Ettore Messina: Dobbiamo imparare a non rilassarci

Alessandro Maggi 22

Ettore Messina dopo il successo in Olimpia Milano vs Zalgiris: Oggi in alcuni momenti ci è mancata la presenza di Kaleb Tarczewski

L’Olimpia ha vinto dopo il torneo di Cagliari e il percorso netto di Supercoppa anche il torneo di Kaunas. «Abbiamo costruito il vantaggio nel primo tempo – dice Coach Ettore Messina -, ma dobbiamo imparare a non rilassarci e oggi l’unico aspetto negativo è stato il nostro terzo quarto. Le partite durano 40 minuti, va ricordato. E’ stato un buon torneo che ci consegna una buona dose di fiducia per una stagione lunga, sapendo che abbiamo quello che serve per fare bene».

Sulla difesa: «E’ una questione di impegno. Abbiamo giocatori veloci che capiscono di poter difendere bene e capiscono quanto sia importante. E’ una questione di desiderio. Quella di oggi è stata una buona serata, ma la mentalità, l’attitudine è stata quella giusta fin dal primo giorno. La nostra stagione si deciderà in base a come reagiremo alle difficoltà che immancabilmente arrivano per tutte le squadre. Però abbiamo buone persone che lavorano bene insieme e possono costruire una chimica valida».

Sui margini di miglioramento: «Tantissimi. La difesa nel terzo quarta non è stata all’altezza di quella del primo tempo o dell’ultimo quarto. Dobbiamo imparare ad essere continui e consistenti indipendentemente dalle rotazioni. In attacco è sempre importante la qualità dei passaggi perché sono quelli che quando hai un vantaggio ti permettono id mantenerlo. Abbiamo tanto ancora da lavorare. Oggi in alcuni momenti ci è mancata la presenza di Kaleb Tarczewski».

Sulle differenze con l’anno scorso: «Non  è facile per nessuna squadra effettuare cambiamenti profondi. Lo scorso anno abbiamo cambiato tanto ma l’abbiam fatto tardi, io ad esempio sono arrivato solo a fine giugno. In queste condizioni magari non si prendono le decisioni migliori e non è colpa di nessuno se succede. Anche lo scorso anno vedevo una squadra che lavorava duro, bene, composta da persone valide, poi abbiamo avuto anche degli infortuni. Quest’anno abbiamo cercato di avere maggiore atletismo e poi quando prendi giocatori esperti, e dentro il concetto di esperienza ci finisce tutto, come Kyle Hines o Malcolm Delaney, questo ti aiuta».

22 thoughts on “Ettore Messina: Dobbiamo imparare a non rilassarci

  1. “Lo scorso anno abbiamo cambiato tanto ma l’abbiamo fatto tardi, io ad esempio sono arrivato solo a fine giugno. In queste condizioni magari non si prendono le decisioni migliori e non è colpa di nessuno se succede”..avrà bevuto?? Se il campionato è finito a giugno quando voleva arrivare?? Tutte le squadre iniziano il mercato a luglio visto che i campionati nazionali finiscono a giugno..magari non sarà colpa sua per ke decisioni prese ma del Presidente Operativo..ah vero è sempre lui..

    1. E’ arrivato a fine giugno in una società che ha cambiato presidenza, a luglio è arrivato il GM dopo averne atteso un altro. Sono fatti, non esiste solo il mercato (dove sono stati commessi errori su prime scelte, questo è vero), esiste anche una società cui dare un nuovo assetto, un mercato europeo da studiare in due minuti. Ci sta, basta dargli il giusto valore

      1. Tutto esatto quello che hai scritto però dire che la colpa non è di nessuno non corrisponde proprio tutto al vero e agli occhi di qualcuno potrebbe sembrare cone scaricare queste al fato

  2. Dopo la netta Vittoria di kaunas, comunque godibilissima , dopo gli innegabili passi avanti nella costruzione di un ‘ ottima squadra ( cessione di Gudaitis a parte), non si può fare a meno di constatare come , col crescere del livello degli avversari, il messia cada sempre nel solito errore, cioe aumentare verso i 30/35 minuti a partita la presenza in campo dei forti (hines punter micov rodriguez ecc ) e diminuire tendendo a 0 quella degli italiani (Moretti cinciarini Biligha e addirittura moraschini come ampiamente previsto dal sottoscritto).
    Non occorre essere dei geni per capire che il roster, inizialmente di 15 giocatori, tenda inevitabilmente a ridursi a 11 e con Tarcisio infortunato a 10 . Gestendo così la squadra è evidente che non si va da nessuna parte…in una partita come ieri non era importante vincere di 20 ma dare assolutamente più spazio agli italiani rendendoli parte integrante del progetto…
    Messia messia o cambi registro o le feste di natale ti porteranno via…

  3. 11 giocatori fra i 10 e i 24 minuti.
    Datome 15 min. Rodriguez 15 min
    Micov 22 e Hines 24 (mancava Tarcisio).
    Ci vuole un po di onesta’ intellettuale legata o dati concreti prima di sparare sentenze

    Era una partita vera dove provare schemi e soluzioni provate in allenamento. Il precampionato ha questo valore altrimenti e’ inutile partecipare a questi tornei
    Tanto vale stare a casa a riposarsi.

  4. Intende dire che la fretta è una cattiva consigliera, in due mesi puoi commettere errori più facilmente ed ha ammesso di aver sbagliato, già ma i.prevenuti leggono e interpretano come conviene loro

  5. Orlando non sapevo che oltre a dormire con il Messia era pure il suo portavoce..più che un tifoso dell’Olimpia Milano sembri solo un discepolo del Messia

  6. @Iellini troppo facile andare a vedere i minutaggi di giocatori come Datome Rodriguez Micov e Hines da te citati perché per onestà intellettuale dovresti anche scrivete i minutaggi di Biligha (3 minuti) Moretti (3 minuti) Roll (10 minuti) e addirittura Moraschini (2 minuti)..questi sono dati concreti non sentenze che saranno emesse da febbraio (Coppa Italia) in poi

  7. Forse qualche minuto in piú a Biligha, Moraschini e Moretti in effetti ci poteva stare, vista la larghezza del vantaggio e il carattere relativamente amichevole della partita. Ma la sensazione di questa 2 giorni di pre-eurolega é che Messina volesse provare proprio la sua squadra da Eurolega, quella che il 2 ottobre dovrà iniziare una lunga stagione. E in questa prospettiva ha gestito bene i minutaggi, direi che non ci sono dubbi. Se Datome e Rodriguez e Micov avessero giocato 33 Minuti a testa sarebbe una faccenda diversa, ma con la distribuzione di ieri non si puó essere scontenti.
    Penso che gli italiani giocheranno in campionato, molto spero, e avranno li la possibilità di guadagnarsi minuti da Eurolega. Difficile al momento pensare che Moretti possa prendere il posto di Roll con continuità, magari a dicembre non sará cosí. Roll non é Jordan, ma ha un rendimento minimo garantito, anche contro avversari di rilievo, che Moretti ancora non ha potuto mostrare.
    E credo che le F4 Supercoppa saranno di nuovo giocate dai “migliori”, perché Messina vuol vincere, vuole battere Bologna con chiarezza e non lasciare troppi dubbi su chi sia la squadra piú forte.
    Le partite dove rigirare il roster inizieranno con il campionato e li si ci si deve aspettare una gestione davvero diversa dallo scorso anno. Moretti, Moraschini, Cinciarini, Biligha ecc in altre squadre italiane sarebbero piú o meno acclamati titolari e dunque devono essere protagonisti anche con Milano anche se al loro posto potrebbero giocare campioni di Eurolega.
    Io quest’anno sono fiducioso, credo che Messina abbia fatto un mucchio di errori lo scorso anno, dagli acquisti/cessioni alle rotazioni (figlie di questi primi errori), quest’anno lo vedo meglio!

  8. Essere realisti significa evidenziare i reali problemi e suggerire come porvi rimedio, Avere preconcetti non è essere realisti, A bocce ferme continuare a evidenziare gli errori dello scorso anno e promuovere come unico rimedio l’esonero dell’allenatore sembra solo rancore malato. Credere in un risultato positivo fa parte del bagaglio di un normale tifoso aspettare un risultato negativo per esultare e poter dire ve lo avevo detto è un insano egocentrismo, Non andrà come speriamo noi tifosi? E’ possibile ma non esultare ad ogni piccolo traguardo è meschino.. Tutto qui

  9. Stavo per rispondere, ma “Gia” ha sintetizzato come meglio non si poteva il mio pensiero.

    Aggiungo solo questo: quando parlo di “onesta intellettuale” non intendo offendere ma puntualizzare semplicemente un commento che parte da numeri falsi : “non si può fare a meno di constatare come , col crescere del livello degli avversari, il messia cada sempre nel solito errore, cioe aumentare verso i 30/35 minuti a partita la presenza in campo dei forti”.
    Accettare punti di vista diversi è un conto, ma visto che nessuno e’ stupido, mi sembrava importante puntualizzare che: IERI NESSUNO HA GIOCATO PIU’ DI 24 MINUTI.

  10. Iellini ,non ho detto che hanno giocato 30/35 min ma ho parlato di tendenza : i forti verso 30/35 ,gli italiani verso 0 , non c’e niente da fare, la tendenza è quella…
    Gia sottoscrivo in toto il tuo pensiero !

  11. Concordo che una presa di responsabilità sul mercato l’avrei preferita, ma mi cambia il giusto. Credo anche che Messina stesse cercando di difendere più la squadra che sé stesso quando dice che sono cambiate molte cose (e quindi i giocatori possono non essersi ambientati bene). Detto questo, ormai siamo arrivati a inventarsi minutaggi (letteralmente, ringrazio chi mi ha evitato di fare i conti) per trovare qualcosa di negativo da dire quando la realtà è che la squadra sta giocando in maniera impressionante, ma conta il giusto perché è prestagione pura.

  12. In eurolega probabilmente sara così : per Biligha (volonteroso ma non attrezzato) per Moretti (giovane da non bruciare e far crescere in lba) e per Cinciarini (usato sicuro se c’è bisogno) . Moraschini credo e spero avrà i suoi spazi (spero che la pesantissima cura Messina lo faccia ancora crescere) .
    Poi i minutaggi dipendono da tante cose con l’obiettivo di vincere sempre, perchè è così che si acquista una mentalità vincente….poi se si riesce a far giocare Il Chaco 15-20 minuti ben venga perchè diventa micidiale.
    L’anno scorso la coperta era corta (ed è chiaro che centra anche l’allenatore) quest’anno mi sembra sia decisamente più lunga

  13. @Iellini la gestione del minutaggio non riguarda l’Eurolega dove salvo infortuni o altro i tre esclusi sono Cinciarini Biligha e Moretti (che spero se la giochi con Roll) e visto il roster ci può stare ma riguarda unicamente il campionato italiano dove gli esclusi dell’Eurolega (Biligha Cinciarini e Moretti) e quelli meno utilizzati in Eurolega devono giocare ma non i soliti 5/10 minuti che gli concede il Messia ma almeno 20/25 minuti a partita ovviamente tenendo presente che devono andare a referto 6+6 anche proprio perché come hai scritto giustamente tu quest’anno abbiamo uma coperta molto più lunga dell’anno scorso e per cui sfruttiamola..penso che su questo possiamo andare d’accordo giusto?? E poi ricordiamoci che basta arrivare nelle prime 8 in campionato per andare ai play-off..altrimenti vinceremo si ma rischiamo di arrivare con i nostri migliori giocatori (che non sono proprio dei ragazzini) cotti e spremuti nel momento clou della stagione

  14. La questione di fondo e’ questa: Allenatori vincenti, non parlo solo di Messina, non accettano di affrontare una partita, che sia campionato o Eurolega, con la possibilita’ di perderla. Credono che la mentalita’ di ogni singolo giocatore debba essere quella con il sangue negli occhi sempre anche ad un minuto dalla fine avanti di 30. Se incominci a pensare che questa non conta sei finito non controlli piu’ la squadra e non la motivi. Quindi anche in campionato ti fara’ giocare se dimostri di meritarlo. Questo approccio ha dei riflessi sui minutaggi ma e’ fondamentale per creare una squadra dura mentalmente.
    Quindi il tuo ragionamento (basta arrivare ottavi non sprechiamo energie e facciamo giocare gli italiani ) non e’ accettabile perche’ visto non funzionale all’ obiettivo di creare un gruppo lasciami dire con i controcoglioni.
    Fattene una ragione, poi spero in un po di flessibilita’ da parte di Messina e di una voglia pazzesca da parte di quelli che giocano meno.

  15. @Iellini vedremo da febbraio in poi se il mio ragionamento non è accettabile..io non devo farmi nessuna ragione..tu rimani della tua idea e io della mia..poi vedremo a fine stagione chi avrà avuto ragione

  16. Gae hai ragione da vendere , ma temo che non occorrerà aspettare fine stagione perché la squadra sarà bollita molto ma molto prima …

  17. @Dodo lasciamoli sfogare ora..io ancora mi ricordo i commenti entusiastici si settembre dell’anno scorso degli stessi che ora festeggiano senza ancora vinto nulla..come diceva il grande Trap “non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”..e i sogni li lasciamo agli altri

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Andiamo a Colonia! Con Kevin Punter...

Ok. Il titolo, dopo il primo assaggio di Eurolega, è volutamente provocatorio. E, si sa, per me provocare è tutto: lo sanno bene i tifosi della Ferrari su Twitter recentemente, chi – tifoso Virtus – ha il nome salvato in rubrica con l’asterisco e – aggiunta ultima – con la […]
La visione del Guaz

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: