Il Cska sospende Mike James, e con Eurohoops volano gli stracci

Alessandro Maggi 36

Ora è ufficiale la notizia della sospensione di Mike James. Il club ha annunciato di aver sospeso il giocatore, ex Olimpia Milano

Ora è ufficiale la notizia della sospensione di Mike James. Il club ha annunciato di aver sospeso il giocatore, ex Olimpia Milano.

Mike James è sospeso. Chiarimento del club – Il 22 gennaio, dopo la fine della partita con il Fenerbahce, c’è stato un incidente negli spogliatoi della squadra con la partecipazione di Mike James. Di conseguenza, il club ha deciso di sospendere il giocatore da allenamenti e partite.

A quel punto, sui social, è scoppiato l’inferno. Vediamo come.

Il sito russo sports-express riporta di un litigio tra Mike James e Toko Shengelia, come peraltro riportato da noi nella giornata di ieri (causa scatenante? no, insieme di situazioni). Eurohopps cita la notizia, MJ si altera.

«Quando è abbastanza è abbastanza. Smettetela di inventare merda». Pulito Mike. 

Qua Mike consiglia di non leggere i media, e dà dell’idiota a chiunque gli passi davanti. Quindi arriva il confronto con Eurohoops.

Praticamente il sito chiede al giocatore, visto che ha tutto il tempo del mondo davanti essendo sospeso (roba da bar, ma non si scrive al bar), di dire la sua e chiarire la vicenda.

Entra in gioco Malcolm Delaney. Il rapporto con Mike James è noto, e dopo aver ironizzato sull’assalto dell’amico ad un colosso come Toko, va oltre. 

Il concetto, in soldoni è: «Più che puntare ad arrivare primi, lavorate sulla credibilità. Questo vi farà guadagnare più rispetto». 

Una cosa è certa. L’unico ad aver detto la verità è Fabrizio Lorenzi. I siti italiani che non lo hanno citato, rientrano in quello che Malcolm Delaney condanna. 

36 thoughts on “Il Cska sospende Mike James, e con Eurohoops volano gli stracci

    1. Solo due considerazioni dobbiamo tutti togliere dalla colonnina errori di Messina l’allontanamento del giocatore dall’Olimpia e dobbiamo riquotare il CSKA che sale notevolmente di livello per il suo gioco interno che ha magnifici interpreti in Shengelia e Milutinov che potranno giocare molti palloni in più e finalmente potranno difendere in cinque

      1. Liberare James non era un errore prima e non diventa giusto dopo di oggi, semplicemente Messina non poteva costruire una squadra partendo da un gruppo che aveva falito e il cui leader carismatico era l’emblema dell’io e non del “noi”

  1. Mi viene da pensare che a Mosca hanno fatto un errore enorme a lasciar partire Hines e Vorontsevich la stessa estate, in termini di perdita di uomini spogliatoio che ti fanno capire fin da subito che “questo è il CSKA, questa la sua storia, queste le nostre Euroleghe in bacheca. Tu non sei nessuno ergo non fare c***ate”.
    Con loro è sembrato che James rigasse dritto (anche perché se Hines ti guarda storto ti fa male e Voro, da buon siberiano, penso che ci metta poco a caricarti su un treno e a farti risvegliare in mezzo alla steppa) e potesse rendere anche in un contesto di squadra ad altissimo livello.
    Il solo Itoudis probabilmente non è stato in grado di gestirlo al di fuori del rettangolo di gioco (e a volte anche all’interno)
    Spiace, perché al netto del vuoto pneumatico riscontrato nella testa del giocatore, le cose che quel ragazzo è in grado (nel bene o nel male) di fare su un campo da basket non si vedono ovunque e soprattutto riescono a coinvolgerti emotivamente da amarlo per sempre a prescindere dai suoi comportamenti.
    Ora il CSKA si trova in una situazione pessima, anche perché non può pescare un sostituto da squadre di Eurolega, dalla Cina non sembra possa venire molto. Magari qualche taglio NBA, ma le incognite sono parecchie.

    1. Dubito fortemente che il carisma di Hines in spogliatoio sia fondato sulla paura di “se ti guarda storto ti fa male”, e non invece sull’intelligenza, l’esperienza, e la dolcezza di carattere.
      Dolcezza così evidente da come risponde alle chiamate degli arbitri nei suoi confronti, giuste o sbagliate che siano. Che dovrebbe servire da esempio a tutti.

      So bene che questa è la tua opinione, che hai tutto il diritto di esprimerla ecc ecc, e hai ragione al 100%, ci mancherebbe, ma ogni opinione espressa in un forum è suscettibile di essere contestata e criticata, con altrettanta libertà d’espressione.

      Penserai che io ce l’abbia con te o, come pensi, che io voglia imporre il mio pensiero, ma sbaglieresti.
      Che lo sguardo di Hines sia la minaccia che gli accredita il rispetto degli altri è una cosa che in un forum in cui partecipo anch’io, non voglio che sia lasciata passare in bianco, come se fosse normale o accettabile. Per me non lo è.
      E ci tengo che chiunque venga a leggere i commenti, sappia che non è un’opinione condivisa da tutti.
      Penso a possibili amici miei, tifosi, che vengano a leggere la tua caratterizzazione di Hines, evidentemente sbagliata, e mi dicano: ma come, e tu non hai detto niente?

      Ecco, io ci tengo che tutto quello che viene scritto in un forum dove sono presente anch’io, sia sostenibile, e se non lo è che venga criticato.

      Dunque non sei tu, sappilo, o la tua libertà d’opinione, ma il contenuto di quello che scrivi.

      Dice: ma chi sei, ma chi credi di essere, il custode dei commenti?
      Dal punto di vista personale sì, non certo dal punto di vista di un ruolo, o di un diritto.
      Ciao

      1. Purtroppo lo scrivere non esprime il tono altrimenti si sarebbe capito molto bene che il mio “se Hines ti guarda storto ti fa male” era in senso buono per via del carisma che riesce a trasmettere ai suoi compagni, anche quelli più indisciplinati come James. Avresti potuto esprimere il tuo dissenso o una critica costruttiva in un modo molto diverso invece di ironizzare che ad altri, come per esempio il sottoscritto, può sembrare un insulto non conoscendoti. Anche io non ho nulla di personale contro di te però sottolineo che tu puoi essere il custode dei tuoi commenti ma non di quelli degli altri.
        Ciao e buona giornata e stasera Forza Olimpia!!

  2. Su James non ho nulla da dire perché e’ stato detto tutto in questi due anni.
    Solo un pensiero: grazie Messina che non solo mastichi basket ma capisci anche di persone e logiche di gruppo.

    Vediamo se il Cska naufraga o invece si mette a giocare un po’ meglio di come faceva. Perche’ vedere lo Zalgiris
    è piacevole ma vedere il Cska era noiosissimo

    1. Sarebbe curioso che una squadra costruita(immagino) con la presenza di James traesse beneficio dalla sua imprevista assenza….

      1. Leggi la cronaca della partita contro l’Alba su Eurodevotion

  3. Bhé non è che con James il Cska stava andando male, anzi erano primi. Ora vedremo cosa saranno capaci di fare senza Mike, ma hanno tutto da perdere e poco fa guadagnare. Mi spiego meglio. Se continua a vincere non cambia nulla, primi o secondi erano e tali rimarranno mentre se iniziano a perdere colpi il discorso cambia come altrettanto le loro prospettive, senza dimenticare che come ha sottolineato Fab il Cska è stato costruito con la sua presenza.
    PS una rondine (la vittoria di ieri sera con l’Alba Berlino) non fa necessariamente primavera..

  4. @Armando il tuo commento denuncia la tua scarsa comprensione di questo gioco. Non è la W vs. Alba, è il tipo di gioco è sottolineo non è per le 13 partite che mancano alla regular season ma agli scontri PO dove ora sono molto più temibili avendo lasciato per strada un perdente come MJ

  5. Io eviterei di dare giudizi sulla persona se non la conosci come io non mi permetterei di giudicare il tuo grado di comprensione. Se il Cska sarà più temibile o meno lo stabilirà il campo. Io credo che siano più vulnerabili e me lo auguro di cuore per noi di Milano che sia così perché potrebbero aprirsi nuovi scenari impensabili fino a qualche mese fa.

    1. Conosco questo gioco da più anni di quanto vorrei, il giudizio è ponderato e non da adesso, il cambiamento è già avvenuto ed è sotto gli occhi di chi vuol vedere e ci coinvolge, saremo avversari alle f4 e il CSKA sarebbe stato abbordabile con lui e diventa più ostico senza, lo dimostra la partita che abbiamo perso con loro, di un tiro libero mancato, con un saldo negativo stratosferico ai rimbalzi e una buona prestazione di Hacket. Il nuovo CSKA difende in cinque e gioca in post con maggior frequenza e li abbiamo uno dei nostri punti deboli per ora.

  6. Dunque Itoudis che lo faceva giocare come lo giudichi?
    Su Mike James non sei obiettivo nè razionale.

    1. Itoudis lo ha accettato, è Catutin che lo ha voluto approfittando del ricco buyer out Olimpia per pagarli meno. Itoudis poi pensava di poterlo gestire e se ci fosse riuscito MJsarebbe stato un valore aggiunto. Ma durante la stagione, hanno già litigato 2 mesi fa, si resi conto che MJ è MJ non si adatta al sacrificio difensivo e vuole gestire tutti i palloni giocabili, lo ha tenuto per merito del grande talento in attacco del giocatore, poi con le sconfitte e gli scazzi di spogliatoio ha e non ancora definitivamente, deciso di rinunciare a lui come fece a suo tempo Messina a cui sono bastati i colloqui (tanti) per inquadrarlo. Non puoi negare i fatti che già a Milano lo hanno visto protagonista e la costruzione del CSKA che prescinde da MJ. Itoudis è un grande coach ha tentato, ha fallito ma, come dimostrerà la stagione, ha già da tempo un piano B

      1. Certo la difesa senza quel telepass di James ne guadagnerà, ovviamente la chimica di una squadra è fatta di equilibri, staremo a vedere, attendiamo conferme per un giudizio definitivo

  7. Concordo con chi parla di chiudere un capitolo: Messina ha sbagliato alcune scelte di mercato l’anno scorso, e non di poco. Fra questi errori NON c’è Mike James, al posto del quale è arrivato il Chacho. Ora che la sospensione è ufficiale e si può parlare di fatti, senza neanche minimamente ridimensionare il talento del giocatore, credo sia giusto sottolineare una cosa: quello che è successo non è successo in una squadra di metà classifica ma a Mosca. Non sottovaluterei la straordinarietà del fatto: il CSKA non è società da psicodrammi, in linea di massima, se sono arrivati qui significa che dietro le quinte la situazione è veramente complessa. Ed è abbastanza chiaro che il funerale non c’entri nulla con tutto questo se non offrire alla società un metodo legale e legittimo per sanzionare il giocatore.

  8. Sul capitolo chiuso sono d’accordo. Come sul fatto che Messina abbia fatto bene e questo già solo per l’ambiente non più consono a una convivenza. Pure il funerale non sembra centrare, per cui meglio cosi, si evita che di mezzo ci sia un argomento spinoso.
    Detto tutto questo, la domanda su Itoudis era per orlando che mi ha risposto e il suo punto di vista su itoudis mi pare molto sminuente del coach che è.

    1. Pensa che l’ambiente è quello ex sovietico, per tantissimi anni il loro ottimo coach è stato il colonnello Gosmelsky e certe cose là non cambiano mai leggere le cronache. Itoudis altrove forse non avrebbe accettato le scelte ma forse in quel contesto non aveva alternativa.

      1. Considerato che c’è passato pure Messina di là, come per altro fior di campioni e che non ci sono rimasti poco come Hines (sul quale l’appunto di palmasco mi ha quasi emozionato per come lo descrive cogliendone l’essenza), mi permetto di dubitare di questa tua convinzione.

      2. @Marcolimpia perché credi che Messina tornando al di qua dell’atlantico abbia voluto anche il ruolo del presidente delle operazioni? Non solo in Russia il volere dei presidenti e dei proprietari prevale su quello dei coach. Anche nelle minori te l’assicuro se fai questo mestiere a torto o a ragione ti devi adeguare alle decisioni prese in alto. Noi viviamo in un isola felice con un proprietario illuminato e un dirigente competente eppure qualche anno fa Banchi dovette accettare un ridimensionamento della squadra che non condivideva dato che Proli aveva deciso cosi a torto o a ragione. Tornando ad Itoudis non lo sminuisce affatto l’aver accettato le decisioni di Vatutin e ha provato ad amalgamare il team con MJ e non è ancora detta l’ultima parola forse ci proverà ancora ma è evidente che la loro squadra gioca meglio con il gioco interno e le responsabilità condivise per non parlare della difesa corale. E tutto ciò non nasce per caso era stato previsto in caso di rinuncia a MJ

      3. Allenare un giocatore prevedendo che a un certo punto andrà via, mah…..mi sembra sciocco.
        Messina ha chiesto questo ruolo perchè il coach di superpotenze europee l’ha già fatto. A Milano ha cercato anche altro per la sua carriera, che magari (onestamente non lo so), abbia poi una continuazione post periodo in panchina..
        Sul fatto che un allenatore si debba adeguare mi pare ovvio, c’è una gerarchia apposta all’interno delle società. Da qui ad accettare pronamente ce ne passa: se sei un coach di un certo tipo c’è anche una dialettica di alto livello dietro alle scelte e sicuramente Itoudis non se l’è trovato lì, ma l’ha voluto pure lui. Se su questo non sei d’accordo, la discussione su quest’argomento è chiusa.

      4. Certo non ho mai detto che lo ha accettato supinamente. Solo che non si fidava del tutto da cui il piano B

  9. Sai qual’è la differenza tra te (Orlandoilrosso) e per esempio Mr Tate o Marcoolimpia sull’argomento James? Che loro, al pari di me, partono dal presupposto che ormai Mike James appartiene al passato e non ha alcun senso che ogni volta che si parli di Mike bisogna tirare fuori il rapporto del giocatore con Milano oppure della scelta sacrosanta di Messina di rinunciare a lui; invece dalle tue parole sembra (e dico sembra) sempre trapelare astio nei confronti di un giocatore che ormai da 2 anni non ci riguarda più. Tutto qua.

    1. Verissimo, però credo che la scelta di lasciarlo andare abbia fatto molto rumore. Non capisco però, lo dico sinceramente, l’astio nei confronti del giocatore, perché a Milano sul campo il suo valore è stato un netto positivo, e di gran lunga. Può stare antipatico, e ok, ma a Milano ha dato tanto. Capisco semmai il sollievo di averlo ceduto, a questo punto, quello è molto comprensibile e in parte lo condivido, considerato dove siamo. Il passato è andato, le critiche possono essere mosse a chi ha attaccato Messina senza sapere quello che sapeva lui, ma anche lì serve il giusto, inutile creare nuovo astio oggi.

  10. Come anche la tua presunzione di saperne sempre più degli altri, ad esempio quando scrivi “Itoudis lo ha accettato”. Se sei un dirigente oppure un giocatore del Cska Mosca ritiro tutto…

  11. @Armando non puoi misurare tutti con il tuo metro, parlo per me, ci sarà sempre qualcuno che ne saprà più di me, basta stare attenti, con la.mente aperta, per imparare

      1. Faccio una considerazione che spero venga raccolta. Mettiamo che oggi sul blog rispondano nei commenti persone che tempo fa si sono comportate in modo scorretto o negativo secondo te, me o altri e che usino diversi nomi. Oltre a usare diversi nomi usano anche diversi toni, è evidente, non possiamo non ricordarci le litigate costanti. Allora se anche così fosse, se anche dietro un nickname si cela una persona che mesi fa si è comportata male, oggettivamente o soggettivamente, ma oggi usa toni completamente diversi, non sarebbe meglio per tutti non rivangare? Si possono abbassare i toni, accettare la situazione e dialogare più serenamente.

        Attenzione, la mia non è una critica, ognuno può e deve fare quello che vuole. È una considerazione che secondo me porta a un clima migliore e non peggiore.

  12. Mr Tate sono d’accordissimo.
    Mi ricordo il clima ed il livello culturale e tecnico di solo due mesi fa….Maggi ha fatto un miracolo e quel clima è stato superato.
    Ora tocca a noi mantenere un ambiente sereno che non vuol dire essere d’accordo. Se le opinioni , a volte giustificate con i fatti alle volte no, sono scritte in modo urbano lascerei perdere di ricordare il tempo che fu.
    Quando non sono d’accordo cerco di contestare le opinioni e non attaccare la persona
    Comunque James è uno che divide, è il suo destino il suo karma non c’è niente da fare.

  13. Hai perfettamente ragione se non persiste il discredito. Comunque non ne vale la pena solo non ci sto a passare per “quello che odia James” solo perché ripetuto all’infinito mi ritengo obiettivo e posseggo le informazioni necessarie per giudicare e puntualmente ciò che vado dicendo da inizio stagione nel bene ( Olimpia) o nel male(James) spesso deriso, si va puntualmente verificando.

    1. Questa volta faccio il democristiano io.

      @Orlando, ti capisco e sono stato “accanto” a te durante molti e indegni attacchi di gruppo senza mai argomenti veri per confutare l’oggetto della discussione.
      Una modalità che è lecito chiamare “fascista”.
      Quella roba lì non esiste più. Passata.
      Mettiamoci una pietra sopra, a volte le amnistie hanno molto senso 😉

      @Armando, chiunque tu sia, discuti in modo educato e civile,
      HaI opinioni diverse? Meno male, sennò che noia sarebbe!!!
      Attaccarti, con riferimenti per altro non dimostrabili a persone del passato, è inutile e sbagliato, secondo me.
      Per me, chiunque tu sia, benvenuto!

      1. Grazie Tom per la fiducia. Io credo che si possa esprimere la propria opinione in modo educato e civile ma sopratutto rispettando chi la pensa diversamente. L’essenza di un blog è quella di poter dialogare in un ambiente sereno senza trascendere con insulti di ogni genere sulla persona. Spero sinceramente che ciò possa avvenire, meglio una risposta in meno che oltrepassare il limite dell’educazione.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Christos Stavropoulos: Pubblico in sicurezza, potremmo farlo

Christos Stavropoulos, GM di Olimpia Milano, protagonista su Repubblica-Milano nell’articolo a firma Massimo Pisa
Olimpia Milano Serie A

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Serie A2: reazione Wildcats, espugnata Mantova 70-60

Ancora una volta l'Urania Milano conferma squadra da trasferta, vittoria di personalità sul campo di Mantova con l'ex Raspino MVP....

Chiudi