Contatto Baron-Mickey, l’ex arbitro Corrias: Il contatto vero è mentre tira

Dopo Olimpia Milano-Virtus di Supercoppa tiene banco la polemica per il contatto Baron-Mickey a 3’’ dalla sirena. Il parere di Corrias

Dopo Olimpia Milano-Virtus di Supercoppa tiene banco la polemica per il contatto Baron-Mickey a 3’’ dalla sirena. Tre i liberi concessi dalla terna arbitrale, e allora prende la parola l’ex arbitro FIP Silvio Corrias, con un passato anche da Istruttore arbitri e responsabile Settore Tecnico presso la stessa federazione.

Il confronto nasce sulla chat premium di Backdoor Podcast, le cui modalità di accesso vi spiegheremo in questo stesso pezzo.

Indice

Le parole di Silvio Corrias

Così Silvio Corrias: «A velocità normale è molto difficile stabilire in quale momento avvenga il contatto! Spacchettando la clip (frame by frame) probabilmente il contatto avviene un frame prima che Baron prenda la palla con due mani, ma poi il contatto vero è mentre tira (Baron sa che faranno fallo ed è molto intelligente nel fare il movimento di tiro)».

Concetto ribadito: «Tutto il resto del contatto – ben più evidente – su spalla e braccia di Baron avviene mentre Baron ha la palla tra le mani e le muove verso l’alto (criterio del regolamento per stabilire se un giocatore è in atto di tiro)».

Il sito fa notare come le direttive FIBA, in caso di dubbio, tendano a tutelare il tiratore rispetto a chi commette fallo. 

Sul tecnico a Scariolo pochi dubbi, pur comprendendo lo sconforto del coach virtussino: «quel “ma state scherzando” e forse qualcos’altro detto prima, non sono stati la migliore strategia».

Chiaro il concetto anche sul tecnico a Messina: «il tecnico viene assestato dopo, quando l’azione comincia e lui è in campo con i piedi. Quando l’azione arriva nella zona della panchina e lui rimane in campo, la sanzione diventa inevitabile, anche perché interferisce con l’azione».

Che cos’è Backdoor Premium?

Una possibilità, un’occasione per i contributori di Backdoor di venire in contatto con gli addetti ai lavori.

L’appartenenza a questo canale è temporanea e legata all’essere dei contributor di Backdoor Podcast. I modi per contribuire sono:

Aver partecipato al crowdfunding. Diverse donazioni portano a diverso diritto di appartenenza con la seguente modalità:

Donazione di 10 euro=2 mesi di appartenenza al gruppo.
Donazione di 30 euro= 6 mesi di appartenenza al gruppo
Donazione 50 euro= 10 mesi di appartenenza al gruppo
Donazione di 100 o + euro= 13 mesi di appartenenza al gruppo

Per donare andate a questo link, seguite le istruzioni e, tramite Paypal, potrete completare la donazione.
Essere abbonato con almeno la sottoscrizione Prime al canale Twitch, a questo link trovate come collegare il vostro account Amazon Prime e quindi contribuire gratuitamente.

I controlli di validità della subscription verranno fatti un paio di volte al mese. Se il vostro abbonamento Twitch è scaduto ve lo segnaleremo, se dopo due giorni non avrete provveduto a rinnovare sarete rimossi.
In tal caso nessun dramma, nel momento in cui ritornerete abbonati Twitch ce lo segnalerete e, dopo dovuta verifica, sarete riammessi per il tempo del vostro abbonamento.

Per facilitare il riconoscimento può essere comodo utilizzare lo stesso nickname utilizzato in sede di sottoscrizione Twitch. In caso contrario nessun problema, approfondiremo noi l’appartenenza.
È assolutamente vietato condividere il link del gruppo con nessun’altra persona. In tal caso, se si riuscirà a identificare la persona che lo ha condiviso, ci sarà un ban PERMANENTE.

8 thoughts on “Contatto Baron-Mickey, l’ex arbitro Corrias: Il contatto vero è mentre tira

  1. Sono contento, francamente, che una voce autorevole offra argomenti per instillare quanto meno un dubbio a favore di quel fischio, che invece è stato condannato da tutti, anche con veemenza.
    Dico così perché sono un tifoso di Milano? Certo, mi pare ovvio!
    Se fosse avvenuto il contrario griderei allo scandalo? Probabile, ma non sicuro.
    Tutto questo però non c’entra niente con un parere autorevole come quello di un ex arbitro e ex istruttore di arbitri come Corrias.
    A meno qualcuno voglia sostenere, come ha provato a fare Bologna durante lo scudetto, che gli arbitri siano schierati con Milano…
    Le ragioni per chiamare quello un fallo su tiro ci sono tutte, anche se ovviamente è una chiamata al limite, ma è dentro il limite, non del tutto fuori da esso.

    1. Sinceramente l’ho trovato scandaloso, era magari entro il limite, ma un limite tirato all’inverosimile. Ovviamente non credo assolutamente che gli arbitri siamo schierati, ma semplicemente che siano troppo scarsi. Mi ripeto, ma alla fine quel fischio lo trovo coerente con la bruttezza della partita, che nessuno meritava di vincere.

  2. Esatto inutile che Bologna rompa i c.
    Poi che sia strano dare 3 liberi ok ma deve cambiare il regolamento tipo tre tiri solo quando uno sta veramente tirando non quando la butta alla viva il parroco quando si accorge che il difensore sta facendo fallo.
    Ma il regolamento ora non è cosi

  3. Io sono un sostenitore Olimpia ma a me è sembrato che solo dopo aver subito il fallo e mentre stava per cadere Baron abbia innescato l’azione di tiro, ossia che il nostro americano, per quanto cecchino acclarato, non avesse minimamente l’intenzione di tirare da lì, ma visto che stava subendo un fallo perché non provarci. (non sto giudicando, dico solo quello che mi è parso di vedere anche al rallenty).

    Per me la regola va rivista. L’azione di tiro dovrebbe essere già in corso quando ti fanno fallo, tipo col giocatore in sospensione e l’avversario che irrompe nel cilindro durante l’azione di tiro. Non mi garba vedere giocatori, e accade ormai troppo spesso, che siccome stanno subendo fallo alzano la palla improvvisando tiri balenghi solo per prendere i tiri liberi.

  4. Amen. Fischio corretto e solite lamentele dalla solita parte. Noi abbiamo Re Giorgio che detta stile e se fosse fischiato a noi lo accetteremmo senza dire nulla, questa la differenza! Fischio quindi giusto e finiamola qui

  5. Io sono molto più infastidito dal”calcetto” che molti giocatori (anche nostri) danno in avanti perché sanno che il difensore entrerà giocoforza nel cilindro e normalmente viene sanzionato con un fallo al difensore, mentre è l’attaccante che invade.

    1. Anche a me il calcetto dà noia. Lo fa Belinelli e lo faceva Delaney dei nostri. Peccato che il calcetto esca dal cilindro e quindi se urti la gamba del tiratore avanzata apposta non dovrebbero darti fallo. Sarebbe utile che rivedessero le regole, sia per il calcetto sia per quanto riguarda l’innesco dell’azione di tiro solo nel momento in cui ti fanno fallo. Nel caso di Baron ieri era uno dei nostri, ma ormai fa parte del mestiere come il calcetto, è una pratica generica perché lo fanno in molti e questo rovina lo spettacolo del basket.

Comments are closed.

Next Post

Le pagelle della Gazzetta: Melli non è lui, Mitrou-Long non è alternativa in regia

Paolo Bartezzaghi ha firmato su La Gazzetta dello Sport le pagelle di Olimpia Milano dopo il ko con la Virtus Bologna
Olimpia Virtus Inter Bologna

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: