: in questo continente ogni singola partita conta e ogni giorno è vitale. A proposito, Messina è molto più emotivo e carico d’emozione, trova sempre un modo per essere fiducioso, questa è un’ottima squadra con cui lavorare e vedremo cosa succederà nel futuro

SU STEFANO CIOPPI

Stefano Cioppi. Lui mi ha insegnato come diventare un vero professionista e gli sarò sempre grato, ogni giorno mi spingeva a migliorare sempre al pari di Lele Molin e questo atteggiamento mentale è proprio come quello di Messina

SU DINO MENEGHIN

Sono riuscito a conoscere e parlare con Dino Meneghin qui a Milano e devo dire che mi insegnato a migliorare la mia difesa

SULL’ITALIANO

Ah, potrebbe essere migliore! Sto utilizzando moltissimo applicazioni come Babbel per impararlo e cominciare a parlare italiano anche all’interno della squadra. Anche se quando parlo in italiano è come se… sentissi che qualcosa è sbagliato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fra84
Fra84
6 mesi fa

Sarà così, ma fino ad oggi non si è visto… pessima annata, sembra regredito anche nei suoi punti forti (la difesa). Spesso molle e passivo. Speriamo cambi registro rapidamente!

Max
Max
6 mesi fa

I confronti tra allenatori, se proprio vuoi farli, è meglio farli quando non ti allenano più…. È una questione di eleganza…..

orlandoilrosso
orlandoilrosso
6 mesi fa

Jeff Brooks è un giocatore generoso che si spende soprattutto in difesa, chiedo agli ipercritici dove hanno visto un JB molle e passivo, per favore citare la/le partite. Ha, come quasi tutti, faticato a comprendere il sistema di gioco collettivo voluto dal coach non dimentichiamo che lo scorso anno era P&R e go to guy. E, malgrado le buone percentuali nel tiro, è mancato un po nella fiducia in se stesso e se come credo lo pensa perché non parlare in modo urbano dei coach?

Di.Me.
Di.Me.
6 mesi fa

Difficile commentare leggendo solo alcune frasi riportate, estrapolate dal contesto generale. A mio giudizio, se te lo chiedono, non e’ sbagliato fare confronti tra i coach. Non ha giudicato nessuno: ha semplicemente detto che preferisce l’approccio piu’ emotivo di Messina a quello piu’ tranquillo di Pianigiani. Sono certo che Brooks avra’ imparato molto anche da quest’ultimo. Secondo me Brooks ha pagato, come altri, il cambio di mentalita’ che il nuovo staff ha portato. E, non dimentichiamolo, quest’anno ha dovuto affrontare la serissima concorrenza di Scola e, in parte, anche di White. Non essere piu’ sicuri di partire in quintetto puo’… Leggi il resto »

GAE
GAE
6 mesi fa

Nessuno può criticare Brooks per l’impegno e per la dedizione che ci mette nelle partite però bisogna anche essere obiettivi e dire che nel basket anche se importante non esiste solamente la difesa e purtroppo sono due anni (il primo con Pianigiani e il secondo con il Messia) che in attacco è quasi nullo e per vincere abbiamo bisogno anche dei suoi punti..per quanto riguarda la sua preferenza tra Pianigiani e il Messia ha detto cose banali alquanto scontate poiché era prevedibile che scegliesse quello attuale cioè il Messia..se Pianigiani fosse l’allenatore attuale avrebbe scelto lui 😂😂😂😂

Fra84
Fra84
6 mesi fa

Potrei fare un elenco infinito di partite in cui è stato molle e passivo, quest’anno… ma non ci sarebbe abbastanza a spazio. Annata da dimenticare per lui. Ci è mancata tantissimo la sua energia e la sua difesa in Euroleague.

Tom Sawyer
Tom Sawyer
6 mesi fa

Interessa anche me questo lunghissimo elenco. Ma forse io andavo a vedere altre partite.
Sulla necessità di dare di più in attacco, invece, sono d’accordo, ma credo sia un fatto mentale più che tecnico, Jeff è anche un buon attaccante oltre a un grandissimo difensore e agonista, quindi da quella parte del campo può dare un po’ di più.
Giocatore comunque irrinunciabile, non solo perché italiano.

Fra84
Fra84
6 mesi fa

@tom sawyer Si, evidentemente anche tu guardavi altre partite allora, come giustamente dici . Xche l’elenco è davvero infinito e le partite da ricordare davvero poche, pochissime. Se Messina è stato costretto a far giocare tantissimi minuti a Scola in spot 4, questo è dovuto soprattutto alle prestazioni modestissime delle alternative , White e Brooks su tutti. Lo stresso Brooks ha fatto autocritica per le sue prestazioni e la sua scarsa condizione fisica, questo anno. Saluti .

GAE
GAE
6 mesi fa

@Fra84 a supportare la tua tesi io aggiungerei anche il fatto che il Messia ha addirittura provato da “4” Biligha che già non si distingue nel suo ruolo naturale di centro figuriamoci da ala grande 😂😂😂

orlandoilrosso
orlandoilrosso
6 mesi fa

Bho, Luison Scola è un maestro motivo per cui gioca a prescindere. Paul Biliga e entrato da ala forte per dare respiro proprio a Brooks e ha comunque fatto bene come quando chiamato in causa fa bene nel ruolo abituale di pivot dove difetta solo di dimensioni, può difendere solo in modo dinamico ma non può tenere la posizione contro marcantoni alla Milutinov, certo difetta anche sul tiro, ma così averne di Paolino!

GAE
GAE
6 mesi fa

Biligha ha vinto uno scudetto a Venezia senza quasi mai aver giocato..per me è un giocatore da squadra di medio-basso livello e non certamente da Olimpia Milano..fa fatica a imporsi nel suo ruolo nel campionato italiano figuriamoci in Eurolega..se seguissimo alcuni commenti dovremmo rimanere con gli stessi giocatori di quest’anno perché sono tutti campioni o gran belle persone solo perché li ha scelti il Messia 😂😂😂😂

Di.Me.
Di.Me.
6 mesi fa

Una cosa e’ dire che uno fa partite pessime (in termini di resa) e un’altra e’ dire che e’ molle. Io la voglia e l’impegno li ho visti spesso. Non dimentichiamoci che ha subito anhe un infortunio, situazione che per uno che ha riposato non molto in estate (per la nazionale) puo’ pesare. Concordo che in attacco dovrebbe garantire 8-10 punti a partita e non solo per i punti in se’ ma perche’ obbligherebbe le difese avversarie ad impegnarsi di piu’ su di lui, liberando i compagni. Biligha da quattro ha giocato, se non ricordo male, proprio perche’ Brooks era… Leggi il resto »

orlandoilrosso
orlandoilrosso
6 mesi fa

Si è vero, ai nostri giocatori se di alta qualità morale, mi affeziono. Non ho mai scritto però che non ci sono alternative ai nostri. Ho già detto che vedrei bene in ala Shenghelia o in play Daniel Hackett quindi per far posto ai nuovi a qualcuno si deve rinunciare. Scola ad esempio può essere riciclato come allenatore dei lunghi sfruttare la sua intelligenza ed esperienze senza dover pagare la sua ridotta autonomia e la diminuzione della velocità di esecuzione. Rinunciare a Nedo ormai mi sembra imprescindibile, grande campione ma quest’anno troppo fragile. Un playmaker undersize come Kyefer è un… Leggi il resto »

GAE
GAE
6 mesi fa

Non credo che sia stato accantonato dal Proprietario di Venezia Brugnaro perché non si acquista un giocatore pagandogli lo stipendio per non farlo giocare mai..evidentemente a Venezia c’erano al momento giocatori più forti nel suo ruolo senza contare che coach De Raffaele è uno che riesce sempre ad ottenere il meglio dai giocatori che ha a disposizione tranne che da Biligha..

Biancorossodasempre
Biancorossodasempre
6 mesi fa

Impara da Messina? Avrà 2 ruoli anche lui allora 😁😁😁

Next Post

Riccardo Moraschini: Ettore Messina si è preso cura di me dal primo giorno

Riccardo Moraschini e Olimpia Milano: Mi sono impegnato ogni giorno in allenamento per diventare un giocatore migliore e aiutare la squadra
Riccardo Moraschini

Subscribe US Now

15
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: