L’Olimpia inizia con il piede giusto: dominio in gara 1 su Trento

I biancorossi vincono nettamente il primo episodio della serie playoff, con tanti protagonisti diversi. Domani gara 2

Buona la prima per l’Olimpia Milano nei playoff. I biancorossi dominano l’episodio iniziale della serie contro la Dolomiti Energia Trento (88-62) e conquistano il primo punto, mostrando la notevole superiorità nei confronti degli avversari. Dopo un inizio favorevole agli ospiti, anche a +5, la squadra di Messina ha preso in mano il controllo del match alla fine del primo quarto ed ha poi aumentato costantemente il vantaggio, con tanti protagonisti diversi nel corso del match. Tra le note più liete, il ritorno di livello di Datome e la prestazione di un Moraschini molto ispirato. 

Olimpia Milano vs Trento | La partita

Tornano Datome e Delaney, fuori Moretti, Roll, Tarczewski e Micov: queste le scelte del coach biancorosso per l’avvio dei playoff, in cui l’inizio è equilibrato, con Trento avanti anche di 5 punti. Un parziale di 8-0 ribalta il confronto, con le triple di Delaney e Punter, poi c’è il break firmato Datome e la squadra di Messina prova l’allungo (29-22 all’11’). Gli ospiti puniscono la zona e restano a contatto, fino a quando non si scaldano anche Shields e Moraschini, questa volta piazzando un allungo molto più deciso e superando la doppia cifra di vantaggio (49-34 al 20’). 

I biancorossi iniziano il secondo tempo con la stessa energia del finale della prima parte di gara, recuperando palloni e non consentendo agli avversari di trovare la via del canestro. Il distacco si dilata e raggiunge i 20 punti (55-35 al 24’), poi anche il Chacho si iscrive alla festa del tiro da tre punti milanese e l’AX è in completo controllo del match. La partita è praticamente già finita, visto che Milano prosegue a comandare senza problemi, trovando anche un’altra prova solida di Biligha. È 1-0, ma nel finale c’è un po’ di preoccupazione per Shields, uscito zoppicante.

Olimpia Milano vs Trento | Il tabellino

AX ARMANI EXCHANGE MILANO-DOLOMITI ENERGIA TRENTO 88-62 (26-20, 49-34, 72-51)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

La serie proseguirà domani (ore 19) sempre al Mediolanum Forum con la seconda partita, mentre domenica (ore 20.45) andrà in scena gara 3, questa volta al PalaTrento.

La programmazione tv

Olimpia Milano vs Trento | Le valutazioni di Ettore Messina

Tornano ad allenarsi in gruppo Gigi Datome e Malcolm Delaney, ma certamente ci vorranno profonde valutazioni prima di scegliere i dodici uomini da mandare in campo.

L’Olimpia prosegue la fase calda della sua stagione, dopo i playoff con il Bayern Monaco, conscia di avere uno Shavon Shields al top della condizione, e un Sergio Rodriguez ben gestito negli impegni precedenti, così come Kyle Hines.

Trento è squadra fisica, in grado di proporre quintetti con quattro uomini su cinque sopra i 196 centimetri, e un’ala centro come Luke Maye, ma molto performante da fuori, al fianco del centro JaCorey Williams.

Delaney e Datome in gruppo

Zach LeDay può certamente trovarsi a suo agio in un simile contesto, Paul Biligha può essere un buon corpo da opporre a Williams, da valutare Kaleb Tarczewski, che ha la possibilità certamente di mettere in gioco centimetri, ma anche di alzare non poco il numero di falli nei primi istanti di gioco.

Credibile che il primo ballottaggio sia tra i due centri americani, il secondo nel ruolo di play, con uno tra Delaney e il Chacho che tornerà in regia al fianco di Andrea Cinciarini, solo 10’ contro Cremona ma di qualità. Sostanziali.

Quindi, con Kuba Wojciechowski che potrebbe restare a guardare con Gigi Datome nei 12, l’ultima rinuncia potrebbe arrivare tra Michael Roll e Vlado Micov, con l’ala serba ben più in difficoltà del biondo da Ucla, utile anche per qualche minuto in regìa.

Ovviamente, difficilmente saranno scelte definitive in questa serie. Quel che è stato per Repesa e Pianigiani, ovvero 12 uomini 12 definiti per i playoff, non varrà per Ettore Messina, visto il back to back e Colonia all’orizzonte. Un’alternanza costante tra Delaney e Rodriguez, e Roll con Micov, potrebbe anche essere la norma.

Le armi di Lele Molin

Molin ha lavorato per anni agli ordini di Ettore Messina, e molto spesso sono gli assistenti a conoscere a memoria i loro “capi”, piuttosto che il contrario.

E questa non è già cosa da poco, aggiungendoci il fatto di essere di fronte a uomo di grande esperienza, anche a livello internazionale. Un lavoratore che cercherà di sfruttare l’occasione dopo anni nell’ombra (per scelta sua, sia chiaro) di figure minori come Maurizio Buscaglia e Nicola Brienza.

Le parole di Ettore Messina

Molin ha saputo lavorare sulle teste dei giocatori, mettendo da parte qualche senatore (su tutti Dada Pascolo, ex mai ripresosi dagli infortuni della seconda stagione milanese), serrando le fila e liberando “l’istinto animale” dei suoi giocatori.

Quattro vittorie in fila, sei nelle ultime sette, per un gruppo primo assoluto nella lega per palle rubate a partita, 8.5, e per perse agli avversario, 15.1. Aggressività e difesa, per correre in transizione e volare in uno contro uno con Gary Browne.

Olimpia Milano vs Trento | I precedenti (fonte legabasket.it)

Per tre volte Olimpia Milano e Aquila Trento si sono incontrate in una serie playoff, tutte nelle ultime 4 edizioni: vittoria di Milano per 3-0 nei Quarti di Finale della stagione 2015/16 che ha portato allo scudetto dell’Olimpia. In 5 gare è arrivato il successo di Trento nella Semifinale del campionato successivo, con la Dolomiti Energia che ha ribaltato il fattore campo e conquistato la finale poi persa contro la Reyer Venezia. 

Nella stagione 2017/18 le due società si ritrovano nella Finale Scudetto con Milano che conquista il Tricolore in 6 gare. 14 le gare giocate in post season tra le due formazioni con Milano avanti per 9 a 5. In questo campionato il bilancio delle sfide è di 1-1 con due vittorie casalinghe. 

Il Dossier Trento

Ettore Messina è alla tredicesima partecipazione ai playoff in Serie A, ha allenato 95 gare di post season vincendone 62. 4 i titoli conquistati in altrettante finali disputate, 3 con la Virtus Bologna e 1 con la Benetton Treviso. Primo playoff da capo allenatore per Molin che è stato assistente di Messina in 5 campionati di Serie A.

La connection (da olimpiamilano.com)

Davide Pascolo lasciò Trento, dove era arrivato nel 2010, durante l’estate del 2016 per approdare a Milano, dove in due anni ha vinto due volte la Supercoppa, una volta la Coppa Italia e lo scudetto del 2018 battendo in finale proprio Trento. Lasciata Milano nel 2018, Pascolo è tornato a Trento. Riccardo Moraschini ha giocato un anno a Trento con 27 presenze in Serie A nella stagione 2016/17. 

Lele Molin, è stato al fianco di Ettore Messina a Bologna, Treviso, Mosca e Madrid. Ma l’ex più significativo è Shavon Shields che ha giocato 59 partite nell’arco di due stagioni a Trento con 769 punti segnati. Con lui, Trento ha giocato due volte la finale scudetto, nel 2018 contro l’Olimpia.

5 thoughts on “L’Olimpia inizia con il piede giusto: dominio in gara 1 su Trento

  1. RAI SPORT, aprire il collegamento nel terzo quarto, quando gioca MILANO, è come collegarsi a partita finita.

  2. Intanto su Eurosport il collegamento con Venezia-Sassari è finito mentre stanno giocando il 4° quarto…

  3. E poi si parla a vanvera del movimento, della federazione, della lega…. Se tv e giornali riservano questo tipo do trattamento, la palla a spicchi non decollerà mai

  4. Trento si è confermata essere avversario discreto e nulla più, dopo questa gara1 è ancor più viva in me la convinzione che si debba chiudere la serie sul 3-0.

    Sui problemi televisivi, stendo un velo pietoso: la partita, mentre sia su Eurosport che su RaiSport non era visibile, era regolarmente trasmessa dai siti pirata…
    Situazione inaccettabile. Fosse successa nel calcio (ma nel calcio non succede, chissà perchè…) oggi qualcuno verrebbe licenziato.

  5. Come volevasi dimostrare ieri vittoria netta da ripetere oggi per non allungare la serie in ottica Final Four di Eurolega.

Comments are closed.

Next Post

Ettore Messina: Gara solida, preoccupati per le condizioni di Shavon Shields

Ettore Messina commenta così il successo in gara-1 contro l’Aquila Trento: Abbiamo giocato una partita molto solida

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: