Olimpia Milano Mercato | Cina ed Nba nel mirino di Messina

Olimpia Milano Mercato tema d’attualità in queste ore, pur senza alcuna frenesia. Tra gli scenari possibili, diamo un occhio a Cina e Nba

Come riportato ieri, in movimento l’Olimpia Milano Mercato in queste ore che portano all’importante sfida con l’Asvel in Francia di venerdì.

Non è una questione di fretta, nè di ricerca frenetica. Nonostante gli infortuni, la squadra di Ettore Messina è risalita in seconda posizione in LBA e ha record positivo in EuroLeague.

Ma le difficoltà ammesse dallo stesso coach-presidente con alcuni giocatori (Shelvin Mack), aprono molti scenari.

Mercato invernale, mercato di riparazione

Termine coniato nel calcio, che ha valenza anche nel basket, o quanto meno in EuroLeague. Per club molto strutturati, con campioni già a bilancio, difficile se non impossibile trovare elementi in grado di far fare il salto di qualità, a differenza di organizzazioni più piccole che tengono da parte fette di budget per tesserare fuoriclasse “non sostenibili” con contratti stagionali.

La storia recente di EuroLeague insegna, nessuno ha mai davvero svoltato la sua stagione con un acquisto invernale. L’Olimpia Milano è stata, anzi, spesso la più attiva: due anni fa con Mindaugas Kuzminskas (scippato allo Zalgiris Kaunas e al Maccabi Tel Aviv), nell’ultima stagione con Alen Omic e James Nunnally.

Negli altri club ricordiamo l’arrivo di Goga Bitadze in un Buducnost già fuori dalla corsa playoff, i ritorni di Mike James al Panathinaikos e Jeremy Pargo al Maccabi Tel Aviv, o tesseramenti poco felici come Justin Doellman all’Anadolu Efes.

Di fatto, solo i “ritorni” hanno fatto la differenza, ma trattasi di elementi che già in estate sapevano di avere comunque una casa ad attenderli. Dunque, quando si parla di mercato difficile, sono i fatti a dimostrarlo, non solo le parole.

Olimpia Milano Mercato, dove muoversi

Come detto ieri comunque, e ribadito da La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, l’Olimpia Milano cerca una play/guardia che possa giocare con, e al posto di Sergio Rodriguez, rispettando un criterio di versatilità.

Al momento trattative tra club di EuroLeague non sono possibili, non fino al termine del girone d’andata (piace Lorenzo Brown, liberale dalla Stella Rossa). Desta più attenzione il mercato cinese, dove la possibilità di avere solo due stranieri in campo contemporaneamente (regola introdotta in questa stagione, nda) porta inevitabilmente i club ad un giro di tagli quasi settimanale.

In CBA, in posizioni di rincalzo in classifica, troviamo Courtney Fortson e Jerryd Bayless con Sichuan, l’ex Real Madrid Chasson Randle al Tianjin, Ty Lawson a Fujian (c’è anche Erick Green), l’ex Avellino Keifer Sykes a Guangzhou, il “solito” Darius Adams a Qingdao, un Ray McCallum con due fallimenti in Europa alle spalle in maglia Shanghai, i talentuosi Pierre Jackson e Dwight Buycks a Shenzhen.

Ma anche squadre di primo piano cambiano giocatori senza particolari remore, come sta capitando ad Aaron Jackson, il giocatore che abbiamo menzionato ieri, anche lui ribadito da La Gazzetta dello Sport oggi in edicola.

E poi, ovviamente, c’è il mercato NBA. Il 15 dicembre ripartono gli scambi tra giocatori sotto contratto, e i tagli inevitabilmente arriveranno. Un mercato da tenere d’occhio, e che potrebbe anche avere mire su Shelvin Mack, che dall’altra parte dell’oceano resta giocatore con ottime valutazioni.

0 0 vote
Article Rating

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
GAE
GAE
8 mesi fa

Non capisco e non comprendo il mistero su Nedovic quando ormai è chiaro a tutti che neanche quest’anno possiamo fare affidamento su di lui..e cmq non penso che comprando un giocatore ai saldi autunnali risolveremmo il problema basti vedere l’anno scorso con Omic perché le squadre si tengono i loro campioni..quindi comprare tanto per non serve a nulla..la cosa più grave è che Messina lo sapeva fin dal suo arrivo della fragilità di Nedovic e un allenatore con la sua esperienza si doveva cautelare..poi mi fanno sorridere quei commenti dove si legge che “tanto abbiamo Messina” oppure “l’importante è che… Leggi il resto »

leopard
leopard
8 mesi fa
Reply to  GAE

mi trovi d’accordo. non ho mai mitizzato il messi(n)a . nè al suo arrivo, nè dopo le prime, positive prestazioni in euroleague. aggiungo nè lui nè nessun’altro. la figura dell’allenatore mi pare troppo esaltata, soprattutto a questi livelli. credo che ci siano choaces più o meno esperti, più o meno geniali, ma a calcare il parquet, a lottare sotto il ferro ci sono i gioicatori. certo a concertare i loro movimenti in campo ci pensano gli allenatori, ma la presenza di un paio di atleti di genio, magari un po’ fuori dalle righe è ciò che spesso fa la differenza.… Leggi il resto »

U. Fo.
U. Fo.
8 mesi fa
Reply to  leopard

Perdonatemi: non e’ questione di fiducia incondizionata nell’uomo Ettore ma rispetto per la credibilita’ che si e’ costruito con anni di attivita’ ad alto livello e con qualche successo. Vero che in campo vanno i ragazzi ma avere al timone uno che ha personalita’, esperienza, conoscenza del gioco e qualche dote psicologica nel gestire gruppi e prime donne e’ meglio che avere uno meno esoerto, con meno attributi e meno vincente. Altrimenti perche’ non risparmiare i soldi dati a un top coach e non assumerne uno che non sia “di fama”? In Italia ci sono Menetti o Buscagli o il… Leggi il resto »

Next Post

Olimpia, un sorriso dall’infermeria: Gudaitis e Micov prossimi al rientro

I due infortunati faranno il loro rientro sul parquet nel prossimo ciclo di quattro partite in otto giorni, per Nedovic c'è da attendere

Subscribe US Now

3
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: