Vlado Micov su Ergin Ataman: Ci allenava lo staff, lui andava al mare

Vlado Micov, indimenticato “professore” di Olimpia Milano, ha parlato anche di Ergin Ataman in un podcast in Serbia

Vlado Micov, indimenticato “professore” di Olimpia Milano, ha annunciato alcune settimane fa la fine della sua carriera agonistica dopo l’ultima stagione al Buducnost.

Micov, intervistato nel podcast di Jao Mile, ha parlato di Ergin Ataman, con cui ha lavorato al Galatasaray proprio prima del trasferimento in Olimpia.

Ecco le parole riportate da eurohoops e tradotte da basketuniverso: «Facciamo un esempio, abbiamo una partita il sabato. Ataman spariva la domenica, il lunedì, il martedì e il mercoledì. Era il suo assistente ad occuparsi della preparazione. Di solito lui stava al cellulare e mandava messaggi ai tifosi, gli piace molto discutere».

Ma non solo: «Praticamente arrivava solo a fine allenamento per salutare la squadra. Il giorno dopo la gara di EuroLeague ripartiva per il mare. Adora andare a Çeşme (sull’Egeo, ndr). La maggior parte delle volte era il suo staff a lavorare».

11 thoughts on “Vlado Micov su Ergin Ataman: Ci allenava lo staff, lui andava al mare

  1. Per quanto stimi il professore ed altrettanto mi infastidisca ataman, fatico a credere in toto a questa dichiarazione.

  2. Se serve per vincere l’Euroleague, mandiamo al mare Messina, lui sarebbe d’accordo credo.

    1. Messina lo mandiamo all’idroscalo col tram numero 15 così l’autista lo riporta indietro in orario per l’allenamento.

  3. Mi sa un po’ di bufala, magari sarà successo una volta o due o aveva motivi particolari. Comunque per 2 EuroLeague si può fare tranquillamente. Permettete che l’accompagni io?

  4. In effetti, Ataman è molto carismatico e fa il simpaticone davanti allo schermo. E poi ha un budget stratosferico superiore agli altri che gli permette di pagare e scegliere: Larkin, Micic e quest’anno ha aggiunto Clyburn. Giocatori forti e ben pagati a cui non sarà essenziale avere un coach

  5. Dichiarazione che lascia il tempo che trova come quasi tutte quelle degli ex atleti.
    Ritengo dote prioritaria dei grandi tecnici avere un ottimo staff che li sgrava dai compiti secondari permettendogli di concentrarsi sulle cose più importanti al pari dei professori universitari,dei primari ospedalieri…
    Ogni dirigente in ambito privato può organizzare il proprio lavoro con le metodologie che ritiene più appropriate perché alla fine sono unicamente i risultati che decidono la sua carriera professionale.
    In questo momento Ergin e’ senza dubbio il numero 1 in Europa ed ha la capacità dei grandi di vincere con i campioni,cosa mai del tutto scontata.

    1. D’accordissimo con te su tuta la linea.
      Ergin Ataman, in questo momento, è il number one come coach europeo, e non potrebbe essere diversamente dopo aver vinto due EL di seguito e forse, sottolineo forse, senza il covid ne avrebbe vinte 3 di fila.
      Che poi stia sulle balle o no, al tifoso della sua squadra poco importa, perché al tifoso interessa vincere, e Ataman attualmente è un vincente.
      Una delle sue qualità è che riesce a gestire un gruppo con più prime donne, senza alcun timore, visto che per la prossima stagione ha inserito una terza stella, Clyburn, e sono sicuro che se dipendesse da lui farebbe un quintetto di star. E non è da tutti.

  6. Qualsiasi cosa Ataman stia facendo, incluso non andare agli allenamenti, sta funzionando, visti i risultati.

Comments are closed.

Next Post

<strong>Pesante ko in Francia per l’Italia: non basta un buon Melli</strong>

Gli azzurri cadono nettamente in terra transalpina nel secondo test verso Eurobasket 2022

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: