La Visione del Guazz | Olimpia di lotta ma non di governo

guazzoni 11

L’antico adagio dice che non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta. E mi trova tendenzialmente d’accordo. Sicuramente Milano in gara3 ha lottato per bene

L’antico adagio dice che non c’è sconfitta nel cuore di chi lotta. E mi trova tendenzialmente d’accordo. Sicuramente Milano in gara3 ha lottato per bene. Con coraggio. Con passione. Ha strappato rimbalzi, ha conteso possessi. Le è mancato il Governo. Ovvero quando avrebbe potuto prendere davvero in mano la gara, dopo una rincorsa lunga e dispendiosa, le è mancato fare 31. Sarebbe forse bastato il 30: mettere due possessi di vantaggio a partire da quel 63-61 a 5’09 dalla sirena per mettere sotto pressione l’Efes, a casa loro, far pesare la loro palla cento chili e non tirare invece con un po’ più di leggerezza. Quella con cui Larkin ha segnato da una galassia lontana lontana. E invece Milano si è fermata a 29. Per carità, un bel voto. Ma non sufficiente per incamerare una W che avrebbe avuto dell’epico.

Inutile fare la conta degli infortunati o degli acciaccati. Milano ha giocato come doveva. Non ha avuto l’intensità di altre gare, non ha avuto la difesa di altre gare. Ma non mi pare difficile fare un’analisi chiara: meno energie e interpreti diversi. Concedere l’aggressività di Delaney in pressione e i piedi di Melli in difesa per tutti i 40′ non è facile per un adattamento fast. Ci sono anche delle buone notizie eh: Bentil vivo a rimbalzo, Tarczewski puntuale anche in attacco, Grant preciso al tiro. Ma la serie è andata, più sotto i colpi di Pleiss che della coppia Larkin – Micic, da cui ti aspetti quel tipo di rendimento. Lo era prima, lo è ancora di più ora. Perché Milano, temo, abbia dato tutto in gara3 e in gara4 potrà solo sperare in un harakiri turco. Shit happens, miracles happen.

11 thoughts on “La Visione del Guazz | Olimpia di lotta ma non di governo

  1. In gara 4 Messina si deve inventare qualcosa lui è il coach e lui si deve inventare qualcosa. Noi abbiamo speso tanto è il rischio di non averne più concreto. Ma anche Efes non mi sembra brillante. Daniels è stato in panchina tutta gara 3. Ora si deve meritare lo stipendio visto che è bello riposato. Vediamo se Datome qualche minuto di qualità riesce a darlo. Se poi vale la regola dell’ alternanza di prestazioni Shields e Rodriguez devono buttarla dentro quests volta e soprattutto concentrazione per limitare le palle perse (15 in gara 3) da idioti (il passi di Ricci per paura di tirare, intenzionale di Delaney, passaggi troppo azzardati in mezzo ad aree affollate). Non mollare ora!

  2. L’80% concesso all’Efes da 2 punti la dice chiarissima sul quanto abbia inciso l’assenza della coppia Melli Mitoglou. Affrontare un PO di EL con la coppia di ali grandi Bentil Ricci è compito arduo e l’Efes ha sfruttato l’opportunità dimenticando Beaubois in panca e dirottando su Shields il fisicato Anderson o il tignoso Bryant. Eppure ce la siamo giocata fino a 5 minuti dalla fine, 5 minuti nei quali la fatica accumulata nei due recuperi da 12 punti ha tolto ossigeno prezioso alla necessaria lucidità. E’ andata così, c’è rammarico ma non si poteva fare di più. L’Efes ha dilagato solo negli ultimi 3 minuti, prima se l’è vista brutta brutta. Obbligatorio riprovarci giovedì sera, noi ci crediamo e così credo pure i ragazzi. Forza Olimpia

  3. L’ottimismo della volontà e il pessimismo della ragione.

    La volontà credo l’abbiamo spesa tutta in gara 2 e 3 ora è ragionevole pensare che la squadra darà tutto anche in gara 4 ma che le assenze sono veramente pesanti e la coperta è veramente corta e un po logora. Propendo per il pessimismo della ragione e mi basta vedere ancora la dignità e la forza di un gruppo che vince la battaglia ai rimbalzi senza Melli , Mitoglou e Datome ( questo ci ha tenuto in partita).

  4. Abbiamo retto fino alla fine … e di più era difficile fare. Putroppo tanti tiri aperti già nei primi 2 quarti sono usciti …
    A questo punto gli infortuni pesano (alcuni) …
    Loro hanno giocato con Larkin e Micic più Plaiss che dubito rifarà giovedi le stesse cose.
    Hall indiscutibilmente migliore acquisto della stagione, ricordiamo che i nomi pesanti erano altri e non il suo.
    Bentil trovato per strada spero resti anche la prossima stagione … perchè ci mette tanta voglia … anche in difesa ed è uno che fa gruppo sempre.

    Se entra qualche tiro a Shields ed a Rodriguez … giovedì possiamo giocarcela ancora. Spero anche in qualcosa in più da Hines … ma dipende da Rodriguez.
    Proviamoci … sappiamo che a volte le partite girano in un attimo e l’importante è arrivare ancora vivi a poco dalla fine.
    Dubito ripeteranno l’80% da 2 … con 20 su 25!

  5. Prova orgogliosa dei nostri, però non capisco perché Messina continui ad accettare i cambi difensivi sui pick&roll, capisco che Hines è un mastino anche contro i play avversari, però farlo accoppiare sistematicamente con Larkin alla lunga lo ha caricato di falli, e se non disponi di Melli ti tocca giocare il finale di partita con kaleb, che per carità il suo l’ha fatto, però non può stare in campo nella fase cruciale (ed i 17 di pleiss non sono casuali)

  6. Una domanda sola…ma era il caso di tenere in panca per tutta la partita Daniels vista la serata stortissima di Shields?se la stronzata del fallo intenzionale l avesse fatta uno dei suoi pretoriani sarebbe finita allo stesso modo?

    1. Spero sia una provocazione, perché francamente i due giocatori non sono minimamente comparabili: shields giocatore all around in entrambe le metà campo, vero che ieri ha litigato con il ferro, però difende, ruba palloni e cattura rimbalzi, Daniels ahimè giocatore esclusivamente perimetrale che tira sugli scarichi (anche bene per carità), ma non difende e non è in grado di costruire nulla in attacco

    2. Sono due giocatori che danno apporti completamente diversi, è come chiedere perché Ricci invece di Hines, a prescindere dai ruoli che coprono… Uno è un tiratore puro che non può mettere palla a terra, l’altro è un giocatore che fa 10 cose in ogni azione.

  7. Cambia il nickname ma la solfa è la stessa…
    Shields ieri ha giocato una partita fondamentale sui rimbalzi, per sopperire alle altre assenze. Daniels non sa farlo.

    Daniels può’ e deve dare di più? Certo che sì, ma solo in certi momenti della partita sennò prendiamo 10 punti in 2 minuti e non ci riprendiamo piu’. Il suo momento ieri lo ha avuto e lo ha cannato…

  8. Daniels una vera delusione, ma come fa ad entrare in campo cosi deconcentrato? Inammissibile! Stessa cosa ha pensato Messina che lo ha appeso al pino

  9. Datome probabilmente non sta in piedi fisicamente, serve giusto a far numero. Daniels a questi livelli in Eurolega non ci sta, perché è stata una scelta sbagliata, quindi non può giocare.

Comments are closed.

Next Post

La stagione NBA di Danilo Gallinari finisce qui. Il futuro? Lui: «Vedremo cosa succederà»

SI è chiusa nella notte la corsa playoff degli Atlanta Hawks, e forse l’avventura in Georgia di Danilo Gallinari
Danilo Gallinari Futuro

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: