Marco Belinelli-Ettore Messina, storia del primo contatto

Virtus vs Olimpia Milano di domani pomeriggio è anche Marco Belinelli vs Ettore Messina. Due figure di primo piano del nostro basket

Virtus vs Olimpia Milano di domani pomeriggio è anche Marco Belinelli vs Ettore Messina. Due figure che hanno marchiato, anche insieme, la storia del basket italiano negli ultimi vent’anni.

Nel suo libro autobiografico «Pokerface», scritto in collaborazione con Alessandro Mamoli, Marco Belinelli descrive così Ettore Messina ricordando la prima convocazione in prima squadra con la Virtus Bologna: 

«Non potrei mai dimenticarlo. Arrivò, come da copione, grazie al responsabile del settore giovanile Giordano Consolini». Il dirigente, per la cronaca, ha lasciato la Virtus solo nella passata stagione.

Per Belinelli l’attesa è tanta: «Mi sarei messo al servizio dell’uomo tra i più carismatici mai incontrati. Quello che urlava così tanto da attraversare i muri, paralizzandomi nello spogliatoio con i compagni della squadra Cadetti».

E ancora: «Quello che dopo una semifinale di Coppa Italia persa con la Fortitudo piazzò un allenamento punitivo nell’orario della finale, tre ore e venti minuti».

Il primo contatto, ovviamente, non fu semplice: «Come da pronostico, in un amen mi spedì all’angolo a fare piegamenti sulle braccia. Ero così emozionato che, in una comune treccia, sbagliai ogni movimento e collezionati air-ball».

Da allora, di acqua sotto i ponti ne è passata davvero tanta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Pierluigi Marzorati: Duello di grande fascino, Olimpia Milano più avanti

La leggenda del basket italiano, Pierluigi Marzorati, lancia per ROM Virtus vs Olimpia Milano, in programma domani alla Segafredo Arena
Pierluigi Marzorati

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano Mercato
Olimpia Milano Speciale Mercato | Nicolò Melli, il sogno collettivo

Olimpia Milano Speciale Mercato, che chiude oggi l’analisi completa del panorama italiani. E arriviamo al nome più altisonante: Nicolò Melli

Chiudi