L’Olimpia Milano e i centimetri: Dipende tutto dal gioco

Eurodevotion analizza il momento di Olimpia Milano parlando anche dei centri: Poco post basso, ma tutto dipende dal gioco, come sempre

Alberto Marzagalia di Eurodevotion analizza il momento di Olimpia Milano parlando anche dei centri. Ecco alcuni passaggi del suo intervento.

Una brevissima analisi può aiutare a capire come certamente centimetri e stazza siano importanti, ma che una struttura tecnica differente comporti tentativi di imporre il proprio gioco altrettanto differenti, per ogni squadra.

Valutando l’altezza media delle favorite al successo finale si evince che il Barça la presenti di cm 202,08, il Cska di cm 200,64, il Real di cm 200,07 e l’Efes di 198,88. Quella milanese si ferma a cm 197,60, tra le minori di tutto il torneo, dove però bisogna ancora considerare il completamento di alcuni roster.

Ok, è un dato di fatto e non va sottovalutato: può portar a qualche problema ma può anche dare vantaggi in altre situazioni. La chiave? Non ci annoieremo mai di ripeterlo, si tratta di imporre il proprio gioco.

Emerge (al We’re back preseason tour) come in due gare i lunghi dell’Olimpia abbiano portato a casa una media di 19,5 punti, con 14,5 tiri, sugli 83,5 di media messi a referto, ovvero il 23,35%. Il Real (in Supercopa) ha detto 32,5 punti (24,5 tiri) su 82 di media, quindi il 39,02%. Infine i blaugrana di Jasikevicius hanno segnato mediamente 34 punti sui 69,5 totali (23 tiri a gara), pari al 48,97%.

Quindi Milano non ha soluzioni coi suoi lunghi? No, sebbene sia squadra con pochissimo post basso (con o senza Tarczewski questo dato non cambia minimamente), si tratta soltanto di una struttura di roster che ha le sue armi più importanti sul perimetro, cosa che già oggi paga dividendi importanti e che, col tempo, sempre meglio organizzata, potrà offrire occasioni maggiori agli uomini più abituati a stare vicino al ferro.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Andreap70
Andreap70
2 mesi fa

Con pochi dati essenziali, in modo semplice e lineare, ha messo a fuoco un aspetto determinante. Aggiungo che ricordo come l’anno scorso durante la stagione siano precipitate le percentuali da 3, a fronte di difese avversarie che si erano progressivamente adattate al nostro gioco e che ormai sapevano quanto poco pericolosi eravamo vicino a canestro. Non avere un vero e credibile gioco in post complica molto la vita a tutti. Mi aspetto anche quest’anno un calo della pericolosità da lontano, forse però aumenterà la capacità in penetrazione (delaney ? Shields ? Anche punter ?). Ed è importante anche una maggior… Leggi il resto »

Biancorossodasempre
Biancorossodasempre
2 mesi fa

In questo movimento Gudaitis era diventato abbastanza pericoloso, ci manca in effetti una soluzione alternativa a PnR e tiro da 3 che diventa marcabile coi cambi sui blocchi

Next Post

Sasha Djordjevic: L'Olimpia Milano? Io guarderei al mio piatto, siamo riso in bianco

Sasha Djordjevic in conferenza stampa: Ha prepotenza nel gioco, credo di poterlo dire senza che mi arrivino lettere
Sasha Djordjevic

Subscribe US Now

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: