La Visione del Guaz | Moraschini & Tarczewski: la classe operaia va in paradiso

guazzoni 25

La vittoria a Madrid dell’Olimpia porta le firme di due protagonisti silenziosi: per loro la gloria arriva dal sangue e dal sudore

Si potrebbe scrivere una nuova ode al Chacho Rodriguez, purgatore del Real Madrid all’andata e al ritorno via pelotas cubiche. Ma ci sono due protagonisti del sacco del Wizink che vanno oltre le statistiche, che hanno disputato una gara gladiatoria fatta di sudore e sangue, che meritano cinque/dieci/cento parole di encomio.

Parlo di Riccardo Moraschini e Kaleb Tarczewski, la classe operaia che per una notte va in paradiso con abbondante merito. Nella squadra del Socialismo reale quasi un dovere civile. Si sono presi spesso dei grandi vaffa dall’esigente popolo biancorosso, anche un po’ prevenuto in certe analisi, ed invece sono stati mattoni portanti della grande muraglia Olimpia.

Moraschini è ormai un all-arounder affidabile anche a livello di Eurolega, basti ricordarsi il rendimento pre-Covid e – ad esempio – il precedente dell’andata con il Real: difende forte, è una garanzia certificata come ball-handler, è grosso come il Mammut dell’Era Glaciale (ha anche lo stesso ciuffo in testa a guardar bene).

Non ha vissuto un periodo facile, ovvio: le cure speciali del Mio Pastore possono essere piuttosto truci ma l’importante è non perdere la rotta, la barra a dritta. E Moraschini a Madrid ha dimostrato – per festeggiare i suoi 30, auguri…

I miei non li ricordo, immerso nel VodkaRedBull come Obelix nella pozione di Panoramix – di non aver affatto perso il fuoco sacro. Alla prima occasione utile, senza i minuti di Shields e Micov a fagocitare lo slot da ‘3’, non solo ha risposto presente alzando timidamente la mano ma battuto le scarpe sul tavolo come Nikita Kruscev all’Onu.

Non sono un amante delle statistiche ma 10 rimbalzi presi in testa a tutti gli altri devono dare l’idea della sua aggressività, raddoppiata dagli intangibles di una difesa strappa-applausi.

Tarczewski invece ha rischiato per mesi la lapidazione sommaria, linciaggio di piazza, maledizione plenaria. E pure lui è finito nella lista di proscrizione del Mio Pastore che non ha mai esitato a fargli delle clamorose lavate di capo davanti all’intero pianeta universo.

Arrivava dall’incubo Milutinov ma la reazione è stata da “Hulk spacca” contro un avversario che avrebbe potuto mangiarlo vivo se Kaleb avesse tenuto ieri sera un atteggiamento differente.

L’immagine chiave: un tagliafuori con cui fa perdere l’equilibrio a quel monolite di Tavares che arrivava lanciato a fionda. L’immagine che mi fa più ridere: Causeur che si schianta con il viso contro la spalla e finisce ricoverato in terapia intensiva all’ospedale San Giuseppes di Madrid.

In due dieci punti e 14 carabole ma, pound per pound, i due segreti di Pulcinella di un successo atteso una vita. L’ennesimo tabù crollato sotto le manganellate della polizia di Capital Hill… Ehm, scusate… Dell’Olimpia del Mio Pastore.

Ps. Lo zainetto di LeDay ci porterà alla Terra Promessa…

Ps2 (di Alessandros Luisitos Maggi, El Buitre dei Navigli). Prime rivelazioni dallo zainetto di LeDay. Ci sono due vittorie con il Real Madrid.

25 thoughts on “La Visione del Guaz | Moraschini & Tarczewski: la classe operaia va in paradiso

  1. Uno dei tuoi articoli più belli.

    Tirare fuori questa partita dopo 10 giorni a leggere che “con un centro vero Milano è da f4” e non parlo dei commenti qui. Parlo di alcune interviste o articoli di giornale. Dopo che per la seconda volta il tuo allenatore si è esposto per te a dire “c’è un uomo in difficolta, prima che un giocatore”. Be, l’Uomo ha risposto.
    Contentissimo per Kaleb, ora gli e ci serve la continuità: sappiamo e sa di essere il secondo centro, bastano partite normali per lui, con magari qualche picco di prestazione qua e là e pochi down.
    Capitolo Morasca: ha tutto x stare li, soprattutto la testa e le palle. Un periodo negativo ci sta, soprattutto se non sappiamo come e quanto abbia pesato il covid. Che non è x tutti solo un’influenza. Ma già domenica aveva dato grossi segnali di risveglio.
    Ora aspettiamo il ritorno di Shavon, ma anche di Vlado, che sono certo non essere bollito come qualcuno gia vaticina. Non si passa da migliore della squadra (con chacho) a pensionato in 6 mesi.
    Ora godiamoci Gigi che quando in difesa tiene (le gambe stanno tornando!) in attacco non lo fermano.
    A morte (figurata, ovvio) le Cassandre dei poveri, evviva il tifoso che incoraggia.

    Ps. Il Buitre dei Navigli mi ha spaccato, super Guaz.

  2. Tarceswki sugli scudi mi va bene se lo si intende per sostenere il ragazzo visto che non lo sostituiamo più. Dovrà rivedersi 10 volte la partita e studiare il posizionamento/ tempismo e l’atteggiamento (voglia) per prendere il rimbalzo in difesa di Moraschini. 10 rimbalzi difensivi contro 1.
    Su Moraschini quoto tutto. Questa prestazione monstre difensiva spero gli ridia la fiducia nel tiro da fuori perché l’ha sempre avuto e non può averlo perso così. Questione di testa e fiducia.

  3. Onore ai due “operai”, sono stati super ieri sera. Moraschini ha risposto alla grande davanti all’emergenza di giocare senza ali piccole, difesa tosta e grande concentrazione. I 10 rimbalzi sono figli dei tagliafuori di Kaleb&company ma lui ci ha messo colpo d’occhio e tempismo, dimostrando che per prendere un rimbalzo non occorre solo centimetri ma determinazione e posizione. Kaleb ha finalmente trovato una buona gara, lo aspetto costante ed in crescita nelle prossime di EL per certificare il suo ritorno. Le parole di Messina sulla non eticità di spendere in un momento quale l’attuale e la comprensione delle difficoltà di Kaleb nel quotidiano lockdown sono state importanti e forse hanno motivato il ragazzo che come detto più volte deve ritrovare se stesso prima che le prestazioni in campo.

  4. Si parla di operai ma io vorrei applaudire anche la gara di un Signore, di Carroll. Attaccato sistematicamente in difesa, ha comunque risposto con una gara sontuosa in attacco. Tecnicamente, per me resta il miglior tiratore d’Europa

  5. Guazz sei un mito, mai sottolineatura fu più appropriata. Tarczewski e Moraschini sono la classe operaia che va e può portarci in paradiso. Oh è presto, non per sognare, tutto può ancora accadere, ma anche il contrario di tutto. Oggi siamo felici, abbiamo una squadra e non un mero gruppo di individui che giocano ognuno per proprio conto, e questo è ciò che più conta, il miracolo di Messina non sta tanto nelle 31 W e solo 8 L, sta nell’aver saputo gettare le basi per creare un’amalgama. Personalmente non ho mai avuto dubbi ma in questo blog di gente di poca fede leggo spesso cose dolorose ed inappropriate. Questa è la quasi( non fosse stato per Hackett) vittoria sul CSKA sono state le migliori risposte. La scelta dei giocatori quest’anno è stata principalmente una scelta di uomini. Magari su piazza c’erano qualità tecniche migliori, (Williams) ma la nostra scelta è caduta su uomini migliori ( Le Day ) ad esempio e questi sono i risultati. Per cui ban tornato Tarczewski e ben ritrovato Moraschini inquadrate al meglio la mia Olimpia e questo è più di un un atto di fede, è un atto d’amore.

  6. Quasi mai d’accordo, questa frase : “……In due dieci punti e 14 carabole…..” poi sfiora la cattiva fede visto che delle 14, 10 sono di Moraschini e quello che doveva davvero prendere i rimbalzi come al solito ne ha presi pochi o niente (4).

  7. Ha scritto il giustiziere ( mancato ) del nostro Tarcisio. Una sentenza! Neppure quando innestato a dovere, sfrutta la sua miglior dote, la dinamicità e merita ampliamente la sufficienza i prevenuti sono disposti a riconoscerglielo. Phua!

  8. @Orlandoilrosso la media di tarcoso in EL è 2,8 rimbalzi (diciamo 3, pietosa) oggi ne ha presi 4 (sticazzi!!!).
    Sommarli con quelli di Moraschini, che nel suo ruolo è giocatore di tutt’altro livello, cosa c’entra ????? Può forse servire a sostenere ragioni di parte.
    Non molto diverso per esempio dal dite che Rodriguez e pierino hanno fatto il 50 % da tre quando Rodriguez ha fatto il 60 e pierino il 20. Solo tu puoi apprezzare queste stupidaggini.
    Poi, per cortesia, pur essendo di indole democratica e liberale, devo a mio discapito ammettere che a ragionare con te mi sento svilito. Ti pregi quindi da adesso in poi di trascurare di rispondere ai miei interventi come altrettanto mi pregerò di fare io.

  9. Ahhh, una scommessa. A fine anno trarremo le conclusioni ma qualche meschino ovviamente dirà che si tratta di un progetto pluriennale e quest’anno conta un cazzo (come d’ altro canto l’anno passato)..

  10. Giorgio è naturale che non sia un anno di transizione, come è naturale che a te farebbe piacere vedere l’olimpia vincere. Non facciamo la guerra per l’opinione su un giocatore. Tu vedi dei limiti insormontabili, altri no. Tuttavia scadere in una guerra dialettica senza fine forse è troppo. L’enfasi su Kaleb è figlia del momento difficile, dal quale si spera che questa prestazione lo aiuti ad uscire, è ovvio che un rendimento del genere non può essere celebrato come un rendimento eccellente, ma nel contesto in cui è nato è un buon segnale.

  11. A prescindere dall’argomento è irritante leggere con quanta acredine taluno affronta i temi riguardanti gli odiati nemici, al secolo Messina e Tarczewski. Non vedere i miglioramenti e criticare comunque vadano le prestazioni sono a mio parere atteggiamenti antipatici non adatti ad un consesso di tifosi dove il soggetto incriminato dev’essere comunque rispettato per cui gli appellativi Tarcoso o Messia sono fuori luogo. Vedere o meno un segnale positivo non è obbligatorio ma trattare in maniera urbana e senza disprezzo l’argomento lo è. Parlare di programmi pluriennali è sano pragmatismo i programmi seri sono a medio e lungo termine la società che punta al guadagno immediato affidandosi a promotori senza scrupoli è destinata a fallire oppure come noi nel recente passato a ricominciare tutto da capo ogni due stagioni. Per fortuna la società ha tratto le stesse conclusioni perciò si è affidata a Messina, ha concluso contratti quinquennali con i più giovani e triennali con gli altri. Ad alcuni tifosi deve entrare in testa che il tutto e subito è impossibile e dannoso per cui prego lasciare lavorare.

  12. Giorgioiv loro sono abili nel tramutare i numeri a loro favore per imbambolare gli altri. Ora hanno inventato una nuova statistica: sommare i rimbalzi in coppia ahahahaha. Solo ora ti senti svilito a ragionare con Orlandoilrosso?? Ahahahaha

  13. Andrea la somma l’ha fatta l’articolista, non un commentatore. Stai perculando lui, quindi.

  14. La prima risposta sul campo in stagione di Tarcisio la accogliamo con favore, intendiamoci, nulla di strepitoso e niente in confronto a quello che ci si aspettava da lui, ma almeno già cosi può essere utile, cosa che finora non è stato: confidiamo in ulteriori miglioramenti. Moraschini operaio specializzato difensivo va benissimo, ma io lo ricordavo anche come giocatore talentuoso, spero quindi torni ad essere pericoloso sul fronte offensivo

  15. Marcoolimpia, è un mio diritto non condividere una parte dell’articolista giusto? O mi vuoi togliere anche questo?

  16. @marcoolimpia Sono perfettamente d’accordo con te ma esistono opinioni rispettabili come quella che stai esprimendo tu, frutto di un ragionamento condivisibile ed altre dettate solo dall’essere pecore del gregge del grande pastore.
    Tu stesso noti che un rendimento del genere (1 rimbalzo più della media) non può essere celebrato; viceversa qui si arriva a sommarli ai 10 di Moraschini per alzare toni trionfalistici.

    Io tengo all’ Olimpia e se tutto andrà bene ne sarò contento ma sono anni che nella prima parte di EL tutto sembra andare bene per poi precipitare. I segnali di allarme ci sono stati ora, ci si vuole tappare occhi e orecchie ? Bene.

    Che Kaleb sia inadatto è palese quasi a tutti, si vuole andare avanti così ? Bene. Però, sia chiaro, è una scelta e delle scelte alla fine chi è allenatore e presidente deve renderne conto.

    Questo intendo quando dico: “poi non mi si venga a dire che il progetto era pluriennale”. Due anni penosi (è inutile si voglia sdoganare la pena del primo) bastano o no per mettere in discussione il superpresidenteallenatore?

    Allora, se avrà ragione sarà suo l’onore, altrimenti ne paghi le conseguenze come tutti gli altri prima di lui.

  17. Sei liberissimo.
    Ma parlavi al plurale di loro che manipolano i numeri che inventano x imbambolare…. Non pareva ti rivolgessi all’autore.

    (Cioè è ovvio che te la stessi prendendo coi commentatori ma fai finta di no, perché ti sei sbagliato, accecato dalla voglia di fare la battutona, ma non lo vuoi ammettere).

    Poi si dai, da adesso basta risponderti perché non porta a nulla.

  18. Giorgio, abbiamo un core interessante di 25-31 anni 4 vecchietti molto molto forti, alcune situazioni da sistemare ma un record positivo in campionato e EL.
    I segnali sinceramente non mi sembrano cosi brutti.
    Poi se sarà tracollo Messina dovrà spiegare, non si faranno spallucce lasciando andare.
    Non credo che nessuno qui sia innamorato di Messina, ma tanti gli riconoscono un pedigree tale per cui si possa ben sperare che dopo un’annata sotto le aspettative le cose migliorino decisamente. E a mio giudizio lo spirito e il gioco di quest’anno vanno nella direzione giusta.

  19. Ahhh, Hines ha giocato male, male, lo abbiamo visto tutti. Non è da lui ??? Forse siamo riusciti a sfiancarlo ? A questo punto auguriamoci che Kaleb sia diventato improvvisamente un protagonista silenzioso (cit. Guazzoni), altrimenti ce la giochiamo con Biligha.

  20. @marcoolimpia E’ una squadra interessante e ha ottime prospettive, l’ho detto a inizio anno e lo ripeto tranquillamente a conferma che nulla ho contro il (vostro? loro?) pastore.

    Detto questo in EL siamo settimi/ottavi con tre squadre che ci incalzano e mezza stagione avanti a noi. Le nostre aspettative erano diverse.
    La squadra è forte e coperta in tutti i reparti tranne uno che fa acqua; tarcoso combina e gioca poco e Hines è stanco. Se le cose andranno bene, di questo passo potremmo anche entrare nelle 8 ma nelle 4 mi sentirei di escluderlo. Sarebbe bene intervenire ora o più avanti quando magari i buoi saranno scappati ?

    In campionato ? Siamo primi a mani basse e fino a qui non bene ma benissimo ma negli scontri diretti con la nostra principale avversaria (virtus) potevamo vincere come perdere. Ora, Belinelli è al 25% perchè fermo da tre mesi ma crescerà in modo esponenziale. Come finirà ? Se a livello di guardie potremmo anche essere leggermente più forti (?) come centri ci surclasserebbero.

    Ora, dove avere speso tutti questi milioni, dopo tutti questi proclami sei d’accordo con me che una sconfitta il Lega A sarebbe disastrosa ? Beh, ci rifletterei. Con Simpatia, Giorgio IV.

  21. Marcoolimpia, era al plurale perché mi riferivo all’intervento di Giorgioiv che sicuramente, a differenza tua, avrà capito il senso delle mie parole poiché anche lui non condivideva quella parte di articolo.

  22. Giorgioiv, chi ti può capire più di me? È più di un anno che ci combatto ma anche se lo ignori lui é come uno stalker fa di tutto per farsi rispondere.
    Tornando ad un discorso serio condivido e sottoscrivo il tuo ultino intervento, purtroppo è difficile farlo capire a chi venera il nostro coach…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Olimpia Milano post Madrid | Non chiamatela impresa. Difesa, Carroll e gestione

Olimpia Milano post Madrid di una bellezza infinita per tutto il popolo biancorosso. Andiamo a rivivere questa gara
Olimpia Milano post Real

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Datome: Un passo avanti, possiamo competere con chiunque

Le parole del numero 70 biancorosso nel post gara, dopo la splendida impresa dell'Olimpia a Madrid

Chiudi