Olimpia Milano, tutti i numeri della capolista di LBA

Il passo dell’Olimpia è stato retto finora solo da Brindisi, che ha perso l’esordio a Venezia e poi ha vinto otto partite consecutive

Alla prima pausa del campionato di Serie A, l’Olimpia si presenta con un record di 9-0 che comprende quattro successi esterni e il primo posto in classifica solitario. 

fonte: olimpiamilano.com

Il passo dell’Olimpia è stato retto finora solo da Brindisi, che ha perso l’esordio a Venezia e poi ha vinto otto partite consecutive. Tra due turni, tra l’altro, è previsto lo scontro diretto al Mediolanum Forum. L’Olimpia ha costruito il suo primato sull’equilibrio.

Il primo posto per punti segnati (88.6) a pari merito con Sassari è fortificato da quello nei punti subiti, 68.4 ovvero otto in meno rispetto alla seconda in graduatoria, che è Pesaro.

La pietra angolare dell’efficacia dell’attacco è nell’esecuzione: l’Olimpia è prima nei tiri da tre, 43.1%, e prima per minor numero di palle perse, unica sotto la doppia cifra media. In difesa, subisce pochi punti sporcando le percentuali di tiro avversarie, solo 31.0% da tre, e forzando 14.3 palle perse per gara.

La conseguenza è che sei giocatori dell’Olimpia occupano le prime sei posizioni del plus/minus medio, mentre tanti giocatori differenti occupano posizioni di rilievo nelle graduatorie individuali.

Ad esempio, Shavon Shields è primo nel tiro da due, Sergio Rodriguez è primo nel tiro da tre, grazie principalmente all’8/10 della partita vinta contro Cantù, e quarto negli assist (con un top di 12). Zach LeDay ha la valutazione più alta per minuto giocato, è il nono rimbalzista, il quarto per falli subiti e nella precisione dalla lunetta.

Ma tutto questo lo sta facendo in 21.4 minuti di utilizzo. E’ andato otto volte su nove in doppia cifra e ha confezionato tre doppie doppie.

Shields è primo nel tiro da due, oltre il 69%, una graduatoria in cui sette dei primi 10 sono centri o ali forti. Sta giocando 24.0 minuti per gara ed è andato in doppia cifra in tutte le partite giocate. Quando era a Trento ebbe una striscia di otto gare in doppia cifra. Ha già cancellato quel primato.

Nel tiro da tre, al quinto posto figura Michael Roll, ma sarebbero in classifica – con un numero minimo di tentativi – anche Gigi Datome, addirittura primo, e Davide Moretti. Tra i primi 20 della graduatoria figura ancora Shavon Shields.

Ma il dato forse più significativo è che il giocatore più impiegato mediamente, proprio Shields, è il 64° giocatore del campionato per minuti giocati. Finora, l’Olimpia ha costruito sul collettivo e la profondità la sua leadership.

27 thoughts on “Olimpia Milano, tutti i numeri della capolista di LBA

  1. Mi permetto di aggiungere un dato aggregato, quello delle valutazioni, dato che di solito guardo per primo quando consulto i tabellini (seguito da quello assist/perse). Se guardiamo i punti, Olimpia ne fa 797 (media 88,6) e ne subisce 616 (media 68,4) con un +181.
    Ora se guardiamo le valutazioni, Olimpia registra 994 (media 110,4), subendo 564 (media 62,4), con un +430.
    Ecco, forse questa cifra ci da un quadro più interessante del dominio.

  2. Dominio fine a se stesso…dominare il campionato non conta niente, l’importante è arrivare freschi ai playoff.
    Ma gli scorsi campionati non hanno insegnato niente a nessuno?

    1. Sì, che l’anno scorso i ko in campionato hanno minato le certezze della squadra, fatto imbufalire la piazza, negativizzato immediatamente il dopo Proli e il dopo Pianigiani. Come riferito più volte da coach e giocatori. Poi chiaro, nessuno costringe a vincerle tutte, o arrivare con altro piazzamento, essere sani ai playoff sarà molto importante.

  3. Se non capisco male qualcuno (molti) vorrebbero essere quarti o quinti in classifica e non primi, dominatori, dando una trentina di minuti fissi a Moretti e Biligha, con Rodriguez e Micov sempre in tribuna e con pochi minuti in campo per Hines, Delaney e Datome.
    Potrebbe essere un’idea. Da verificare poi se i vari Hines, Delaney e Datome riescano, in sette o otto minuti (non consecutivi, senno’ si stancano) a fare davvero la differenza. Ma tanto, e’ meglio perdere piuttosto che dominare.
    Non sono cosi’ convinto che Moretti e Biligha (che difende alla morte ma non la mette nemmeno in una vasca da bagno) giocando tanti minuti al fianco del Cincia (e non di Delaney o Rodriguez) e senza Micov o Hines raggiungerebbero a fine stagione un rendimento che permetta loro di restare in campo cosi’ tanto anche nei momenti chiave.
    Detto questo, anche io fatico a comprendere la scelta di Moretti che non e’ certo un giocatore finito e nemmeno pronto per la nostra lba . Del resto, l’alternativa era tenersi AdV che non ha fatto benissimo da noi. Forse sarebbe stato piu’ logico tenersi uno juniores.
    In ogni caso: il coach vede i ragazzi tutti i giorni e non credo che gli convenga tirare il collo a qualcuno. Sapra’ bene cosa sta facendo! Lo si puo’ considerare antipatico ma non certo sprovveduto o incapace. Non sara’ il migliore ma nemmeno un incompetente.

  4. Monti, pustola’ non fare la gavetta, cerca di avere la visione sul medio periodo. Lo stato di necessità è sempre dietro l’angolo ma non si ragiona solo sulle contingenze se non si è prevenuti come lo sei tu

  5. Monti, pistola, non fare la zabetta, cerca di avere la visione sul medio periodo. Lo stato di necessità è sempre dietro l’angolo ma non si ragiona solo sulle contingenze se non si è prevenuti come lo sei tu

  6. Orlando, mi spiace infierire, ma quando scrivi ti dai del pistola da solo ,basta vedere come scrivi…CIULAAAAAAAAAA !!!!!

  7. Monti, PUSTOLA’ NON FARE LA GAVETTA
    ORLANDO sei il degno assistente del messia e il più valido dei discepoli di palmasco…

  8. Chiaro che arrivare sani, concentrati e con qualche certezza maturata durante l’anno è un buon viatico per i playoff. Cosa che tra l’altro non è per nulla in contraddizione con un dominio presente ( e senza certezze per il futuro). L’analisi del presente ( e per definizione non del futuro), mostra che mediamente si superano easy i 100 di valutazione ( che è un discreto indicatore delle prestazioni globali, non solo delle sparacchiate o di santa percentuale) e i 50 di scarto, tenendo le altre squadre intorno ai 60.Poteva andare peggio, potrà senz’altro andare peggio.Le due cose non hanno un legame causale, e non vanno messe in relazione univoca, perchè fortunatamente il basket è uno sport complesso, in cui le variabili sono tante, altrimenti basta e avanza il fantabasket con l’ album delle figurine.

  9. @roberto Monti, tu sarai anche educato e saluterai tutti quelli che incontri (o era Alessandro o Andrea o siete tutti la stessa persona, mah!), ma l’insistenza con cui sottolinei ogni errore di battitura di Orlando, le sottili mica troppo allusioni al fatto che è un vecchio citrullo (non usi la parola coglione perché ci tieni all’ educazione tu), i tuoi continui teatrini con il tuo amico, le frasi in maiuscolo (perché sei educato e non usi la parola cazzo ma non hai ancora capito niente della netetiquette)… tutto questo a me ha rotto proprio le palle.
    Ma tanto, eh!
    So che rompere le palle e’ esattamente il tuo scopo, lo so, provocare ed esasperare. Quindi cado nella tua trappola… Perché cerco di non leggerti, ma sei talmente invasivo e onnipresente che è impossibile.

    Decine e decine di commenti tutti uguali e tutti inutili….
    Basta, lasciaci in pace, ti prego!!!!

  10. Tom Sawyer, dopo un commento del genere direi che sei pronto per un ricovero coatto in un manicomio che riapriranno appositamente per te .
    Nell’attesa, per passare la serata, ti consiglio la visione di QUALCUNO VOLO’ SUL NIDO DEL CUCULO.

    P.s. in effetti hai ragione, non ho ancora capito niente della netetiquette …

  11. Ma Tom Sawyer non era quello che sosteneva la tesi dei tavoli separati? O lui comanda e i cagnolini devono eseguire i suoi ordini? Usando lo.stesso metro di giudizio Tom Sawyer, Orlandoilrosso e Palmasco sarebbero la stessa persona solo perché esprimono lo steso pensiero? O vale solo per coloro che, fortunatamente, non la pensano come lui? Ma se non sai confrontarti con chi non condivide il tuo pensiero, perché non ti fai un gruppo su Whatsapp e inviti i tuoi amici di merenda per dirvi quanto siete bravi e belli invece di invocare sempre l’intervento del moderatore come i bambini dell’asilo? Anzi quest’ultimi sono molto più maturi di te. Purtroppo Tom Sawyer è solo un ipocrita e falso e ce lo dobbiamo tenere così com’è!
    PS..Roby, secondo me neanche al manicomio vogliono individui del genere…

  12. Grazie Tom ma è tempo sprecato, lui e GAE che ora si fa chiamare Andrea e chissà che altro, sono qui solo per provocare, per cui non ne vale la pena

  13. Comprendo i timori espressi da RobertoMonti sul possibile scoppio della squadra per eccessivi minutaggi (e ad oggi non mi sembra) e sete di vittoria, negli altri anni è spesso capitato (l’ultimo di Pianigiani con MJ da 35 minuti sempre e cotto nei PO). Ma credo al tempo stesso che vincere sia l’imperativo di ogni sportivo professionista di grande livello, anzi sia il fatto che lo distingue dagli altri. Non puoi scegliere partite dove ti impegni e partite che se perdi pazienza, Partite che vale la pena morirci e partite che in fondo se stavo a casa con la birretta era meglio. Se ti abitui a questo ragionamento non vincerai mai le partite che vuoi vincere. La vittoria è un fatto culturale, mentale, deve impossessarsi della tua testa e non lasciarti mai. Pensi che MJ23, Kobe o LeBron abbiano mai accettato facilmente una sconfitta facendo spallucce? Pensi che Lewis Hamilton o Vale Rossi abbiano vinto i mondiali centellinando le gare da vincere e quelle dove arrivare sesti? La voglia di vincerle tutte è lo stimolo per ottenere risultati eclatanti.

  14. Ciao Orlando, so che non ne vale la pena, ma una cosa è discutere di basket e non essere d’accordo e un’altra offendere le persone e attaccarle su argomenti sensibili e soprattutto stare qua SOLO per fare quello.
    Perché anche a Palmasco ogni tanto salta il nervo e sbotta sopra le righe, ma il restante 99% dei suoi interventi e’ basket e niente altro.
    Comunque, sento che sto entrando in una fase in cui devo staccarmi per un po’ per non tirare fuori il peggio di me stesso, quindi mi accodo a Mr Tate ed altri….!
    A presto, spero.

  15. Hollywood, quello che dici lo condivido al 100%.
    Ma sei tu che ,probabilmente, non stai afferrando il mio pensiero: non sto dicendo di rinunciare a vincere certe partite (in campionato) per far riposare certi giocatori, ma sto dicendo di cercare di vincerle con tutte le nostre forze ma utilizzando altri giocatori (gli italiani e quelli meno spremuti in euroleague) e,se dovessimo perdere alcune partite, pazienza, la stagione regolare non conta nulla, contano i playoff.
    Solo così, vista la data di nascita dei nostri giocatori più importanti, potremmo essere competitivi in euroleague…

  16. Però chissà come mai quando Palmasco ha sbroccato, Tom Sawyer non è quasi mai intervenuto con la tempestività con cui è intervenuto a soccorrere uno dei suoi amici di “partito”. Cmq non ci mancherai perché l’avrai scritto migliaia di volte che ti saresti staccato da qu, ma poi puntualmente sei sempre presente!

  17. Tate disperso
    Tom esodato
    Orlando suicidato
    Palmasco verso altri blog
    Dopo la sconfitta, la diaspora …

  18. Andrea, riflettendo a lungo, sono giunto alla conclusione che , dato che difendono sempre e comunque il messia, tom,Tate, Orlando e palmasco sono la stessa persona. ..

  19. Ma non hai un cazzo da fare oltre a scrivere inutilità. Ma è così divertente provocare ? Smettila impegnati a scrivere cose intelligenti, che hai dimostrato di poterlo fare se vuoi, e lascia perdere la droga del dileggio che ti rovina. Non rispondermi. A giovedi quando ci sarà da parlare di basket vediamo se riesci a digiunare 2 gg. Amen

  20. Ahahaha Roby, l’avevo già scritto io in precedenza. Che dici, dobbiamo aggiungere anche Iellini alla lista? Iellini nessuno ti obbliga a leggere ne a rispondere; ma è possibile che dobbiamo sempre ribadire lo stesso concetto? Eppure è così semplice e banale da comprendere, lo scrisse anche il moderatore in tempi recenti, ma voi purtroppo leggete e capite solo a modo vostro….

  21. Andrea, brutte notizie.
    Dopo che la prima ondata di strenui difensori del messia e’ stata dispersa , ecco totalmente imprevista la seconda, con Iellini nel ruolo di capopopolo.
    Purtroppo entrambe le orde hanno la squallida tendenza a ficcanasare nelle altrui conversazioni e a intromettersi, non richiesti, nelle pacate e spesso ironiche dispute riguardanti la conduzione della società e, dato che non ne condividono le tendenze pretendono di ergersi a censori delle altrui opinioni.
    Che dire ?
    A Iellini direi di pensare alle passate sfide con Ossola oppure,per passare la serata, di rivedersi un classico come
    ISPETTORE PALMASCO, IL CASO ORLANDO È TUO
    Sarebbe l’ultima occasione di divertirsi un po’, perché da giovedì in poi , dopo la tragica serata di Tel Aviv (possibilità di Vittoria = 0), di occasioni così non ce ne saranno più…

  22. Roby, vedrai che a breve le due orde si riuniranno per far fronte comune, poi non dire che non ti ho avvisato ahahaha. Cmq stasera mi vedrò il film classico che hai consigliato a Iellini!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Marco Belinelli: Il Papa ci ha detto parole importanti

Stamattina Marco Belinelli insieme una selezione di giocatori NBA è stato ricevuto in udienza dal Papa in Vaticano
Marco Belinelli Futuro

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Eurodevotion Power Ranking | Olimpia Milano perde una posizione

Eurodevotion firma il suo Power Ranking dopo dieci giornate di EuroLeague, e registra una piccola discesa di Olimpia Milano

Chiudi