Maurizio Gherardini: Il giusto obiettivo di Olimpia Milano sono le Final Four

Maurizio Gherardini, GM del Fenerbahce, avversario di Olimpia Milano: Abbiamo dovuto gestire una transizione, budget oggi ridotto del 50%

Maurizio Gherardini, GM del Fenerbahce, protagonista su Eurodevotion. Ecco alcune sue dichiarazioni.

SUL BUDGET

«Abbiamo dovuto gestire una transizione dopo un ciclo incredibile, anche a livello di budget, oggi ridotto del 50%. Abbiamo cambiato guida tecnica, abbiamo una nuova dimensione da gestire. Altri hanno avuto problemi col COVID mentre noi, e tocco ferro, sinora ne siamo stati fuori, ma è anche vero che non abbiamo mai giocato una sola gara al completo. Stasera mancherà Vesely, il nostro punto di riferimento principale».

SU OLIMPIA MILANO

«Affrontiamo una Milano che è profonda, ha talento ed ha esperienza, agli ordini di un grande Coach. Credo abbiano tutto per poter ambire ad arrivare al palcoscenico finale. Ed è bello per tutto il momento italiano che la Final 4 sia un obiettivo giusto. L’Olimpia ha fatto grandi passi avanti»

SUL MOMENTO DEL FENERBAHCE

«De Colo fattore chiave. Lui, Vesely e Brown sono le basi di questa squadra ed almeno uno è sempre mancato, anche come condizione. Nando è rientrato, ma dopo 5 settimane, e ci vorrà tempo, come ha dimostrato Berlino. Abbiamo iniziato troppo bene, credendoci in una dimensione troppo più alta della nostra reale».

6 thoughts on “Maurizio Gherardini: Il giusto obiettivo di Olimpia Milano sono le Final Four

  1. Secondo me, per ambire alle F4, è necessario ed urgente( se possibile) inserire nel gruppo, un vero 5 di livello internazionale, in grado di giocare minuti di qualità in Eurolega.

  2. E, sempre secondo te, Dario, fra tutti quelli oggi liberi sul mercato, quale sarebbe da preferire tra tutti i 5 di livello internazionale che sono eccezionalmente senza squadra?
    Illuminaci, ti prego.

    Permettimi di aggiungere: potrebbe non bastare!
    Non ci vogliamo mettere almeno un all star NBA, tanto per essere sicuri, tra gli esterni?
    Non dico Lebron, ma almeno chessò, un Kahwi Leonard – metti che il 5 di livello internazionale non renda, o si faccia male…

    Ti pare una buona idea?

  3. @palmasco Stai pur tranquillo che il nome non tarderà ad arrivare e quando arriverà ti informerò proprio qui.

  4. I due commenti qui sopra rappresentano due posizioni tutte e due con una logica.
    Sono d’accordo caro Dario sulla tua affermazione soprattutto perchè è sostenuta da un “se” iniziale.
    Ma sono anche d’accordo con Palmasco che rivolta la questione e chiede “ma c’è un centro adatto e libero che ci garantisca l’accesso alle F4?”
    Non voglio interpretare Palmasco ma mi sembra che non contesti il fatto che sul ruolo 5 abbiamo qualche criticità ma semplicemente non vede così semplice risolverla con un’ acquisto qualsiasi.
    Credo anch’io che un allenatore prima di tagliare qualcuno e scegliere un sostituto si ponga molti quesiti di tipo tecnico, di coesione del gruppo, di prospettive per il futuro e di aspetti economici.
    Qui sul blog alle volte mi sembra che si faccia un po’ troppo facile.
    Ma poi c’è la domanda di fondo :”quali sono gli obiettivi della società per questo anno che tra l’altro non sappiamo ancora se finirà?”
    Sto parlando degli obiettivi della società e non del tifoso

  5. Bravo Iellini, che a differenza di Palmasco, hai notato il ” se possibile “e comunque l’ eventuale profilo ideale sarà compito di Messina individuarlo. Inoltre nel mio commento era presente il verbo ” ambire ” che è molto diverso dal ” garantire “. Quindi se non possiamo nemmeno ambire alle F4, prego Palmasco di citarmi 4 squadre nettamente più forti di Milano. Al momento vedo un’ eurolega molto equilibrata, con solo due squadre un gradino sopra di noi.

  6. Io penso che l’obiettivo, visto il tipo di giocatori scelti quest’anno, debba essere in Eurolega quello di fare i playoff e giocarsi la sfida più possibile nei quarti (è chiaro che molto dipenderà dalla posizione negli 8, un quarto di finale con Valencia ad esempio potrebbe essere giocabile mentre con Barca o CSKA sarebbe difficile anche arrivare all’ultima sfida). Non dobbiamo mai dimenticarci da dove arriviamo e quali sono stati i risultati negli ultimi anni per cui nulla è scontato.Però credo che questo roster sia in grado di ottenere questi risultati. In Italia scudetto. Senza se e senza ma.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Michael Roll: Non sono solo un tiratore, ma un uomo squadra

Michael Roll con Luca Chiabotti: La cosa importante, quando giochi poco, è voltare subito pagina, pensare alla gara successiva

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Datome: Spiace senza tifosi, ma forse sarà più facile concentrarmi sulla partita

Sarà una serata speciale per il capitano azzurro, grande ex della sfida di domani sera con il Fenerbahce

Chiudi