Olimpia, che calendario di fuoco! E quando si recupera l’Eurolega?

I biancorossi dovranno giocare tra 14 e 16 partite in poco più di un mese, con due recuperi ancora da fissare

La grande vittoria di Barcellona ancora negli occhi, che purtroppo non potrà essere replicata stasera, visto l‘ennesimo rinvio dell’ultimo mese in Eurolega. La gara contro l’Unics è la quarta rinviata per la squadra di Ettore Messina, a cui vanno sommati i due rinvii anche in campionato, seppur con il recupero già andato in scena con la Virtus e quello con Pesaro previsto domenica prossima. Andando così alla pari nelle partite, almeno in LBA.

Olimpia Milano calendario | Un mese di fuoco

Ovviamente le partite saranno da recuperare e, dunque, l’Olimpia Milano sarà attesa da un mese infernale, salvo ovviamente ulteriori rinvii. A partire dalla gara di domenica alla Vitrifrigo Arena e fino alle Final Eight di Coppa Italia, sempre in programma a Pesaro a metà febbraio, la squadra di Ettore Messina giocherà sempre ogni 2 o 3 giorni, per un totale tra 14 e 16 partite.

La prossima settimana ci saranno il recupero con l’Alba (18), la trasferta sul campo del Cska (21) e quella a Treviso (23), quella successiva il probabile inserimento del recupero di una delle gare con Zenit o Unics, la partita interna con lo Zalgiris (28) e con la Fortitudo (30). Il mese di febbraio inizierà con il doppio turno europeo con Stella Rossa (a Belgrado l’1) e Fenerbahce (3) e la trasferta di Trento (6) in campionato, poi la settimana successiva ci saranno il recupero di Kaunas (8), la gara col Baskonia (10) e quella interna con Pesaro (13). Per arrivare alle Final Eight dal 16 al 20 febbraio, da 1 a 3 partite in 5 giorni.

Olimpia Milano calendario | Quando i recuperi

Già fissate le date per le gare contro Zalgiris (8 febbraio) e Alba (18 gennaio), restano fuori le due partite contro Zenit ed Unics, entrambe al Mediolanum Forum. Vista la necessità di smaltire i recuperi il prima possibile, appare credibile una data possa essere quella del 25 o 26 gennaio, nell’unica settimana al momento con una sola gara europea.

Per l’altra, invece, sarà necessario andare quasi certamente a marzo: ci sarebbe l’ultima settimana di febbraio, ma si tratterebbe di giocare un doppio turno subito dopo le Final Eight di Coppa Italia. Più credibile si vada nella prima parte di marzo, dove l’unico doppio turno è fissato per il 22 ed il 24. Un tour de force comunque incredibile.

19 thoughts on “Olimpia, che calendario di fuoco! E quando si recupera l’Eurolega?

  1. Ebbene sì, si tratta di un tour de force incredibile ma ritengo che i club fossero consapevoli, ad inzio stagione, che ci potesse essere rischio di un ingolfamento simile. E’ da parecchio che sosteniamo che il numero di partite stagionali è eccessivo, anche perchè a differenza della NBA dove la rs è giocata a ritmi blandi qui, in Eurolega, ogni partita viene affrontata al massimo con grande dispendio di energio psico-fisiche. Prevedo invece che durante il tour di force che attende Milano, l’Olimpia possa decidere di “dare su” qualche partita, magari qualche trasferta, perchè è oggettivamente impossibile essere costantemente al top.
    Sarà fondamentale, per un’ottimale gestione delle forze, l’utilizzo costante dei vari Grant, Kell, Baldasso, Alviti, Biligha, Tarc in LBA.

    1. L’Olimpia potrebbe pensare ad un impegno blando in LBA, utilizzando molto Trey Kell e Baldasso e meno Chacho e Delaney, che stanno gestendo piccole problematiche fisiche. Anche se si perde qualche partita di campionato, non è la fine del mondo.

      Ps: si lo so che Messina non molla mai e vuole vincere sempre, piace anche a me, però se in un mese devi giocare 16 partite, le energie vanno centellinate la dove si può, e mentre in Eurolega ogni partita è una lotta e arrivare ai playoff non è scontato, in LBA non è un dramma arrivare secondi o terzi in regular season.

      1. Sì, se fosse per me in questo periodo di tour de force in LBA andrei sempre con Grant-Baldasso-Kell-Daniels a spartirsi i minuti da play e guardia, più Hall, con Chacho e Delaney utilizzati esclusivamente in Eurolega. E sono abbastanza sicuro che alla fine anche il coach si comporterà così, considerato anche che le avversarie saranno Pesaro, Fortitudo, Trento, Treviso…

      2. Perdere qualche partita in campionato significa giocare 4 finali LBA su 7 a Bologna. Perdere più che qualche partita significa giocare anche le semi iniziando con le trasferte. Quindi, per me, no, non si può perdere qualche partita in campionato se significa perdere un vantaggio importante in finale LBA. Il turnover sarà quasi obbligato sicuramente ma la difficoltà vera sta nel fatto che Messina deve riuscire a gestire questo periodo senza compromettere parzialmente il percorso playoff in Italia. Certo, se poi Bologna fa 1v e 3p nelle prossime 4 gare l’Olimpia può anche gestirsi diversamente…

      3. Il fattore campo non è sempre decisivo se hai una squadra forte come la nostra. Quante volte siamo arrivati primi nella Regular Seaaon per poi non vincere lo scudetto come è successo l’anno scorso?

      4. Devi anche tener presente che in ogni caso non incroci squadre come il Real o il Barcellona o l’Efes o altre di questo livello perché a parte la Virtus Bologna tutte le altre non sono inferiori ma di più. .

      5. Per perdere contro Pesaro e Fortitudo bisogna impegnarsi… pure Trento e Treviso non sono “corazzate” ed entrambe sono battibilissime pur schierando le c.d. seconde linee.

      6. Non sto discutendo se è facile vincere quelle partite o meno, sto rispondendo specificamente a “Anche se si perde qualche partita di campionato, non è la fine del mondo”. Si può perdere, in un momento con tantissime partite in EL, se anche Bologna perde. Altrimenti ovviamente perdere ci sta e non è automatico che si perda una finale giocata 4/7 in trasferta, però sarebbe un altro ostacolo da superare in una stagione in cui stai cercando di arrivare alle finali LBA con alle spalle playoff di EL di sicuro, magari (sogno) pure le F4. È un equilibrio delicato.

    2. Cap quello che scrivi è assolutamente ragionevole e auspicabile in questo contesto, tanti minuti per chi ha giocato poco finora, a cominciare da domenica contro Pesaro che ora come ora ha solo 6 giocatori disponibili a referto…

  2. E’ un circolo vizioso senza fine, un calendario affollato diventa superaffollato, il rischio infortuni, anzi, la certezza di incorrere in altri infortuni aumenta esponenzialmente, ma ormai queste sono le danze e bisogna ballare, certo non saranno frequenti spettacoli come Barca-Olimpia

  3. Il mio auspicio è che a Niccolò Melli, venga data la possibilità, di staccare un’ attimo la spina ( almeno in lba ). È l’ unico, ad aver giocato, tutte le partite fino ad oggi disputate.

  4. Bisognerà vedere quante altre partite di eurolega verranno purtroppo rinviate nelle prossime settimane considerato che il picco deve ancora arrivare e tutta l’Europa è rosso scuro. L’ultimo turno di stagione regolare sarà il 7/8 aprile poi come lo scorso anno il play-off dei quarti sarà tra fine aprile e inizio maggio e le final four a fine maggio, quindi teroricamente ci sarebbe il tempo in aprile per qualche recupero magari facendo le final eight (evitando i quarti dei play-off) e considerando che l’ultima giornata RS di LBA sarà l’8 maggio.

  5. Dopo una partita stupenda come quella disputata dall’Olimpia a Barcellona, considero pura pura perversione ragionare sul preservare i giocatori.
    Nessuno di loro entrerà mai in campo con il pensiero di ripararsi bisogna aver rispetto per gli avversari e se puoi batterli di 20 lo fai non tiri il freno a mano .
    Ci sono Ratti recuperi? Ok abbiamo un roster per affrontarli è proprio questa mentalità inopportuna che ci ha portato a tirare i remi in barca il play off dello scorso anno contro Bologna.
    Come ha detto Delaney non accadrà più e succederà ma non dobbiamo perdere nessuna partita e se succederà ce ne faremo una ragione Rispetto!!

    1. E’ fisiologicamente impossibile che un giocatore riesca ad essere al 100% ogni 3 giorni per tante settimane di seguito, è obbligatoria una gestione razionale delle forze, nessuna perversione. Altrimenti è inutile avere roster di 18 giocatori se poi devono sempre giocare i soliti indipendentemente dalla competizione, dall’avversaria, dal momento di forma etc.
      Ci aspettano tot settimane consecutive con doppio turno in Eurolega, nel weekend di conseguenza verranno eccome fatte scelte in ottica di far rifiatare chi in settimana è stato spremuto maggiormente e chi necessità di un turno di riposo; sarebbe inconcepibile il contrario.
      E ciò non significa assolutamente snobabre gli avversari, anzi, se faccio giocare chi sta meglio è proprio perchè ci tengo a far bene ad ogni partita.

      1. Non hai capito o forse non mi sono spiegato. Perversione è, come suggerisce il solito noto, entrare in campo con l’idea di perdere tanto non conta, non ruotare i giocatori che è cosa buona e giusta.

  6. Personalmente quoto le F8 al posto dei PO, si risparmiano due settimane di partite (e viaggi, fonte di rischio contagio) limitando la “irregolarità” della stagione. E sinceramente e’ anche una formula che mi piace.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Malcolm Delaney: Volevo prendermi una rivincita, quel tiro fallito contro il Real era il mio tiro

Malcolm Delaney protagonista su La Gazzetta dello Sport dopo l’ottima prestazione contro il Barcellona
Malcolm Delaney Rientro

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: