Ettore Messina su Pangos e Davies: Li ho scelti e voluti. E’ nostro dovere aiutarli, ma si aiutino anche da soli

Nel post Zalgiris, Ettore Messina ha speso parole anche sul momento, fortemente negativo, di Kevin Pangos e Brandon Davies

Nel corso della conferenza stampa post Zalgiris, Ettore Messina ha speso parole anche sul momento, fortemente negativo, di Kevin Pangos e Brandon Davies.

Le parole sono offerte dal sito del club, perchè indisponibili sul canale Youtube dello Zalgiris Kaunas: «Lui e Brandon Davies sono stati i giocatori sui quali abbiamo puntato di più in estate. Sono giocatori che io ho portato a Milano, io li ho scelti e voluti. Adesso stanno faticando ed è nostro dovere aiutarli a ritrovarsi. Ma come sempre succede nella vita quando sei in difficoltà devi aiutarti prima di tutto da solo. Ed è quello che mi aspetto facciano loro. Che si aiutino da solo». 

Sono parole importanti: «Quando ti arriva fango addosso devi spegnere il ventilatore altrimenti ne arriverà sempre di più. È quello che devono fare loro. Aiutarsi e noi continueremo ad aiutarli sempre di più».

12 thoughts on “Ettore Messina su Pangos e Davies: Li ho scelti e voluti. E’ nostro dovere aiutarli, ma si aiutino anche da soli

  1. Premesso che Davis e Pangos sono due ottimi giocatori il cui valore non si discute, che supereranno questo momento di crisi, ma che il problema è di ruolo e di impatto nel gioco complessivo della squadra, due domande:
    Davis era pivot titolare del Barca o c’era un pivot d’area in quel ruolo?
    Pangos nello Zalghiris doveva gestire i ritmi di una squadra costruita per vincere o faceva corri e tira come stella di un gruppo non eccelso?
    Detto questo buona serata a tutti e forza Olimpia!!!

    1. Davies è meglio di tarcewski? Da più opzioni? Da più esperienza? Secondo me è cmq un upgrade visto che tarcewski non giocava mai…
      Pangos dopo lo zenith in cui ha fatto il fenomeno è andato in NBA non a Scafati con tutto il rispetto, poi l ha preso il CSKA, non il buraspor, viene da un anno di inattività, ha avuto un infortunio a inizio stagione, deve giocare 30′ perché non ci sono esterni… Con shields in campo ha smazzato assist a raffica perché non oberato dal fatto di dover fare pentole e coperchi. Il problema vero in attacco è hall che non batte l’uomo manco a morire e che viene battezzato da tre perché non segna mai. Le difese si chiudono in area e non avendo uno che crea vantaggi (shields, ma anche hall e pangos) giochiamo sempre in modo prevedibile. Tra l altro trovo che non sfruttare voigtmann per quello che sa fare meglio (tiro dal perimetro sugli scarichi) sia un delitto, come non avere dei giochi per fare uscire Baron dai blocchi per un tiro comodo. Poi se devi giocare con alviti da 3 18′ è ovvio che sei in emergenza sugli esterni

      1. Guarda Fra, per come la vedo io il tuo post è quasi completamente condivisibile, giusto il discorso su Davies, Shields, l’attacco prevedibile e nessuno che batte il proprio avversario, però francamente Pangos che smazza assist a raffica sinceramente me lo sono perso! Ora non è che improvvisamente si sia imbrocchito, ma la squadra mi sembra non sia in grado di farla girare. Ora capisco l’inattività di un anno e posso capire se ogni tanto gli manca la spinta per battere il suo avversario, però il pick&roll non si dimentica così in fretta, io credo che se prendi il Chacho o Teodosic (per dire 2 nomi a caso) anche tra 10 anni sapranno come sfruttare l’uscita e la rollata del lungo, cosa che purtroppo KP non fa. E se la mano rimane in mano ai portatori per 10-15 secondi senza aver fatto nulla è logico che l’attacco diventa prevedibile e si forza continuamente il tiro da fuori. Voightmann come sottolinei è un gran tiratore, ma non è in grado di costruirsi il tiro da fuori, come invece fanno NML, Shavon E BB, ed effettivamente le loro assenze pesano in questo senso, però non possono vincere sempre le partite da soli ed in isolamento, bisogna anche provare ad attacare l’area ogni tanto, anche solo per provare a spostare i centri avversari

      2. Se Devon Hall non produce è perché Messina nel mese di assenza dei tre play gli ha chiesto compiti di regia, che Hall generosamente ha accettato ma con scarsi risultati. Ora che è tornato al suo posto ha ancora la forma mentis di chi pensa a chi passare e va in tilt. L’anno scorso Hall prendeva sempre 7 in pagella. Non credo si sia imbrocchito improvvisamente se non perché impiegato per molto tempo fuori ruolo. Dategli un attimo e ritornerà il solito Hall che in campo faceva cose intelligenti e aveva punti nelle mani.

  2. vabbe’ messina dai non ti preoccupare, ormai ci siamo abituati, dopo mack, white e il cecchino daniels…

  3. Nessuno discute che Davis non sia meglio di Tarcesky, ma è un pivot d’area che prende rimbalzi è domina l’area? perché di questo avevamo e avremmo bisogno.
    Su Pangos dissento, ottimo giocatore ma non il play in grado di innescare il gioco di squadra ed i giocatori di cui parli, in quanto agli assist non ne ho visti di illuminanti fino ad ora e soprattutto di utili ad innescare guardie, ali o pivot
    Ribadisco, fino a che non avremo un asse play pivot affidabile non andremo da nessuna parte
    Non vuol dire che non vinceremo della partite se i giocatori rientreranno e saranno in forma, ma non avremo comunque la solidità, l’affidabita e le opzioni che servono per vincere

    1. Davies ha sicuramente un curriculum più prestigioso di Tarcisio, ma attualmente fa rimpiangere la grinta ed i rimbalzi di Kaleb. Pangos è ancora insufficiente salvo qualche sprazzo. Poi tutti questi infortuni causati da una frenesia e da forzature causate dal “non gioco” ci stanno costando caro. Senza Shields e con solo Mitrou Long non si penetra quasi più, infatti in lunetta si va pochissimo, con il solo tiro da fuori diventa un’agonia. Speriamo sia solo un momento ma la squadra dello scorso anno meritava molto più rispetto.

      1. Che discorso del menga il tuo finale: la considerazione la meritano pari pari anche i ragazzi di ques’anno, tanto più il rispetto. VERGOGNATI !!

  4. Bhe’, ragazzi, qui si esagera: rimpiangere Tarczewsky proprio no, dai. Nessuna squadra d’Europa l’ha preso, non solo di EL: ci sarà un motivo, no?

Comments are closed.

Next Post

La Visione del Guazz - Zitti e lavorare...

Zitti e lavorare…Zitti e lavorare…Zitti e lavorare…Zitti e lavorare…Zitti e lavorare…Zitti e lavorare…Zitti e lavorare… Non funziona nulla (attacco e difesa) e non c’è una spiegazione logica e razionale. Ora è il momento di stringere il culo, in rigoroso silenzio: mettere in campo orgoglio e dignità personale. Prima delle scelte […]
La Visione Del Guazz

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: