Nel silenzio rotto da Young una solo reale certezza: tre addii comunque eccellenti

Era il 5 aprile quando pubblicavamo una proiezione del roster 2017-2018, partendo dalle possibilità di conferma per ogni giocatore agli ordini di Jasmin Repesa. Da allora è cambiato il mondo dopo l’1-4 con l’Aquila Trento… e anche il coach.

Ritornando a quella tabella, e ripartendo dalle prime due mosse di mercato, possiamo dunque sottolineare solo pochi aspetti, in attesa delle prossime firme.

PLAY

Sotto contratto Andrea Cinciarini, che ha rinnovato a stagione in corso sino al 30 giugno 2019, esattamente come Mantas Kalnietis. Rimane libero il terzo e più importante spot: l’assalto, poi vano, a Mike James conferma anche l’uscita dal contratto in discussione con Ricky Hickman. Arrivato la scorsa estate come ultimo colpo di mercato, l’ex Maccabi è al momento a Charlotte.

ESTERNI

Scelta sua o della società che sia, Rakim Sanders non rientra più nei piani della società e ha lasciato il biancorosso. Sotto contratto Simone Fontecchio (per cui si era anche parlato di un trasferimento in prestito, ma la regola dei cinque italiani…), Zoran Dragic, Awudu Abass, Bruno Cerella (che ha contratto sino al 2019) e Krunoslav Simon. La posizione del croato non sarebbe ancora chiara, mentre le discussioni di transazione con Alessandro Gentile non sarebbero ancora entrate nel vivo. Chiara la necessità di un esterno con punti nelle mani, a prescindere da altre scelte (da lì il contatto delle settimane scorse con Keith Langford).

INTERNI

Sotto contratto Kaleb Tarczewski, su cui c’è positività: arrivato con un’opzione (a favore della società) sino al 30 giugno 2018, ha viaggiato in LBA a 6.7 punti e 5.1 rimbalzi di media in 14.7’. Da valutare le tempistiche sul passaporto polacco, che cambierebbe non di poco il suo stesso valore di mercato. Davide Pascolo ha un anno di contratto con opzione per quello successivo, Amath M’Baye ha già l’accordo in mano. E nel fine settimana è arrivato anche l’accordo con Patric Young: il centro, a Milano anche ad inizio settimana, ha firmato un contratto sino al 30 giugno 2019, con opzione d’uscita gratuita per la società nel 2018. Due centri e due ali grandi dunque, cui si andrà ad aggiungere un altro “4” credibilmente (per Repesa si cercava un 4 con verticalità e tiro da fuori, alla JaJuan Johnson). Che non sarà né Jamel McLeanMilan Macvan. Dopo due anni, i due lunghi hanno chiuso la loro esperienza milanese.

Tre play, sei esterni e cinque interni. Quattordici nomi la nostra proiezione, che è quanto richiede anche Sito Alonso al Barcellona per garantirsi sopravvivenza in una stagione durissima. 

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Un pensiero su “Nel silenzio rotto da Young una solo reale certezza: tre addii comunque eccellenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...