Jerian Grant-Olimpia Milano, è fatta. Silenzio sul fronte Kevin Punter

Jerian Grant firmerà con Olimpia Milano nelle prossime ore. La notizia, rilanciata da Eurohoops, è stata confermata a Sportando e ROM

Jerian Grant firmerà con Olimpia Milano nelle prossime ore. La notizia, rilanciata da Eurohoops, è stata confermata a Sportando e ROM: accordo biennale, non si torna più indietro.

Jerian Grant-Olimpia Milano, è fatta

Jerian Grant giocherà dunque con Olimpia Milano. Per lui un contratto biennale, e dopo le esperienze Nba, e un’Europa conosciuta solo nel dicembre 2020, ecco la prima esperienza in EuroLeague.

Per Ettore Messina un play di taglia fisica, capacità difensive, insomma una garanzia fisica per “proteggere” Malcolm Delaney e Sergio Rodriguez.

Nessuna novità sul fronte Kevin Punter

La trattativa tra Jerian Grant e Olimpia Milano va verso la chiusura dunque. Le parti hanno trovato l’accordo economico, e stanno lavorando agli ultimi dettagli del contratto, che sarà biennale.

Sul fronte Kevin Punter non si registrano novità. L’agenzia del giocatore resta in silenzio, anche in merito alle voci che parlano di un interessamento del Cska.

32 thoughts on “Jerian Grant-Olimpia Milano, è fatta. Silenzio sul fronte Kevin Punter

  1. Bene. A me pare una buonissima presa, poi chiaro che spiace per Punter.
    Lui giustamente vuole monetizzare ma credo che inseguire il Fener a livello di offerte sia folle.
    Mettiamo via qualche euro per Melli, complessivamente avremmo un roster migliore.
    Poi so bene che fa molto “volpe e l’uva” ma lo scorso anno Punter ha fatto una stagione assolutamente al di sopra di ogni ragionevole previsione, siamo certi che saaprà ripetersi ?

    1. Ha fatto metà stagione a un livello folle, poi purtroppo è venuto a mancare e il problema è che se non riesce a essere molto incisivo al tiro, il resto del suo gioco non lo aiuta molto. C’è anche un 10% di possibilità, forse ma forse, che l’acquisto serva anche a contrattare meglio, ma non ho in testa il roster quindi non ricordo gli spot liberi.

  2. Anche secondo me una seconda stagione di quel livello non è scontata. Dunque, se non c’è incontro ragionevole tra domanda e offerta, pazienza.
    Non conosco Grant. Da quello che leggo è un play più che una guardia pura. Non sarebbe dunque il sostituto naturale di Punter. Stiamo a vedere.

    1. No a quanto pare i 3 play saranno stranieri e da questo si deduce che in LBA ruoteranno in 2. Anche se io avrei preferito che il terzo play fosse stato italiano….

    1. Spero che tu non.ti riferisca a Cinciarini perché già quest’anno non l”ha fatto giocare figurati se lo farà giocare l’anno prossimo con un anno in più…

      1. eh si, mi riferivo proprio al Cincia…che purtroppo non ha visto il campo o le volte che l’ha visto non è stato utilizzato in quel ruolo…

  3. I 3 play dell’Olimpia devono poter giocare indifferentemente in EL o LBA, punto. Che siano 3 stranieri o che siano 2 straniero e un italiano, la logica è la stessa: il gioco della squadra è uno e i 3 play devono interpretarlo allo stesso modo, non è pensabile che in LBA si giochi un basket diverso in funzione di un play diverso. In quest’ottica, certo, un play italiano ha il vantaggio di non avere limiti di schierabilità, quindi sarebbe ottimo averlo, ma deve essere una valida alternativa agli altri 2. Non allo stesso livello, certo, il Chacho non ha necessariamente eguali nella LBA oggi fra gli italiani, però insomma deve poter giocare 20/25 minuti in EL o LBA indifferentemente. Non sono sicuro che in Italia, in LBA, oggi quel play italiano ci sia. Se abbassiamo il tetto a 15 minuti allora magari sì.

    1. È inutile che fai lo sbruffone mettendo il punto perché le tue considerazioni non valgono ne più ne meno delle nostre perché non sei e non.sei stato me un giocatore ne un allenatore ne uno un dirigente ma sei un semplice tifoso come tutti quanti noi. Il regolamento in LBA dice che bisogna avere 6 italiani e non è che puoi averli tutti in un unico ruolo senza contare che è già difficile trovarne 6 che possano giocare sia in Europa sia in Italia. Quindi è rispettabilissima l’idea di avere un play italiano come sosteniamo io ed altri al pari della tua ma io non metto il punto. Scendi dal piedistallo che non sei nessuno, anzi cambiati il nickname da “mistertate” a “mistersotuttoio” ahahaaha

      1. Sei un vero gentleman, innanzi tutto non sai nulla dei trascorsi di mr.Tate , mentre di te si capisce da cosa scrivi che non hai alcuna esperienza. Personalmente ho giocato, come altri, allenato e fatto pure il dirigente eppure la comprensione che ho di questo sport è infinitesimale rispetto a chi di questo sport ne ha fatto la propria professione. Ma tu non ti preoccupi minimamente di esprimere giudizi negativo su di loro fondati sul niente. Poi racconto che tu non insulti hai solo delle opinioni ma va…..

      2. Sei tu per caso mistertate? Alla tua veneranda età ancora non hai capito che su un sito online chiunque può essere chiunque? Tu hai giocato allenato e fatto il dirigente e poi spari la cazzata di Pittis ala forte? Questa è solo una delle tue tantissime castronerie che non ti sto ad elencare. Se questo sarebbe conoscere il mondo del basket e avere esperienza anche no grazie!!!!!

      3. Grandissimo presuntuoso chiedi a Riccardo oppure a Tony Cappellari e vedrai che quella di Pittis in quattro fu una genialata, già ma tu non c’eri e ciò che è accaduto prima di te non esiste egocentrico fallito e incapace di ragionare

      4. Ma quella è solo una delle tue tantissime castronerie. Si potrebbe scrivere un libro sulle tue cazzate ahahahaha

      5. Questo messaggio è fuorimodo villano persino per i tuoi standard quindi voglio presumere che sia una brutta giornata per te e hai letto malissimo ciò che ho scritto. Ti dò l’opportunità di cambiare un po’ la versione dei fatti… Ho scritto “Non sono sicuro che in Italia, in LBA, oggi quel play italiano ci sia. Se abbassiamo il tetto a 15 minuti allora magari sì.” il che significa che non solo a me va benissimo avere un play italiano se non deve essere titolare in EL, ma “non sono sicuro che…” significa che la mia opinione è temperata dal fatto che so benissimo che potrei avere torto.

        Io ho giocato a basket ma non ho allenato, e persino che non ho allenato so che è straordinariamente semplicistico pensare che una squadra possa cambiare pelle dal venerdì alla domenica per accomodare un altro tipo di giocatore. Se tu sei convinto che l’Olimpia debba giocare in due modi diversi in EL e LBA per fare spazio a un play italiano che non ha i minuti da EL, dillo e spiegaci come fattivamente imposteresti la stagione con due idee di gioco diverse. Senza soprannomi, senza insulti, senza risate isteriche, semplicemente dicendo la tua opinione.

      6. Il mio riferimento era sul punto che hai messo come se la tua opinione fosse una verità categorica e incontrovertibile senza rispettare le opinioni altrui. Come tuo solito ti sei mostrato arrogante e presuntuoso del tipo “so tutto io” e come ho già scritto ad Orlandoilrosso qui tutti possiamo spacciarci per chiunque e vantarsi di avere avuto esperienze per cui ciò lascia il tempo che trova. Che ci siano italiani che sappiano giocare anche in Europea è relativo perché in Europa non ci sono limiti e possono giocare anche 12 stranieri mentre è obbligatorio averne minimo 6 per il campionato italiano. Senza contare che anche nel caso ci fossero italiani che siano in grado di tenere il campo in Eurolega questi costano e bisogna avere un budget illimitato. Non è tanto difficile, uno dalle tue qualità dovrebbe arrivarci immediatamente..

  4. @Orlando dovresti sapere da passate esperienze che il nostro Gae/Daniele alza la voce quando è coperto dall’amico con i muscoli Julius/Giorgio.
    Improvvisamente gli si gonfia il petto e inizia a sparare sentenze a raffica.

    È stato buono finché si vinceva e perché privo del compare, ora è tornato a fare il gallo.

    Lascia perdere e parliamo di basket.

    La storia dei 3 play è purtroppo giusta anche secondo me e la mancanza di una soluzione italiana in quel ruolo un dato di fatto. A meno di non provare con Hackett, davvero impossibile?

    1. Proprio Hackett è il motivo per cui ho specificato che l’assenza di un play di livello di EL è in LBA, perché fuori dai confini c’è ma la vedo dura. Peraltro Hackett ha 33 anni, comunque un minimo di risparmio energetico va considerato. Felicissimo se si trova una soluzione italiana ovviamente, il punto però è che non è pensabile che l’Olimpia giochi con la squadra B in Italia, o giù di lì, perché proprio a livello di gioco non è fattibile per come la vedo io.

      1. Molti gradini sotto ma con qualche chance vedrei Spissu forse l’unico italiano ma credo abbia un contratto blindato

    2. Caro Tom come sempre ti sei dimostrato superficiale e prevenuto perché Julius è solo da poco che sta scrivendo e anche se fosse Giorgio era da mesi e mesi che non scriveva mentre se tu fossi sincero e obiettivo dovresti riconoscermi che io ho sempre scritto sia quando si vinceva sia quando si perdeva e cmq te lo potrebbe confermare il tuo amico Orlandoilrosso se solo per una volta lasciasse da parte l’astio e il rancore che prova per me.

      1. Confermo hai sempre continuato a scrivere cazzate. Imperterrito ed inossidabile. A volte con più educazione e se hai la spalla ha ragione Tom diventi più spavaldo e molesto ma non afferri il significato tu parli male del basket espresso da professionisti che do basket vivono e ne hanno necessariamente una conoscenza più profonda di quanto potremmo avere noi chi più chi meno meno

      2. Non ti ho chiesto un giudizio su di me ma solo di confermare se io ho sempre scritto e solo su questo ti ringrazio. Per il resto non mi interessa il tuo giudizio personale di me perché lo stesso vale per me su di te

      3. Caro Daniele
        Come sempre ti dimostri incapace di leggere e/o comprendere.
        Elevati, se ci riesci, anche se l’operazione sembra essere pericolosa, ultimamente.

      4. La sincerità e l’obiettivita non sono qualità che ti appartengono perché invece di scrivermi cazzate avresti dovuto ammettere di esserti sbagliato. Ormai sei un caso perso.

  5. Concordo: un play italiano che stia in campo 15 o 20 minuti in lba ci vuole. Mi basterebbe un Ruzzier.
    Ma il mio è solo un suggerimento da tifoso ignorante, eh.

    PS: ragazzi basta beccarvi in continuazione! Tu hai scritto questo, io ho sempre sostenuto quest’altro. Parliamo di basket, da tifosi e, in quanto tali, un po’ incompetenti (rispetto a giornalisti, coach, procuratori, ecc.)

    1. Leggo ora che Ruzzier sta andando alla V. Non un fenomeno ma certamente un’opzione validissima anche per noi. Persa.

      1. Vabbè, adesso ci mangiamo le mani per aver perso, anzi perchè ci hanno fregato tale Ruzzier! La verità è che in Italia siamo messi male nel ruolo a livello di under 30

  6. Vediamola così: questa stagione ci ha detto che dobbiamo avere 4-5 italiani di alto livello LBA e che possano tenere il campo in EL. Al momento abbiamo Moraschini, Alviti (speriamo) e Datome, con qualche problema fisico. Biligha e Cinciarini (se resta) possono fare qualcosa in Italia ma in EL non vengono utilizzati. Restano dunque in parte scoperti gli spot 1 (Moraschini fa anche il play ma rende meglio da 2/3) e 5. Tra i giocatori italiani disponibili e che almeno in LBA possono giocare e fare la differenza chi potrebbe arrivare? Ne restano pochissimi davvero.

    1. Viene dato per sicuro Ricci. Firmerà il contratto, dopo il pre – olimpico di Belgrado.

    2. Secondo il progetto Ricci e Melli. Per Tonut ripassiamo il prossimo anno e il playmaker italiano al momento non c’è

    3. Secondo Giuseppe Sciascia dal Corriere dovrebbero arrivare Melli e Pippo Ricci, per Tonut dovremmo ripassare l’anno prossimo

Comments are closed.

Next Post

Tortona fa la storia: ecco le 16 squadre della Serie A 2021/22

Completato il quadro della massima serie per la prossima stagione: grande delusione per Torino, la prima volta di Tortona

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Carlo Recalcati
Carlo Recalcati: La stanchezza di Milano? Difficile programmare stagioni così lunghe

Carlo Recalcati ha analizzato sul QS la stagione di Olimpia Milano: Necessaria un’armonizzazione dei calendari

Chiudi