Diritti tv Serie A: tre offerte alla LBA per le prossime tre stagioni, non c’è la Rai

Sabato si terrà un’assemblea di Legabasket che potrà essere decisiva per capire dove si vedrà il campionato dall’anno prossimo

Oggi sono state aperte le buste legate ai diritti tv per i prossimi tre campionati di Serie A, dopo la scadenza del precedente accordo con RAI ed Eurosport. Sono arrivate tre offerte alla LBA (Eurosport, Eleven Sports e Media Pro), che dovrà decidere nei prossimi giorni come eventualmente accettarle. Ricordiamo che sabato prossimo (9 luglio) si terrà un’assemblea di Legabasket e questo tema sarà centrale.

Come dicevamo, Discovery (Eurosport) è stata titolare dei diritti degli ultimi tre anni, Eleven Sports trasmette da quest’anno Eurolega, Eurocup e le qualificazioni Fiba delle nazionali, mentre Media Pro è legata a BeIn Sports, che tentò di acquisire i diritti del calcio di Serie A qualche anno fa. Non ha fatto, invece, alcuna offerta la Rai che, dunque, non trasmetterà più il basket di Serie A, dopo molti anni.

Diritti tv Serie A | Il comunicato di LBA

Lega Basket Serie A comunica che in data odierna alle ore 12 è scaduto il termine per presentare offerte per i Pacchetti Pay e Free dei Diritti Audiovisivi domestici per le Stagioni Sportive 2022/2023, 2023/2024 e 2024/2025. 

Alla presenza di un notaio, sempre in data odierna, si è proceduto alla apertura delle buste ricevute, sia per i diritti Pay che per i diritti Free, da parte degli operatori Eurosport Sas e Eleven Sports Network Ldt e dall’intermediario indipendente Euroscena del gruppo Media Pro.

La LBA valuterà nei prossimi giorni se esistono i requisiti formali e sostanziali per la eventuale assegnazione.

10 thoughts on “Diritti tv Serie A: tre offerte alla LBA per le prossime tre stagioni, non c’è la Rai

  1. Spiace per i professionisti RAI, che ho avuto modo di seguire quasi solo durante le finali ma che ovviamente conoscevo da tempo e che si sono per me confermati eccellenti.

  2. La Rai.
    Per la (ridicola) copertura data non sarà una grossa perdita.

  3. La Rai per policy aziendale oramai non partecipa ad aste di nessuno sport di squadra per i diritti che obbligano alla copertura totale di tutte le partite del campionato e anche per lo scorso ha acquistato i secondi diritti a trasmettere un incontro per turno a fine settembre, probabilmente farà lo stesso quest’anno se verrà riproposta la stessa offerta dalla Lega in un secondo tempo. La Rai punta solo alle grandi manifestazioni dove si consorziano con le altre reti pubbliche europee del circuito dell’Eurovisione oppure sugli sport minori o di nicchia che magari pagano per farsi passare in televisione. Detto questo i giornalisti Rai di tutti gli sport sono in generale i più preparati nel settore.

    1. Nel calcio direi proprio di no, sinceramente. Hanno sicuramente ottimi opinionisti e commentatori ex-calciatori come i giornalisti proprio così così. Nel basket invece devo dire che sono molto preparati ma soprattutto bravi a condurre le dirette e commentare.

      1. In sport come Atletica, Ciclismo, Nuoto e Volley sono similmente bravi a condurre anche a lungo le dirette e soprattutto ben organizzati anche a coprire i tempi “vuoti”. Effettivamente sul Calcio hai ragione, risultano probailmente quelli più sotto tono.

  4. La RAI, come era pronosticabile, non ha fatto offerte per il basket in TV, e secondo me non ha tutti i torti.
    I dati di ascolto sono sconfortanti e anche quando guardo le partite Olimpia su Seven leggo di 1200/1500 utenti collegati. Metti che ce ne sia 10 volte tanti su Sky, di che numeri parliamo per una squadra che fa la massima coppa europea?
    E la nazionale messa sulla TV a pagamento, è colpa della RAI ?

    Avevano chiesto almeno di deragare al principio della rotazione: se c’è Brescia-Milano trasmettiamo quello e non Vanoli-Fortitudo. La Lega ha rifiutato.

    Pagano dazio per anni di politiche federali e di lega farlocche e semi-mafiose.

    La pallavolo raccoglie ascolti ? Sì.
    Perchè? Solo per Zaitzev che è un bel figo o perchè la Chirichella è tanto carina e simpatica? No.
    Magari aiuta una nazionale che vince o se non vince almeno è sempre nelle prime 8 squadre al mondo e passa sulla TV in chiaro?
    Dietro ci sono almeno 20 anni di lavoro (partito da Velasco, pensa un po’ quanti anni fa) che alla lunga hanno dato i loro frutti dal mini-volley al passaggio in TV.

    Noi a cosa assistiamo da decenni? Si rivoltano completamente le formule di campionato, di formazione, ma la pietanza scondita è sempre quella.
    Qualcuno si è accorto che la NBA erodeva interesse e magari bisognava fare qualcosa 15/20 anni fa ? No.

    Si raccoglie quel che si semina.

  5. Facessero un po come credono, me basta vedè o potè vedè tutte le gare de AX Armani Olimpia Milano in High Definition, commentate, non commentate, in italiano o in inglese, facessero un pò come cazzo gli pare…….purchè arrivi Pangos

  6. Calcio a parte gli ascolti dipendono molto dal successo delle nazionali e qui purtroppo il basket e’ indietro rispetto al volley. Se poi sparisce del tutto dalla programmazione in chiaro, resteremo solo 4 gatti a guardarlo e praticarlo.

Comments are closed.

Next Post

Mercato? L'Olimpia Milano ha già la star più completa d'Europa: Shavon Shields

E’ stato lo scudetto dell’Olimpia Milano, di Ettore Messina, di tanti protagonisti. Di Shavon Shields. L’ala si è presa il titolo di mvp

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: