Protocollo Barcellona | Delaney vs Calathes, il talento e la testa

Alessandro Maggi 1

Protocollo Barcellona: Una serie di confronti individuali, per riassumere sfide e personalità. Partiamo da Delaney contro Calathes

Chiusa temporaneamente la pagina LBA Playoff, inizia ufficialmente la settimana di Colonia. E’ martedì, oggi la squadra partirà per la Germania, e se da domani seguiremo il tutto con un “Live”, da oggi scatta il nostro “Protocollo Barcellona”.

Una serie di confronti individuali, per riassumere sfide e personalità. Saranno sette in tutto, senza alcuna pretesa tecnica, ma con qualche vena narrativa. Buon viaggio.

Malcolm Delaney vs Nick Calathes

Giugno 2011. Su un divano di Baltimora, quando la tv annuncia che con la numero 60 Sacramento sceglie Isaiah Thomas, Malcolm Delaney comprende che la NBA non sarà il suo futuro immediato. 

Nello stesso momento, in Grecia, Nick Calathes è all’apice della sua carriera, a soli 22 anni. Nel playoff con il Barcellona Xavi Pascual lo ha incoronato: «Diamantidis è stato l’mvp della serie, Calathes il giocatore chiave», in scia sono arrivati i successi su Siena e il Maccabi alle Final Four di Barcellona. E senza dimenticare il titolo greco, Eurobasket lo inserisce nel miglior quintetto difensivo della stagione. 

Poche settimane dopo Delaney firmerà per 110.000 euro con Chalon in Francia, nell’estate successiva Calathes volerà a Krasnodar per due milioni di euro e spiccioli. Uno ha studiato a Virginia Tech, l’altro a Florida, l’NBA la vivranno a tre anni di distanza, Calathes nel 2013 a Memphis, Delaney nel 2016 ad Atlanta.

Un inseguimento, dove Nick è eccellenza, Malcolm gregario. In Europa, per carità. Perché negli Stati Uniti il greco di Casselberry, Florida, è semplicemente poco talentuoso in attacco, il ragazzo di Baltimora troppo piccolo per giocare da guardia. 

Nel vecchio continente il destino ed epilogo comune. A Krasnodar Calathes getta basi di grandezza conquistando un EuroCup nel 2013, Delaney si prende una Final Four nel 2016 da leader assoluto dopo aver regalato al Bayern Monaco un titolo tedesco atteso decenni.

E’ un viaggio, dove Nick è un americano ma a tutti gli effetti europeo, che Dimitris Giannakopoulos sceglie per raccogliere l’eredità di Dimitris Diamantadis. Pare toppo per un uomo di poche parole, non certo social, che il Panathinaikos aveva lasciato per Kuban, traditore parziale a differenza di Vassilis Spanoulis, traditore totale.

La chiamata arriva nel 2015, la risposta è fragorosa, solida. Nessuna Final Four, vero, mentre l’Olympiacos gioca altre due finali, ma quattro titoli nazionali in fila, e uno status di giocatore totale, capace di viaggiare vicino a ritmi da tripla doppia.

Malcolm prova a tornare a casa, nel 2016 firma un biennale da 5 milioni di dollari con gli Hawks, pare trovare spazio, ma l’amarezza arriva nell’estate 2018, con l’esilio in Cina. 

Quindi l’ultima connessione, estate 2020. Malcolm Delaney risolve con il Barcellona per i pessimi rapporti con Svetislav Pesic, Nick Calathes arriva in blaugrana per riconquistare l’EuroLeague, chiamato da Sarunas Jasikevicius. 

Ora, uno di fronte all’altro.

(1/5, scorri in fondo per cambiare pagina e proseguire nella lettura)

One thought on “Protocollo Barcellona | Delaney vs Calathes, il talento e la testa

  1. Nick è un genio in attacco ma la difesa… vero ha umiliato James ma non è detto possa ripetersi con Malcom che secondo me è più imprevedibile e ha più frecce al suo arco

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Tuttosport contro Discovery: Ecco perchè EuroLeague punterà su Sky l'anno prossimo

Il duro attacco di Tuttosport a Discovery arriva nell’articolo odierno dal titolo: «Col Barca solo in streaming»
Brescia vs Olimpia Milano

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano raduno 2019 - Ettore Messina
Olimpia Milano, coach Messina ha raggiunto le 100 gare di Playoff

Nella vittoria di Olimpia Milano contro Venezia in Gara 2 di Semifinale coach Messina ha raggiunto le 100 gare di...

Chiudi