Lionel Abega prende l’Olimpia per mano: che ripresa con Scafati. Secondo successo alle NextGen

Netto successo per l’Olimpia Milano di Michele Catalani nel terzo match delle NextGen in corso a Pesaro: 71-88 il finale

Netto successo per l’Olimpia Milano di Michele Catalani nel terzo match delle NextGen in corso a Pesaro: 71-88 il finale con Scafati, 28-44 il parziale del secondo tempo.

Lionel Abega prende per mano la squadra con 21 punti, 3/6 da 3, 6 rimbalzi. Per Marco Restelli 15 punti, 17 per Samuele Miccoli con 4 assist. 12/34 il dato da 3.

Il Comunicato di Legabasket

Seconda vittoria in tre partite per l’EA7 Emporio Armani Milano che batte 88-71 la Givova Scafati, a secco di successi nella tre giorni di Pesaro, nel Girone B della IBSA Next Gen Cup 2022/23. L’inizio della sfida fra i campani e le Scarpette rosse è caratterizzato da un grande equilibrio: i primi 12 punti gialloblù sono equamente distribuiti fra Caiazza (33 punti, 20/22 dalla lunetta, 5 assist), Imade (7 punti, 6 rimbalzi) e Lamine Camara (6 punti), mentre l’EA7 Emporio Armani trova 5 punti di Abega (21 punti, 6 rimbalzi) e altrettanti di Miccoli (16 punti). Caiazza, con due viaggi dalla lunetta senza errori, è protagonista di un primo allungo da parte della Givova a 2’30” dalla fine del quarto (18-12), ma Milano risponde con un efficace Restelli (15 punti), la cui tripla di tabella da distanza siderale, a 1’37” dal mini-intervallo, chiude un parziale di 7-0 e vale il primo vantaggio biancorosso (18-19). Non basta per arrivare al riposo in vantaggio: Scafati, infatti, sfrutta i liberi di Rossano per chiudere il periodo sul 23-21. Milano prova a dare una spallata con Abega, che in pochi secondi segna una tripla e un canestro da sotto che, a 7’38” dall’intervallo, valgono il +6 (25-31). L’EA7 Emporio Armani stringe anche le maglie della difesa e, dopo una palla recuperata di Miccoli, va a segno in contropiede con Fiorillo costringendo il tecnico gialloblù, Francesco Mollica, a chiamare il timeout poco oltre la metà del quarto (32-40).

La risposta di Scafati è affidata al solito Caiazza, che supera quota 20 punti segnati in largo anticipo rispetto alla fine della prima metà di gara e aiuta la sua squadra a tornare sotto di un solo punto con 20’ da giocare (43-44). I due attacchi si equivalgono nelle prime battute della ripresa: a provare a rompere l’equilibrio è ancora Abega, con 4 punti consecutivi a cavallo della metà del periodo (49-54); i gialloblù soffrono quando Caiazza riprende fiato e Milano ne approfitta, con la tripla di Miccoli a 23” dall’ultimo mini-intervallo, per volare fino al +10 di fine terzo periodo (58-68). Un parziale di 15-4 per le Scarpette rosse, nei primi 6’ dell’ultimo quarto, vale il massimo vantaggio sul +21 (62-83): in questo lasso di tempo è ancora decisivo Abega, che supera quota 20 punti a referto segnando con la stessa efficacia tanto da due quanto da tre, rendendo agevole il controllo degli ultimi giri di lancette. Vince Milano, finisce 71-88.

Il comunicato di Olimpia Milano

L’Olimpia ha impiegato un tempo per debellare l’orgogliosa resistenza di Scafati, trascinata dallo “One Man Show” di Emanuele Caiazza, 33 punti in 35 minuti, 20/22 dalla lunetta, con 15/15 nel solo primo tempo. Poi gradualmente, l’Olimpia ha assunto il controllo delle operazioni, nel terzo quarto ha piazzato il break decisivo e nel quarto ha dilagato chiudendo con la seconda vittoria la prima tappa della NextGen Cup. Adesso, la squadra di Michele Catalani è 2-1 e perfettamente in corsa per superare il turno e accedere alle Final Eight. Le prossime quattro gare saranno in programma a Trento e Rovereto alla fine di febbraio. Decisiva l’energia di Lionel Abega, 21 punti in 24 minuti con 8/12 dal campo ma fondamentale anche in difesa. Il 18enne in doppio tesseramento con Pavia in Serie B, ha chiuso la tre giorni di Pesaro con 17.5 punti di media e 2.3 palle rubate a partita oltre a 6.3 rimbalzi, tirando con percentuali notevoli ovvero il 66.7% da due e il 53.8% da tre. Nell’ultima gara hanno giocato molto bene Samuele Miccoli, il più giovane del gruppo, 16 anni, che ha chiuso con 11.3 punti di media, e l’altro playmaker, Marco Restelli, 14.7 di media. L’altro punto di riferimento della squadra, Francesco Gravaghi ha vissuto una serata difficile al tiro ma ha terminato come primo rimbalzista di squadra con 9.0 a partita.

Givova Scafati-Olimpia Milano 71-88

Givova Scafati: Jallow 3, Lamine Camara 6, Improta 4, Rossano 2, Fonisto 8, Carolei, Pali, Monsurrò, Sasso, Morvillo 8, Caiazza 33, Imade 7. All: Mollica.

Olimpia Milano: Miccoli 16 (4 ass), Marcucci 7, Martino 5, Sternicki 7, Fiorillo 4, Trovarelli 7, Anchisi 1, Restelli 15 (3/8 da tre), Gravaghi 5 (7 rim, 4 ass), Todisco, Abega 21 (5/6 da due, 3/6 da tre, 6 rim), Leoni. All: Catalani.

One thought on “Lionel Abega prende l’Olimpia per mano: che ripresa con Scafati. Secondo successo alle NextGen

Comments are closed.

Next Post

"E' stato un disastro, senza mezzi termini". Riccardo Pittis si racconta

Intervistato dal Corriere del Veneto, Riccardo Pittis è tornato sulle sue disavventure imprenditoriali. Ecco alcuni passaggi
Riccardo Pittis

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: