Andrea Cinciarini verso l’addio all’Olimpia: c’è il ritorno a Reggio Emilia

Il capitano biancorosso è molto vicino alla firma di un biennale con la Reggiana, come anticipato dalla Gazzetta

Andrea Cinciarini è sul punto di lasciare l’Olimpia Milano. Il capitano biancorosso sembrava destinato a restare all’ombra della Madonnina, nonostante un’annata con pochissimi minuti a sua disposizione, invece è pronto a tornare a Reggio Emilia. Questo è quanto anticipato dalla Gazzetta dello Sport, secondo cui, “la trattativa è in fase avanzata e già in giornata potrebbe esserci l’annuncio ufficiale“. Per un accordo biennale.

Una conferma ricevuta anche da ROM, con una trattativa ormai giunta alle battute finale.

Come dicevamo, si tratterebbe di un ritorno alla Reggiana per il playmaker, nel club dove è stato lanciato nel grande basket ed ha vissuto la sua prima finale scudetto della carriera, persa in maniera beffarda in gara 7 contro Sassari. A Milano ha ottenuto tutti i suoi successi: 2 scudetti, 3 Coppe Italia e 3 Supercoppe italiane, più la partecipazione all’ultima Final Four di Eurolega.

19 thoughts on “Andrea Cinciarini verso l’addio all’Olimpia: c’è il ritorno a Reggio Emilia

  1. Mi spiacerebbe innanzitutto per la grande persona che è, oltre alla voglia di lottare che ha sempre messo in campo; chiaramente il coach non lo vede e allora meglio far spazio a chi può dare minuti importanti, ma credo serva più un play che Tonut.

  2. Spiace per il Cincia, sempre ragazzo serio e dedito alla causa. Arrivera’ Tonut a questo punto, penso.

  3. Spero di no, bravo ragazzo Tonut e buon attaccante ma IMO nullo in difesa. Serve un play? Forse ma io userei la pecunia per un altro lungo lungo. Gli italiani comunque sono già in sei

  4. Contento per Cincia, merita di terminare la carriera giocando

    Ripeto,Tonut sta bene dove sta piuttosto Vitali

      1. Io credo che si riferisse a Luca Vitali e non a Michele Vitali che si è accasato a Venezia…

  5. Un saluto al capitano, uomo che non ha mai lesinato impegno grinta e attaccamento ai colori. Purtroppo i limiti palesati negli ultimi due anni lo hanno relegato ai margini della squadra.
    Ora spero in Tonut, che ritengo tra i pochi italiani con possibilità di giocare a livelli alti anche in EL

    1. E difficile palesare limiti non giocando quasi mai in due anni…

      1. immagino che in allenamento con la squadra abbia palesato insufficienze tali da non meritarsi il campo.

      2. A parte che per me l’allenamento e la partita sono due aspetti diversi io non credo proprio che Cinciarini avrebbe sfigurato in alcune partite della stagione regolare con l’esito scontato..

  6. Io prenderei Tonut perché è uno che la mette dentro abbastanza facilmente anche se non eccelle in difesa ma abbiamo altri giocatori che possono sopperire alle sue mancanze perché in una squadra equilibrata ci vogliono si giocatori che sappiano difendere ma anche quelli capaci di segnare e Tonut è uno fra questi. Però l’arrivo di Tonut non coprirebbe la possibile partenza del Cincia che per noi vorrebbe dire rimanere con 2 play di ruolo perché Moraschini è tutto tranne che un play. Questo significa che dovremmo tornare sul mercato per cercare un nuovo play possibilmente italiano perché è impensabile affrontare una stagione da 90 partite possibili con solo Delaney e Rodriguez oltretutto quest’ultimo con un anno in più e con le fatiche delle olimpiadi. Anche se effettivamente è già successo in questa stagione visto e considerato che il Cincia è stato utilizzato con il contagocce..

  7. Esatto,Vitali Luca .
    Play, anche fisicamente piazzato
    In Italia ha ampiamente dimostrato che 20 minuti li fa e in EL non sfigurerebbe

    Ps:Cinciarini non poteva giocare in Italia ?? Andatevi a rivedere le statistiche della partita di Pesaro, l’unica dove ha davvero giocato !!!!!

  8. Se Cinciarini dovesse partire per andare a giocare da un’altra parte sarei contentissimo per lui perché merita di finire la propria carriera in modo dignitoso cosa che purtroppo per lui da noi non può avvenire

      1. Perché da noi finirebbe la sua carriera senza giocare come ha fatto negli ultimi due anni.

Comments are closed.

Next Post

Luca Chiabotti: La storia dell'Olimpia Milano nata tre volte

Luca Chiabotti ci regala sull’edizione milanese odierna di Repubblica un meraviglioso articolo dal titolo: «L’Olimpia che è nata tre volte»

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: