EuroLeague Week#30 | L’mvp è Shavon Shields

Primo titolo di mvp per Shavon Shields in tre stagioni di Turkish Airlines EuroLeague

Primo titolo di mvp per Shavon Shields in tre stagioni di Turkish Airlines EuroLeague.

L’ala di Olimpia Milan oha dominato la sfida con il Bayern Monaco, decisiva per l’accesso alle final four, con 34 punti e 41 di valutazione.

11 thoughts on “EuroLeague Week#30 | L’mvp è Shavon Shields

  1. Quando si crea un sistema con una prospettiva di medio lungo periodo, come Messina ha ben spiegato ieri, i rinnovi di contratto sono ovvi.

    1. Sì, però se arriva qualche big spagnola, russa o turca mettendo sul piatto un contratto milionario, Shields può benissimo non rinnovare con noi che non siamo in grado di pareggiare l’offerta e andarsene.
      Già perdemmo Langford e Jerrels in un colpo solo per questo motivo, dopo la grande Eurolega del 2014, preferirei che non accadesse anche con Shields e altri… spero Messina abbia già il contratto da far firmare venerdì a Shavon, al rientro dai 2 giorni di riposo concessi 🙂

      1. Vero però attenzione: Rodriguez e Hines non sono arrivati per caso ma anche grazie a Messina. E la passerella delle F4 sicuramente aumenterà il profilo internazionale, e questo vale sia per chi è già qui, sia per chi potrebbe venire. Nessun dubbio che sono professionisti che devono giocare dove hanno il miglior rapporto contratto/opportunità, però secondo me Milano ha messo un tassello importante anche in questa ottica.

  2. Langford l’abbiamo perso per scelta di Proli non di Banchi e non abbiamo lo rinnovato stupidamente per scelta oggi Messina è anche presidente delle operazioni non a caso.

    1. Non l’abbiamo rinnovato perchè non abbiamo pareggiato l’offerta che lui e Jerrels avevano ricevuto da Kazan. Il rischio che lo stesso accada anche con Shileds & c. c’è: ok avere Messina, ma il budget a disposizione è stabilito dalla proprietà, da lì non si scappa. Shields, Punter, Leday sono 3 giocatori presi la scorsa estate e che hanno uno stipendio bassissimo, Shields se non erro ha un biennale, Punter un annuale e Leday sinceramente non ricordo. In ogni caso, dopo questa stagione il loro valore si è notevolmente innalzato, che noi si riesca a rinnovarli tutti e 3 con congruo adeguamento di stipendio è tutto da vedere. Anzi, a parità di budget di quest anno la vedo impossibile. Se poi realmente si sta cercando di prendere Melli, che richiederebbe un investimento elevato, insomma, Messina e Stavropoulos avranno di che lavorare.
      Dei 3 citati sopra, quello a mio parere più “sostituibile” sarebbe Punter, nel caso (una guardia americana con punti nelle mani non è complicata da trovare, anche a prezzi ragionevoli).
      Ma ci penseremo più avanti, adesso godiamoci il finale di stagione. 🙂

      1. Anche Leday è un biennale l’unico annuale è quello di Punter. Personalmente non ho dubbi che Messina i primi due cercherà di tenerseli poi sarà quel che sarà, oggi godiamoci vittoria e squadra che potrebbe non avere espresso ancora il suo massimo talento.

    1. Quello di Kaunas, contro di noi ha fatto virgola, di certo non mi strappo le vesti se l’ipotesi di Sportando non si verifica

      1. Un terzo play serve, se arriva straniero,in posto 2 serve un italiano (tonut il sogno).
        Abbiamo avuto assenze multiple in più ruoli tappandole discretamente bene. Abbiamo spesso un solo play a disposizione, e faticato. fossero mancati entrambi ciao.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Kyle Hines, The Block II: La giocata che ha consegnato le Final Four all'Olimpia

Kyle Hines, The Block II. La sua giocata, le sue parole, l'ennesimo capitolo della straordinaria storia di una leggenda di EuroLeague
Kyle Hines, The Block II

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Gigi Datome
La gioia di Gigi Datome: Qualificazione speciale. E sapete cosa? Adesso ne mancano due!

Gigi Datome celebra la qualificazione di Olimpia Milano alle Final Four: Riportare il club nell’élite del basket europeo era uno...

Chiudi