Paul Biligha è stato l’ultimo innesto italiano del mercato Olimpia Milano. Seguito sin da prima della fine della scorsa stagione, dove ha vinto lo scudetto a Venezia, pareva sfumato il suo arrivo con l’assoluzione di Burns, ma il club ha deciso di portarlo comunque in biancorosso. Come per gli altri italiani, avrà spazio in campionato e dovrà fornire un rendimento di qualità, per permettere alla coppia Gudaitis-Tarczewski di essere utilizzata soprattutto nelle numerose e dispendiose battaglie di Eurolega.

Paul Biligha e la scelta Olimpia Milano

Come per gli altri acquisti, il neo coach ha avuto un ruolo chiave nella scelta di vestire la maglia dell’AX Armani Exchange: “Ho scelto Milano per la possibilità di giocare ad un livello mai giocato da me e la possibilità di lavorare con Ettore Messina – le sue parole a RealOlimpiaMilano – Sono alla costante ricerca della mia crescita come giocatore e un allenatore come Ettore non può che aiutarmi. Questo è quello che voglio e quello che voglio dare all’Olimpia”.

Il colloquio con Ettore Messina ha subito dato grande carica al lungo azzurro, ora atteso dall’avventura con l’Italia ai Mondiali 2019 in Cina: “Non c’era tanto da trasmettere. Ettore è Ettore, il solo fatto che lui ti chiami a giocare per la sua squadra significa tanto. A me bastava questo, da qui partiamo per fare un anno importante”. Quello che si attende tutta la piazza, per riscattare una stagione fallimentare, in cui non è stato centrato alcun obiettivo.

Paul Biligha ed il debutto in Eurolega

Il centro avrà spazio soprattutto in campionato. Ma l’Eurolega è stata un’altra spinta per arrivare all’ombra della Madonnina e, ovviamente, Biligha spera di poter dare un contributo anche oltre i confini: “È il meglio in Europa, non c’è un altro torneo superiore. Chi vince diventa campione d’Europa, per arrivarci ci vogliono tanti piccoli passi, partiranno da inizio campionato”.

Almeno per quest’anno, l’obiettivo è raggiungere i playoff europei. Poi, in seguito, ci sarà certamente la volontà di provare a centrare il colpo grosso. Intanto, il neo acquisto ha un messaggio da mandare ai suoi nuovi tifosi biancorossi: “Lo spirito di squadra sarà incredibile – ha chiuso – veniteci a seguire perché sarà un lungo cammino, ma ci saranno tante soddisfazioni”.

Annunci

3 Comments »

  1. Piace sentire i giocatori coesi e si sente finalmente energia positiva per la vita dì squadra. Negli anni 80 una delle concause che ha portato al successo è stata l’ambiente amichevole che si era creato, il vendersi e frequentarsi fuori dal campo, vivere le sedute video come una opportunità per studiare insieme etc.

Rispondi