Annunci

Amedeo Della Valle: “Rimasto per Messina, lui trasmette fiducia”

Il nativo di Alba sembrava destinato in Germania, ma ha deciso di restare all’Armani: la nostra intervista sulle sue aspettative per il nuovo anno.

Annunci

Tra gli ‘acquisti’ del mercato Olimpia Milano c’è anche Amedeo Della Valle. L’esterno era già con le valigie in mano, destinazione Alba Berlino, dopo una stagione molto complicata, poi è cambiato tutto. All’improvviso. Ed il giocatore nativo di Alba ha deciso di rispettare il contratto con il club con sede Forum di Assago e, dopo l’avventura azzurra ai Mondiali (se sarà tra i 12 per la Cina), si unirà al gruppo biancorosso.

Amedeo Della Valle ed il sì ad Ettore Messina

Cosa ha convinto il giocatore a restare all’ombra della Madonnina ha un nome e cognome: “L’arrivo di Ettore Messina – le sue parole a RealOlimpiaMilano – Sono bastati cinque minuti di chiacchierata per convincermi, per capire cosa lui si aspettava da me e cosa prospettava per me”. Il tutto riunito in una parola “fiducia, quello che lui mi ha trasmesso”.

Un po’ quello che, invece, è mancato l’anno scorso. Con un utilizzo sempre minore, dopo una prima parte di stagione comunque con venti minuti di media in campionato: “Non so se è questo ad essere mancato. Messina me l’ha trasmessa e mi ha spiegato che lavorerà sui miei errori. Questo per me è importante”. Per riuscire a fare quel salto di qualità, non avvenuto con Pianigiani.

La nuova stagione dell’Olimpia secondo Amedeo Della Valle

La nuova stagione dovrà essere del riscatto per tutta l’Olimpia Milano, dopo una campionato fallimentare ed il mancato raggiungimento dei playoff di Eurolega: “Sicuramente spero in un’annata migliore a livello di squadra – ha proseguito – Dobbiamo costruire, anche se non avremo molto tempo per allenarci, e cercare di vincere il maggior numero di partite possibili”.

Anche (se non soprattutto) nella massima competizione continentale, dove l’obiettivo dichiarato è entrare tra le prime otto. E non solo provare a farlo. Nonostante sarà ancora più complicata, visto i grandi nomi arrivati e le quattro giornate in più: “L’Eurolega è un animale tostissimo. Stiamo però costruendo una squadra profonda e credo questo possa aiutarci”.

Annunci

7 thoughts on “Amedeo Della Valle: “Rimasto per Messina, lui trasmette fiducia”

  1. Anche io credo che quest’anno si riscattera’ e speo che Messina crei le condizioni per sfruttare al meglio le sue capacità. “Prima gli italiani” Naturalmente sto scherzando. Sono sicuro che sara’ utile alla causa poi il campo dira’

  2. Sergio Rubini sceglieva i suoi uomini in base all’allenabilità e alle doti morali, già allora il gruppo intero mostrava grinta, coraggio ed entusiasmo dentro e fuori dal campo. Ecco, io penso che ADV sia un giocatore così e che Messina sia, in chiave moderna, dopo Il grande Dan, colui che meglio incarna le caratteristiche di quei tempi e io credo che dopo aver tolto le zavorre, questa squadra saprà conquistare i tifosi, compresi i detrattori, e arrivare sul tetto in Italia e perché no anche in Europa

  3. Non sarà difficile per Della Valle fare meglio dell’anno scorso, che è stato piuttosto deludente, per lui e per tutti noi.

    Difficile esprimersi sulle cause di questo fallimento, perché la risposta sembra una questione dell’uovo e della gallina: ha perso fiducia e minuti in campo perché fin da subito non è stato all’altezza delle aspettative, oppure il suo rendimento è stato scadente perché non ha ricevuto la necessaria fiducia?

    Per provare comunque ad accennare una risposta, vengono subito in mente giocatori molto più affermati di lui, Bertans per esempio, che hanno reso bene ogni volta che sono entrati in campo, seppure con pochi o pochissimi minuti. E più di lui avrebbero potuto sentirsi trascurati.

    Il problema della fiducia, che è un problema reale, soprattutto per i tiratori, per quanto possa avere condizionato la stagione di Della Valle l’anno scorso, si presenta quindi come una sua fragilità, un suo specifico problema.
    Il ragazzo era abituato a giocare palloni, senza di quelli si trova a disagio e non ha trovato le risorse per aggirare la situazione.

    Potrà Messina ovviare a questa sua fragilità?
    Francamente ho dei dubbi, che cerco di spiegare.
    Messina potrà dargli dei minuti più di quelli che gli ha dato Pianigiani – anche se Pianigiani alla fine gliene ha dato 16 di media, leggendo le statistiche del campionato, che non sono proprio pochissimi…
    Difficilmente però, molto difficilmente, potrà dargli palloni da giocare a piacere, potrà farlo giocare “palla in mano”, come si dice.
    Ci sono precedenze importanti davanti a lui, Nedovic e Micov per dirne due.

    Come reagirà il nostro fragile campione? Perché di talento ne ha tanto, se solo si mettesse a lavorare…

    Allora uno torna a guardare le statistiche, sperando di trovare qualche indizio nei numeri.
    E vede che l’anno scorso, sempre solo in campionato – EL non la consideriamo perché per lui è stata troppo difficile – Della Valle ha tirato col 46,4% da 2, che mi sembra una statistica figlia di scelte sbagliate, per un buon tiratore come lui.
    Anche la sua percentuale da 3, 36,4%, è appena sufficiente, considerando che gran parte di quei tiri glieli costruiva la squadra, e lui avrebbe “soltanto” dovuto metterli dentro.
    Potrà farlo quest’anno, solo perché sembra di capire che si senta rassicurato sulle garanzie del minutaggio? Me lo auguro, ovviamente, e non aggiungo altro.

    Aggiungo solo che guardando le statistiche della Lega con attenzione, si vede che la sua media tra 3 cambia notevolmente tra le partite perse e quelle vinte, andando da un 39,1% quando la squadra ha vinto, a un modestissimo 23,1% quando ha perso.

    Ora: è vero che di tiri da 3 a partita ne ha solo poco più di 2 di media, però quel dato delle sue percentuali, comparato con le vittorie e le sconfitte è interessante, e, secondo me aiuta a risolvere il dilemma dell’uovo e della gallina: perché se io ti metto in grado di tirare comodo, e tu tiri male, beh, è ovvio che qualcosa poi ti devo sottrarre.

    Della Valle tornerà carico e motivato ad allenarsi con Messina, come ha detto, questo potrebbe guarire la sua fragilità intrinseca, e lui potrebbe davvero mettersi a realizzare quello che gli apparecchiano, e fare scelte da 2 più oculate, ma speriamo che non succeda niente che possa incrinare di nuovo la sua fiducia…

    Un dato che non si vede dalle statistiche, infine, ma che era evidente in campo per chi ha visto le partite, era la sua sudditanza da MJ: piuttosto che azzardare un palleggio, che provare a creare un vantaggio, Della Valle si liberava subito del pallone dandolo a Mike, quando erano in campo insieme.
    Ed era un atteggiamento che posso anche capire, ma che non ho mai apprezzato.
    Mi auguro di vedere un altro giocatore, capace di mostrare il grande talento che ha.

    (Qui http://web.legabasket.it/player/pbd.phtml?ply=DEL-AME-93&from=1980&team=1317&type2=a&name_search=Della%20Valle le statistiche avanzate della Lega, cui ho fatto riferimento)

    (palmasco)

  4. Grazie, Orlando, per la tua preziosa e saggia sintesi. Palmasco: condivido i toui dubbi. ADV e’ giocatore fragile. Ha una possibilita’ enorme di completarsi ed e’ comunque positivo checabbia accettato di giocarsela. Auguriamoci, per lui e per noi, che vada bene!

Rispondi

Next Post

James Nunnally verso Hong Kong

James Nunnally avrebbe scelto gli Shanghai Sharks, che parteciperanno al massimo campionato cinese

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: