Vuelle Pesaro, ecco il sesto disponibile contro Milano

La Vuelle Pesaro ha recuperato un primo negativizzato e ora ha il minimo di sei giocatori per scendere in campo con l’Olimpia Milano

La Vuelle Pesaro ha recuperato un primo negativizzato e ora ha il minimo di sei giocatori per scendere in campo domenica alle ore 12 con l’Olimpia Milano.

Ora si attendono novità dai prossimi tamponi riferisce il Carlino.

6 thoughts on “Vuelle Pesaro, ecco il sesto disponibile contro Milano

  1. Un motivo in più per dar tanti tanti minuti a Biligha,Alviti e Tarczewski e, se disponibile,Baldasso

  2. In effetti, non sarebbe male vedere in campo questi, dando pichi minuti ai big, Melli in testa. Vedremo.

  3. Io penso che far giocare le seconde linee in LBA sia un modo per PRESERVARE i titolari in un particolare momento dove avremo moltissime partite da disputare tra calendario e recuperi e siamo alle prese con infortuni di due giocatori chiave quali Mitiglou e Shields. Far giocare le seconde linee non significa assolutamente scendere in campo per perdere come i soliti noti vogliono far credere ma piuttosto un modo per responsabilizzare anche chi gioca di meno e allo stesso tempo serve per preservare e ridurre al minimo eventuali infortuni dei titolari. Poi ovvio si può vincere o perdere ma questo può accadere anche con i titolari. In fondo in LBA a parte la Virtus Bologna non ci sono squadre del nostro livello.

  4. Non stiamo giocando al fantabasket con le figurine panini. Un quintetto è fatto di equilibri e dipende anche chi hai di fronte.
    E poi i minuti non sono tutti uguali, la fatica è anche legata al ritmo ed all’intensita ed ai diversi ruoli.
    Comunque d’accordo nel preservare gli uomini di punta, ma mi sembra che quest’anno complice il passo avanti di molti, questo stia avvenendo.

    Ora aspettiamo Alviti, Trell e Daniels

    1. Infatti dipende da chi hai di fronte e non mi pare che in LBA ci siano squadre del calibro del Barcellona, Real Madrid, CSKA Mosca o Efes….

  5. Io penso invece che l’unico modo per vincere e non avere seconde linee ma una sola squadra dove ognuno porta il suo contributo in modo proporzionato al momento e alla capacità richieste dal momento.

    Non a caso nell’ Olimpia sono sempre tutti presenti, convocati e no.
    Sono finiti i tempi che si andava in trasferta ad Avellino e i big riposavano a casa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Malcolm Delaney: un giocatore chiave nel sistema Olimpia Milano

Malcolm Delaney rappresenta un giocatore chiave nello scacchiere di coach Ettore Messina: difesa, pericolosità offensiva e tanto altro
Malcolm Delaney

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: